[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Legge sulle mutilazioni genitali femminili: dichiarazione di Amnesty International



#  Questa lista per la distribuzione delle informazioni
#  e' gestita dalla Sezione Italiana di Amnesty International.
#  Questo messaggio viene elaborato e inviato automaticamente. Si
#  prega di non rispondere a questo messaggio di e-mail in quanto non
#  vengono controllate eventuali risposte inviate al relativo indirizzo

COMUNICATO STAMPA
CS158-2005

LEGGE SULLE MUTILAZIONI GENITALI FEMMINILI: DICHIARAZIONE DI AMNESTY
INTERNATIONAL

La Sezione Italiana di Amnesty International ha espresso oggi il proprio
apprezzamento per l'approvazione, da parte della Commissione giustizia del
Senato, della legge che istituisce il reato di mutilazione genitale
femminile.

'Questa legge era uno degli obiettivi della nostra campagna 'Mai piu'
violenza sulle donne', lanciata da Amnesty International nel 2004 a
livello mondiale' - ha dichiarato Fosca Nomis, vicepresidente della
Sezione Italiana dell'organizzazione, che ha sottolineato anche 'l'accento
che la legge pone sulle azioni di sensibilizzazione, informazione,
ricerca, cooperazione, valorizzazione e coinvolgimento di tutti gli
operatori'.

'Le mutilazioni genitali femminili sono pratiche orribili, che sono spesso
causa di morte e sempre di traumi indelebili' - ha proseguito Nomis.
'Vanno impedite e punite con le leggi e col coraggioso lavoro che,
specialmente nei paesi africani, portano avanti le organizzazioni
femminili'.

'Con l'adozione di questa legge, l'Italia ha fatto una scelta in favore
del rispetto dei diritti umani. Attendiamo ora l'approvazione della legge
sull'introduzione del reato di tortura nel codice penale, che la Sezione
Italiana di Amnesty International sollecita ormai da quindici anni' - ha
concluso Nomis.

FINE DEL COMUNICATO
Roma, 23 dicembre 2005

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia - Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 - cell. 348-6974361, e-mail: press at amnesty.it


#  Le comunicazioni effettuate per mezzo di Internet non sono affidabili e
#  pertanto Amnesty International non si assume responsabilita' legale per i
#  contenuti di questa mail e di eventuali allegati. L'attuale infrastruttura
#  tecnologica non puo' garantire l'autenticita' del mittente ne' dei
#  contenuti di questa mail. Se Lei ha ricevuto questa mail per errore, e'
#  pregato di non utilizzare le informazioni in essa riportate e di non
#  portarle a conoscenza di alcuno. Opinioni, conclusioni e altre
#  informazioni contenute in questa mail rappresentano punti di vista
#  personali  e non, salvo quando espressamente indicato, quelli di Amnesty
#  International.