[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

libro



 
From: Claudio
Carissimi,temo che, in questa Italia revisionista, non si parlerà di questo libro, ma io ve lo consiglio caldamente.
 
 

ANGELO DEL BOCA

Italiani brava gente ?

Neri Pozza, 16

 

Negli anni che vanno dall?unità del nostro Paese alla fine della seconda guerra mondiale si sono verificati molti episodi nei quali gli italiani si sono rivelati capaci di indicibili crudeltà. In genere le stragi sono state compiute da «uomini comuni», non particolarmente fanatici, non addestrati alle liquidazioni in massa. Uomini che hanno agito per spirito di disciplina, per emulazione o perché persuasi di essere nel giusto eliminando coloro che ritenevano «barbari» o «subumani».
Angelo Del Boca esamina, in questo libro, gli episodi più efferati, quelli che costituiscono senza dubbio le pagine più buie della nostra storia nazionale: i massacri di intere popolazioni del meridione d?Italia durante la cosiddetta «guerra al brigantaggio»; l?edificazione nell?isola di Nocra, in Eritrea, di un sistema carcerario fra i più mostruosi; le rapine e gli eccidi compiuti in Cina nel corso della lotta ai boxers; le deportazioni in Italia di migliaia di libici dopo la «sanguinosa giornata» di Sciara Sciat; lo schiavismo applicato in Somalia lungo le rive dei grandi fiumi; la creazione nella Sirtica di quindici lager mortiferi per debellare la resistenza di Omar el-Mukhtàr in Cirenaica; l?impiego in Etiopia dell?iprite e di altre armi chimiche proibite per accellerare la resa delle armate del Negus; lo sterminio di duemila monaci e diaconi nella città conventuale di Debrà Libanòs; la consegna ai nazisti, da parte delle autorità fasciste di Salò, di migliaia di ebrei, votati a sicura morte.
È vero che nell?ultimo secolo e mezzo molti altri popoli si sono macchiati di imprese delittuose, quasi in ogni parte del mondo. Tuttavia, soltanto gli italiani hanno gettato un velo sulle pagine nere della loro storia ricorrendo ossessivamente e puerilmente a uno strumento autoconsolatorio: il mito degli «italiani brava gente», un mito duro a morire che ci vuole «diversi», più tolleranti, più generosi, più gioviali degli altri, e perciò incapaci di atti crudeli.
Con la sua scrittura chiara e documentata, Angelo Del Boca mostra invece come dietro questo paravento protettivo di ostentato e falso buonismo si siano consumati, negli ultimi cent?anni, in Italia, in Europa e nelle colonie d?oltremare, i crimini peggiori, gli eccidi più barbari. Crimini ed eccidi commessi da uomini che non hanno diritto ad alcuna clemenza, tantomeno all?autoassoluzione.

Angelo Del Bocaè nato a Novara nel 1925. Narratore (la sua prima raccolta di racconti, Dentro mi è nato l?uomo, è apparsa per Einaudi nel 1947), saggista, storico del colonialismo italiano (a partire dal 1976, presso Laterza, ha pubblicato la sua monumentale opera Gli italianiin Africa Orientale), direttore della rivista di storia contemporanea «Studi Piacentini», vive a Torino. Con Neri Pozza ha pubblicato La nostra Africa.

 

 

Ci scusiamo se qualcuno di voi è finito per sbaglio nella  rubrica dell'Associazione Partenia.Se non avete gradito il messaggio e se non volete più riceverne, potete inviare una mail con su scritto"cancellami".Provvederemo immediatamente.Cordiali saluti.
ASSOCIAZIONE PARTENIA
http://utenti.lycos.it/partenia