[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: a conquista della servitù



Il giorno 26-02-2005 20:53, Davide Bertok ha scritto:

> Ok, è un pò tirato per i capelli (un antenna radar non la definirei base..)
> però installazioni in senso lato è più credibile, anche se non pensavo
> così tante :-(
> Grazie a te e anche a Paolo Trezzi.
> Davide
> 
> On 26 Feb 2005 at 2:10, Joe wrote:
> 
>> Il giorno 26-02-2005 1:53, Davide Bertok ha scritto:
>> 
>>> 
>>> On 26 Feb 2005 at 1:47, Joe wrote:
>>> 
>>>> scusate ma forse viviamo in un altro paese, gli Stati
>>>> Uniti hanno già invaso l'Italia nel 1943, hanno vinto
>>>> la guerra, l'Italia a Parigi nella conferenza di pace
>>>> è stata messa tra le nazioni sconfitte e nel 2005
>>>> abbiamo ancora 108 basi militari americane in Italia,
>>>> tra un po' 109 con l'aeroporto di Rimini, la
>>> 
>>> 108 basi?? Abbiamo una base praticamente in ogni provincia d'Italia
>>> e non me ne sono mai accorto? E che sarebbero? le Prefetture? I
>>> consolati? Attendo risposta...
>>> 
>>> Davide
>> 
>> ========
>> 
>> Eccone un elenco dettagliato - consolati e Prefetture esclusi. Sono
>> leggermente di più, 113 per l'esattezza:
>> http://www.iraqlibero.at/pag/busa.htm
>> 
>> Joe

================
================

Per un Paese piccolo come l'Italia è un numero MOSTRUOSO. Siamo in TOTALE
servitù nei confronti dei necroyankhamburgers, una sorta di fureria
dell'Impero (miserabile). Questa è la dura realtà.

Joe