[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Rapporto di Amnesty International sull'Italia: minori migranti e richiedenti asilo "Invisibili"



#  Questa lista per la distribuzione delle informazioni
#  e' gestita dalla Sezione Italiana di Amnesty International.
#  Questo messaggio viene elaborato e inviato automaticamente. Si
#  prega di non rispondere a questo messaggio di e-mail in quanto non
#  vengono controllate eventuali risposte inviate al relativo indirizzo

COMUNICATO STAMPA
CS22-2006

RAPPORTO DI AMNESTY INTERNATIONAL SULL'ITALIA: MINORI MIGRANTI E
RICHIEDENTI ASILO 'INVISIBILI'

'Sono minorenne e non posso stare qui perché tutte le persone che sono qui
non vogliono che sto con loro perché io sono un bambino?ed e' troppo
brutto stare qui. Non dormo la notte e vi chiedo gentilmente lasciatemi
andare via da qui il piu' presto possibile. Grazie.'
(lettera di 'Mislim', detenuto in un centro di detenzione della Sicilia)

Ogni anno, centinaia di minori migranti e richiedenti asilo finiscono
regolarmente in centri di detenzione per stranieri al loro arrivo alla
frontiera marittima italiana. Consentendo questa situazione, le autorita'
italiane violano le norme e gli standard del diritto internazionale dei
diritti umani e, nella maggior parte dei casi, la stessa legge nazionale.
E' quanto ha denunciato Amnesty International, in un rapporto intitolato
'Invisibili. Minori migranti detenuti all'arrivo in Italia' (EGA Editore,
con una prefazione di Andrea Camilleri), presentato questa mattina a Roma.

'I minori sono le prime vittime del fallimento delle politiche italiane in
materia di asilo e immigrazione. Sono resi invisibili dall'assenza di
statistiche e dalla generale mancanza di trasparenza dei centri di
detenzione e costretti a vivere, talvolta per lunghi periodi di tempo, in
condizioni inadeguate, senza la possibilita' di contestare la legittimita'
della loro detenzione' - ha affermato Paolo Pobbiati, presidente della
Sezione Italiana di Amnesty International.

Negli ultimi cinque anni, circa 80.000 migranti e richiedenti asilo hanno
raggiunto l'Italia via mare, dopo un viaggio pericoloso, spesso a bordo di
piccoli battelli inadatti ad attraversare il Mediterraneo. Tra di essi vi
erano centinaia di minorenni, generalmente molto piccoli o talvolta
neonati, in alcuni casi non accompagnati, provenienti da Eritrea, Etiopia,
Somalia, Turchia e, in misura inferiore, dall'Africa del Nord e dal Medio
Oriente. Molti sono stati posti in detenzione all'arrivo alla frontiera
marittima, insieme agli adulti, sebbene non vi sia alcuna legge nazionale
che giustifichi questa sistematica procedura.

In molti casi, il diritto dei minori in stato di detenzione di essere
tenuti separati da adulti che non sono membri della loro famiglia, non e'
stato rispettato. Molti minori, in alcuni casi anche di eta' inferiore a
cinque anni, hanno dovuto affrontare intense temperature d'estate, freddo
e umidita' d'inverno, in strutture precarie all'interno dei centri di
detenzione.

L'organizzazione per i diritti umani ha ricevuto piu' di 890 denunce e
informazioni riguardanti la presenza, negli ultimi anni, di minori nella
maggior parte dei centri di detenzione per stranieri. L'ufficio di ricerca
della Sezione Italiana di Amnesty International e' in possesso di
dettagliate informazioni su 28 minori non accompagnati detenuti tra
gennaio 2002 e agosto 2005. Quasi tutti erano richiedenti asilo
provenienti da paesi dell'Africa sub-sahariana, in cui la situazione dei
diritti umani e' molto grave.

Bambino soldato in fuga dal suo paese di origine, nell'Africa
sub-sahariana, 'John' e' arrivato da solo a Lampedusa. Ha dichiarato alle
autorita' di avere solo 16 anni e cio' nonostante e' stato tenuto per due
giorni nel Centro di permanenza temporanea e assistenza dell'isola, dove
ha dormito in una stanza con sei uomini adulti. In seguito, e' stato
trasferito in un altro centro dell'Italia meridionale, dove per un mese ha
dovuto dividere una stanza con 12 adulti. Alla fine, 'John' ha trovato una
sistemazione in un centro di assistenza per minori. Tuttavia, a cinque
mesi dal suo arrivo in Italia, era ancora in attesa della nomina di un
tutore che potesse rappresentarlo.

