[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

ROM - Il Parlamento Europeo chiede la fine delle violazioni dei loro diiritti in Europa



Comunicato Stampa di Vittorio Agnoletto

RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO CHIEDE DI PORRE FINE ALLE VIOLAZIONI DEI
DIRITTI DEI ROM IN EUROPA

Delegazione di Rom a Bruxelles invitata da Vittorio Agnoletto denuncia le
autorità italiane per la loro legislazione e le loro pratiche
discriminatorie nei confronti del loro popolo



Bruxelles, 28 aprile 2005 - L'Italia dovrà rispondere alle istituzioni
europee della sua legislazione e delle sue pratiche nei confronti dei Rom.
"Abbiamo ascoltato storie tremende. Ragazzi nati in Italia vengono espulsi
al compimento della maggiore età verso i paesi dei loro genitori, che loro
non conoscono, di cui non conoscono neppure la lingua e dove, come accade
in Kosovo, rischiano di subire persecuzioni e pulizia etnica", ha
dichiarato l'eurodeputato Vittorio Agnoletto del gruppo GUE - Sinistra
Unitaria Europea.

Il Parlamento Europeo ha votato oggi una risoluzione che condanna le
sistematiche violazioni dei diritti umani nei confronti dei Rom nell'UE.
Negli stessi giorni, una delegazione italiana di rappresentanti di Rom, di
reti anti-razziste e di amministratori locali, invitata dall'On. Agnoletto,
ha incontrato i parlamentari di diversi gruppi politici. Questi hanno
risposto con l'impegno a inviare una delegazione parlamentare in Italia e
in altri Paesi dell'Unione per visitare i campi Rom e i "Centri di
Permanenza Temporanea".

La delegazione, proveniente da Milano, Roma e dalla provincia di Napoli,
attraverso la sua testimonianza, ha dato un contributo alla stesura
definitiva della risoluzione. Tra i punti salienti della stessa, la
condanna delle espulsioni collettive in violazione della Convenzione di
Ginevra del 1951, della segregazione dei Rom nei campi e delle detenzioni
illegali da parte delle forze dell'ordine. A fare le spese di tutto ciò
sono soprattutto i bambini: prima costretti a vivere in campi senza luce,
acqua né fogne, e poi sottratti ai genitori accusati dalle autorità
italiane di allevarli in ambienti malsani e inadatti.

Lo stesso Presidente della Commissione europea ha dichiarato in loro
presenza il 26/4/05 che fra le priorità del Gruppo dei Commissari
responsabili dei diritti fondamentali vi saranno i diritti dei minori e dei
Rom.



Per info e contatti:
On. Vittorio Agnoletto, tel. +39 335 6356  XXX
Giovanna Lelli, ufficio stampa Bruxelles: tel. +32 2 284  XXXX  / 0477 51  XXXX
Giosuè De Salvo, ufficio stampa Milano: tel. +39 347 703 XXXX