[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Morto Peter Benenson, fondatore di Amnesty



#  Questa lista per la distribuzione delle informazioni
#  e' gestita dalla Sezione Italiana di Amnesty International.
#  Questo messaggio viene elaborato e inviato automaticamente. Si
#  prega di non rispondere a questo messaggio di e-mail in quanto non
#  vengono controllate eventuali risposte inviate al relativo indirizzo

COMUNICATO STAMPA
CS22-2005

Morto Peter Benenson, fondatore di Amnesty

Peter Benenson e' spirato venerdi' 25 febbraio, all'eta' di 83 anni,
nell'ospedale John Radcliffe di Oxford.

Peter e' stato il fondatore e l'ispiratore di Amnesty International. Nel
maggio 1961, informato dell'arresto di due giovani che in un caffe' di
Lisbona avevano brindato alla liberta' delle colonie portoghesi, pubblico'
su un settimanale di Londra un articolo intitolato 'I prigionieri
dimenticati'. Era un appello per un campagna di 12 mesi dedicata alla
liberazione di tutti i prigionieri per motivi di opinione: l'adesione
entusiasta di migliaia di persone lo convinse a trasformare quella
campagna in cio' che sarebbe divenuto il piu' importante movimento globale
per i diritti umani: un'organizzazione diffusa in oltre 150 paesi, con
quasi due milioni di iscritti.

Nei primi anni di vita di AI, Peter assicuro' all'organizzazione il
sostegno finanziario per muovere i primi passi, prese parte ad alcune
missioni di ricerca, si occupo' in prima persona di tutte quelle
incombenze necessarie a far crescere in dimensioni ed importanza la sua
'creatura'.

L'intera sua vita e' stata dedicata a combattere l'ingiustizia nel mondo.
Peter credeva nel potere delle persone comuni di provocare straordinari
cambiamenti: creando Amnesty International ha dato a ciascuno di noi
l'opportunita' di fare la differenza.

Ad una cerimonia pubblica per il 25esimo compleanno di Amnesty
International, Peter accese la candela con il filo spinato e recito'
quello che ricorderemo come il suo testamento spirituale: 'Questa candela
non brucia per noi, ma per tutte quelle persone che non siamo riuscite a
salvare dalla prigione, che sono state uccise, torturate, rapite,
scomparse. E' per loro che brucia la candela di Amnesty'.

FINE DEL COMUNICATO
Roma, 26 febbraio 2005

Per ulteriori informazioni, approfondimenti ed interviste:
Amnesty International Italia Ufficio stampa
Tel. 06 4490224, cell. 348 6974361, e-mail: press at amnesty.it





#  Le comunicazioni effettuate per mezzo di Internet non sono affidabili e
#  pertanto Amnesty International non si assume responsabilita' legale per i
#  contenuti di questa mail e di eventuali allegati. L'attuale infrastruttura
#  tecnologica non puo' garantire l'autenticita' del mittente ne' dei
#  contenuti di questa mail. Se Lei ha ricevuto questa mail per errore, e'
#  pregato di non utilizzare le informazioni in essa riportate e di non
#  portarle a conoscenza di alcuno. Opinioni, conclusioni e altre
#  informazioni contenute in questa mail rappresentano punti di vista
#  personali  e non, salvo quando espressamente indicato, quelli di Amnesty
#  International.