[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

l'UE ha votato contro l'indagine a Guantànamo



L'Unione Europea ha esercitato pressioni ed ha votato contro l'indagine
sulla situazione dei prigionieri a Guantánamo
L'UE ha votato contro un progetto di risoluzione presentato da Cuba presso
la Commissione sui Diritti Umani (CDH la sigla in spagnolo) a Ginevra. Il
progetto chiedeva un'indagine imparziale e indipendente sulla situazione dei
prigionieri detenuti dalle autorità USA nella base navale di Guantánamo, che
occupa illegalmente una porzione di territorio cubano.
La proposta cubana ha avuto il sostegno di Bielorussia, Siria, Malaysia,
Venezuela, Messico, Guatemala e Repubblica Democratica di Corea. Hanno
votato contro, oltre ai paesi dell'UE, Stati Uniti, Perú, Honduras, Costa
Rica, India, Canada e Romania. Le astensioni sono state 23.
Il giorno prima della votazione il presidente cubano Fidel Castro aveva
denunciato l'atteggiamento ipocrita dell'UE sul tema dei diritti umani,
citando inoltre i resoconti della pubblicazione Madrid Digital, secondo i
quali il blocco europeo ha esercitato pressioni affinché non venisse
approvato il progetto di risoluzione presentato da Cuba nella CDH.
"L'UE ed i paesi delle antiche repubbliche socialiste dell'Europa
Orientale" - sottolineava la pubblicazione spagnola - "hanno fatto pressione
sulle delegazioni dei paesi in via di sviluppo facenti parte della
Commissione per impedire che venisse presa in esame la risoluzione Questioni
dei detenuti nell'area della base navale degli Stati Uniti a Guantánamo
evitando così che l'operato del Governo statunitense fosse messo in
discussione".
Cuba aveva presentato una nuova versione del progetto di risoluzione di
minore portata rispetto alla proposta iniziale. La nuova versione si
limitava a chiedere agli USA l'autorizzazione di una missione imparziale e
indipendente, composta da rappresentanti di 4 organi permanenti della CDH,
avente lo scopo di comprendere la situazione delle persone private dalla
loro libertà a Guantánamo. SI chiedeva poi all'Alta Delegata per i Diritti
Umani di preparare e presentare alla Commissione, l'anno prossimo, un
resoconto basato sui risultati delle ricerche.
Nel suo intervento speciale di mercoledì, durante il quale ha continuato a
denunciare la permanenza impunita del terrorista Posada Carriles e dei suoi
complici negli USA, Fidel ha ricordato che l'anno scorso l'UE ha chiesto
quasi in ginocchio a Cuba di non venir collocata nella difficile situazione
di doversi pronunciare contro gli USA. L'Isola ha così deciso di ritirare il
progetto. "Ma questa volta non sarà così" - ha detto - "e gli europei
confermano una volta di più il loro tristissimo ruolo di Stati striscianti
di fronte all'impero, affiancati da altri paesi dell'America Latina come l'
Honduras ed il Guatemala."
Venerdì 15 aprile, gli Stati Uniti hanno pubblicamente chiesto nella CDH che
la risoluzione venisse ritirata, adducendo il suo carattere infondato,
atemporale e privo di basi.
Fidel ha stigmatizzato la nota posizione di paesi membri della CDH nei
confronti del progetto di risoluzione, rimproverandoli per la loro mancanza
di etica, pudore e carattere di paesi qualificati come "indipendenti, nobili
e buoni", sottolineando la loro ipocrita preoccupazione per i diritti umani,
il progresso e la democrazia. Ha nuovamente condannato la presunzione della
"mal chiamata Unione Europea" che pretende di mandare a Cuba "inviati" per
decidere sui diritti umani, mentre ignora la situazione di nazioni come
Guatemala, Nicaragua o El Salvador.
Il Presidente cubano ha indicato che l'analfabetismo, un flagello che in
Nicaragua era stato praticamente eliminato, oggi affligge nuovamente il 30%
della popolazione di quel paese. Ha anche rammentato che in El Salvador
hanno regnato gli squadroni della morte e sono stati commessi crimini
terribili. "Cose che vanno ricordate per provare ripugnanza nei confronti
dell'ipocrisia di questo sistema", ha sottolineato. (Gustavo Becerra)