[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

"Referendum, appello: nella Chiesa servirebbe dialogo, " umiltà e fiducia



Comunicato stampa

Referendum, nella Chiesa servirebbe dialogo, umiltà e fiducia



Parte da Padova e raccoglie adesioni in tutta Italia un appello per
chiedere alla Chiesa un atteggiamento di dialogo, umiltà e fiducia rispetto
ai temi al centro del referendum del prossimo 12 giugno. Un appello che in
poche ore E' già stato sottoscritto da 125 persone.

Fra le prime adesioni, spiccano quelle dell'animatore della Comunità di San
Benedetto al Porto di Genova don Andrea Gallo, del biblista don Paolo
Farinella e del sacerdote padovano fondatore di Beati i Costruttori di Pace
don Albino Bizzotto, nonchE' di altri 18 fra preti, religiosi e suore. A
firmarlo però sono anche molti laici, in difficoltà con il comportamento
dei vertici della Chiesa italiana.

"Ponendo il problema tra chi E' per la vita e chi no, - si legge
nell'appello - si fa della legge un assoluto e la si trasforma in una
verità di fede. La legge 40 così non E' più una legge dello Stato italiano,
ma una "legge per la vita" della Chiesa cattolica. Così, su chi va a votare
sì al referendum, viene pronunciato il giudizio di non essere per la vita.
Su chi, tra i cattolici andrà a votare cadrà il pre-giudizio di essere per
il sì e soprattutto di essere disobbediente non in comunione con la Chiesa.
Proprio la novità, la complessità, la estrema delicatezza delle
problematiche legate all'origi-ne della vita avrebbero dovuto spingerci a
dialogare con umiltà e fiducia con tutti, per condividere conoscenze e
responsabilità, perplessità e preoccupazioni, mettere in risalto i rischi,
ma anche sostenere e incoraggiare chi ricerca con onestà e amore per
l'umanità".

L'appello ricorda anche che sono moltissime le persone in difficoltà e in
ricerca su questi temi e che il clima risulta avvelenato, con posizioni
contrapposte e con "segnali di intolleranza verso chi tenta di rimanere in
dialogo con tutti".

"Molti cattolici, - si legge - obbedendo ed astenendosi dal voto, si
sentiranno a posto in coscienza (dalla unica parte giusta perché per la
vita e tutti gli altri dalla parte sbagliata) in realtà rimarranno
semplicemente nell'ignoranza e nella incapacità di confrontarsi e motivare
le loro scelte.

Molti laici si contrapporranno con ancor più risentimento alla Chiesa per
l'invasione indebita nella laicità dello Stato, esprimendo intolleranza
verso le posizioni politiche dei cattolici". Da dove viene alla gerarchia
ecclesiastica - conclude l'appello ricordando che anche Gesù si E' affidato
alla libertà dei discepoli - questa concezione della minorità di tutti
coloro che credono in Cristo, responsabili assieme a loro di tutte le
scelte della Chiesa?".



SI ALLEGA (anche qui di seguito) IL TESTO INTEGRALE DELL'APPELLO CON
L'ELENCO DEI PRIMI FIRMATARI



Ufficio stampa: Mariagrazia Bonollo, 348 2202662

 
...................................................................................................................................


Referendum, nella Chiesa servirebbe dialogo, umiltà e fiducia



APPELLO





"La vita non si può mettere ai voti". E' questo lo slogan del volantino
diffuso nelle chiese cattoliche domenica scorsa.



No, care sorelle e fratelli: questo E' uno stravolgimento fondamentalista
della realtà. Nessuno va a votare sulla vita, ma semplicemente su alcuni
punti della legge 40 sulla Procreazione Medicalmente Assistita (PMA).
Nessuna legge E' assoluta ed eterna, nessuna E' perfetta e immodificabile.
Ponendo il problema tra chi E' per la vita e chi no, si fa della legge un
assoluto e la si trasforma in una verità di fede. La legge 40 così non E'
più una legge dello Stato italiano, ma una "legge per la vita" della Chiesa
cattolica. Che faranno i cattolici degli altri paesi europei dove la legge
E' ben diversa e dove già si recano coppie, anche cattoliche italiane?
Così, su chi va a votare sì al referendum, viene pronunciato il giudizio di
non essere per la vita. Su chi, tra i cattolici andrà a votare cadrà il
pre-giudizio di essere per il sì e soprattutto di essere disobbediente non
in comunione con la Chiesa.