'Jennifer' e' nata pochi giorni dopo l'arrivo dei suoi genitori in Italia.
Subito dopo la sua nascita, la famiglia e' stata trasferita in un caravan
all'interno di un centro di detenzione, dove ha trascorso 20 giorni.
Secondo quanto ha dichiarato ad Amnesty International la madre di
'Jennifer', non v'erano alberi o altre forme di protezione dal caldo
torrido estivo e la neonata piangeva costantemente.

'E' assolutamente inaccettabile e contrario alla legge che i minori, con o
senza i loro familiari, siano sistematicamente detenuti al loro arrivo in
Italia. Dopo un viaggio drammatico in cui possono aver rischiato piu'
volte la vita, i minori non accompagnati vengono spesso sottoposti a
perquisizioni corporali e possono vedersi confiscati i loro effetti
personali. Vivono dunque, ancora una volta, una situazione drammatica:
quando vengono trasferiti nei centri di detenzione e poi al loro interno,
dove possono trovarsi in condizioni precarie, insieme ad adulti con cui
non hanno alcun grado di parentela. Spesso ai minori, accompagnati e soli,
non vengono fornite informazioni o assistenza di tipo legale. In alcuni
casi, i minori non accompagnati rischiano di essere respinti verso i paesi
da cui sono fuggiti, a causa di una inaccurata valutazione della loro
eta'' - ha sottolineato Giusy D'Alconzo, ricercatrice della Sezione
Italiana di Amnesty International e autrice del rapporto 'Invisibili'.

L'associazione riconosce il diritto sovrano degli Stati di controllare
l'ingresso, la residenza e l'espulsione di cittadini stranieri che si
trovano nel loro territorio. Questo diritto, tuttavia, deve essere
esercitato nel rispetto delle norme e degli standard internazionali sui
diritti umani e non puo' prevalere a spese dei fondamentali diritti umani
dei migranti e dei richiedenti asilo, a prescindere dal loro status e
soprattutto quando si tratta di persone vulnerabili.

Chi e' minore si trova in una condizione di particolare vulnerabilita' e
merita dunque una protezione speciale e una considerazione primaria in
ogni contesto. La valutazione di quale possa essere il 'superiore
interesse' del minore, secondo quanto richiesto dalla Convenzione dell'Onu
sui diritti dell'infanzia, dovrebbe guidare le prassi e le decisioni che
coinvolgono, direttamente o indirettamente, i minori in ogni fase delle
procedure riguardanti il fenomeno migratorio.

'E' davvero giunto il momento che il governo italiano ponga rimedio alle
violazioni dei diritti umani che si verificano in generale ai danni dei
migranti e dei richiedenti asilo e, nello specifico, contro i minori.
L'Italia deve porre fine alla pratica della detenzione sistematica dei
minori migranti e richiedenti asilo e adottare una legge organica
sull'asilo per garantire loro la necessaria protezione. Il governo deve
rimediare all'invisibilita', consentendo visite indipendenti nei centri di
detenzione' - ha concluso Paolo Pobbiati.

FINE DEL COMUNICATO
Roma, 23 febbraio 2006

Il rapporto 'Invisibili. Minori migranti detenuti all'arrivo in Italia' e'
disponibile all'indirizzo: http://www.amnesty.it e presso l'Ufficio stampa
di Amnesty International Italia.

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia - Ufficio stampa
Tel. 06 4490224, cell. 348-6974361, e-mail: press at amnesty.it
1



#  Le comunicazioni effettuate per mezzo di Internet non sono affidabili e
#  pertanto Amnesty International non si assume responsabilita' legale per i
#  contenuti di questa mail e di eventuali allegati. L'attuale infrastruttura
#  tecnologica non puo' garantire l'autenticita' del mittente ne' dei
#  contenuti di questa mail. Se Lei ha ricevuto questa mail per errore, e'
#  pregato di non utilizzare le informazioni in essa riportate e di non
#  portarle a conoscenza di alcuno. Opinioni, conclusioni e altre
#  informazioni contenute in questa mail rappresentano punti di vista
#  personali  e non, salvo quando espressamente indicato, quelli di Amnesty
#  International.