Proprio la novità, la complessità, la estrema delicatezza delle
problematiche legate all'origi-ne della vita avrebbero dovuto spingerci a
dialogare con umiltà e fiducia con tutti, per condividere conoscenze e
responsabilità, perplessità e preoccupazioni, mettere in risalto i rischi,
ma anche sostenere e incoraggiare chi ricerca con onestà e amore per
l'umanità.

Sono moltissime le persone, cattoliche e laiche, che sono in difficoltà e
in ricerca, perché si sanno ancora non sufficientemente informate e
vorrebbero trovare momenti e luoghi per un sereno, aperto confronto e
dialogo con tutte le posizioni e con tutte le sensibilità. Oltre a
respingere il giudizio di non essere per la vita, molti laici lamentano che
la proposta e la pressione per l'astensione impediscono di fatto la
possibilità di confronto e di dialogo.

Invece ora tutto E' concentrato sul risultato del referendum, tutto
l'impegno e l'attenzione sono puntati sul risultato dei rapporti di forza e
non sulle problematiche in questione.

Così il clima si avvelena e ci troviamo ancora una volta nel mezzo di due
schieramenti che vedono contrapposti madre ed embrione, mondo cattolico e
mondo laico. Anche gli incontri di informazione sono accuratamente
separati, per ascoltare solo le ragioni della propria scelta, con segnali
di intolleranza verso chi tenta di rimanere in dialogo con tutti.

Molti cattolici, obbedendo ed astenendosi dal voto, si sentiranno a posto
in coscienza (dalla unica parte giusta perché per la vita e tutti gli altri
dalla parte sbagliata) in realtà rimarranno semplicemente nell'ignoranza e
nella incapacità di confrontarsi e motivare le loro scelte.

Molti laici si contrapporranno con ancor più risentimento alla Chiesa per
l'invasione indebita nella laicità dello Stato, esprimendo intolleranza
verso le posizioni politiche dei cattolici.

Si fa presto da parte di esponenti della gerarchia ecclesiastica accusare
gli altri "di pregiudizi e di una campagna fatta di slogan ingannevoli". E'
un'accusa reciproca e sempre più pesante.



Ma come Chiesa possiamo porci in concorrenza o metterci in contrapposizione
con il resto della società? Da dove ci viene questa sfiducia nei confronti
di chi ha altri riferimenti per esprimere la sua umanità, sapendo che Dio
E' presente e si rivela in ogni persona? Se anche venisse mostrata
intolleranza nei nostri confronti non dovremmo comunque comportarci da
fratelli?

Siamo nei giorni della Pentecoste. Perché quello che celebriamo non fa
parte del nostro modo di fare storia? Lo Spirito e la responsabilità
storica di testimoniare Gesù risorto sono affidati a tutti i discepoli, a
tutta la comunità dei fratelli e non alle "guide" soltanto. Da dove viene
alla gerarchia ecclesiastica questa concezione della minorità di tutti
coloro che credono in Cristo, responsabili assieme a loro di tutte le
scelte della Chiesa? E pensare che nel Vangelo Gesù non usa mai la parola
obbedienza nei confronti dei discepoli e fin dall'inizio il Risorto si
affida totalmente alla loro libertà.



Padova, 28 maggio 2005





........................
Ufficio Stampa
Mariagrazia Bonollo
Via Corner 1
36016 Thiene (VI)
0445 812321
348 2202662
---------------------------------
Ai sensi del D.Lgs. 196/2003 si precisa che le informazioni contenute in
questo messaggio sono riservate ed a uso esclusivo del destinatario.
Qualora il messaggio in parola Le fosse pervenuto per errore, La invitiamo
ad eliminarlo senza copiarlo e a non inoltrarlo a terzi, dandocene
gentilmente comunicazione. Grazie.

Pursuant to Legislative Decree No. 196/2003, you are hereby informed that
this message contains confidential information intended only for the use of
the addressee. If you are not the addressee, and have received this message
by mistake, please delete it and immediately notify us. You may not copy or
disseminate this message to anyone. Thank you.