[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

IMPERDIBILE ! FANTASTICO SCAMBIO EPISTOLARE TRA LUCA VOLONTE' PRESIDENTE DELL'UDC E DON PAOLO FARINELLA PRETE A GENOVA !



IMPERDIBILE! FANTASTICO SCAMBIO EPISTOLARE TRA LUCA VOLONTE' PRESIDENTE DELL'UDC E DON PAOLO FARINELLA PRETE A GENOVA !

----- Original Message -----
Sent: Sunday, May 28, 2006 10:19 AM
Subject: Fw: Il Tafanus del 28 maggio
 

Tafanus

Questo <Giornale> è indipendente (non ci paga nessuno) e fazioso. Chi non volesse riceverlo, può inviarci una e-mail vuota con oggetto <Cancella>. Chi invece volesse diffonderlo, può inoltrarlo ad altri, od inviarci indirizzi di persone possibilmente consenzienti. Commenti, minacce ed insulti possono esserci inviati al blog collegato , al seguente indirizzo:

http://www.iltafano.blog.kataweb.it

...il vecchio Travaso (almeno mi sembra) aveva una rubrica che si intitolava "Quello che dicono e quello che pensano"; questa rubrica ci è venuta in mente leggendo le dichiarazioni del mite e cattolicissimo Luca Volontè, perchè il nostro blog proprio ieri aveva riportato un fantastico scambio epistolate fra lo stesso Volontè e Don Paolo Farinella. Imperdibile. Eccolo:
 
-1) Lettera di Volontè a don Paolo Farinella

 

Camera dei Deputati - Gruppo Parlamentare UDC - Il Presidente -

 

Egregio Signor Parroco,

 

sono [sic!] a disturbarla per chiederle la cortesia di inviarmi, se possibile con sollecitudine, una giaculatoria, di quelle che insegnavano le nonne ai nipotini. Io le ho imparate così e così le insegno alle mie figlie. Purtroppo vedo che questa sana memoria cristiana, che ci accompagna durante la giornata, và [sic!] scomparendo e rischia così di finire una ricca e proficua 'trasmissione di fede'.

 

Perciò mi sono deciso a chiederle una (o più) 'giaculatorie' che insieme a quelle dei suoi confratelli delle altre parrocchie italiane, vorrei raccogliere in un volumetto semplice che penso utile ed edificante. Confido nel potere aver una sua risposta entro il mese di luglio. Spero di averla convinta e non averla disturbata,

                                                                             Suo in Cristo

                                                                            Luca Volontè

Ps. Nel caso le sia comodo i miei indirizzi sono:

Luca Volontà - c/o Gruppo UdC

Via Uffici del Vicario 21

00100 Roma

oppure via mail (ancora più comodo e rapido): VOLONTE_L at CAMERA.IT

 

-2) La risposta di don Paolo Farinella

 

Sig. Luca Volontà - Camera dei Deputati

Roma

e p.c.

ad una marea di amiche e amici che prego di diffondere ciascuno con i propri mezzi via e-mail

 

Lei non mi conosce perché se mi conoscesse non mi avrebbe scritto la delirante richiesta, di cui sopra. In quanto cristiano la ritengo responsabile in solido dello sfascio dell'Italia in cui il governo Berlusconi da lei e dal suo partito sostenuto e condiviso anche in appoggio a leggi immorali totalmente in contrasto con la dottrina della Chiesa, quella Chiesa di cui lei ora si fregia per convenienza partitica, raccogliendo "giaculatorie" da pubblicare, mi pare di capire, in un libro, non per le sue figliole (poverette!), ma per inviarlo come propaganda a tutte le parrocchie italiane e istituti religiosi, maschili e femminili, credendo così di millantare un credito che eticamente lei ha perso il giorno in cui ha votato la prima legge ad personam, favorendo gli interessi personali e di casta del deputato Berlusconi e famigli. D'altronde, anche nel suo partito, lo stesso segretario Follini si è dissociato, sebbene in ritardo e per questo lo avete dimissionato. Dal punto di vista della morale cristiana è ladro tanto chi ruba quanto chi para il sacco. Lei di sacchi ne ha parati uno stock intero in cinque anni. Da cattolico?

 

Ogni volta diceva una "giaculatoria" per non rischiare di fare "finire una ricca e proficua 'trasmissione della fede'"?.  Quando ha votato il conflitto d'interessi quale giaculatoria ha detto, potrebbe inviarmela? O per la legge sulle tv del padrone, a chi ha chiesto protezione? A santa Chiara? A santa Scura? o a Santa Opaca?

 

            La "sollecitudine" che lei invoca per inviarle le "giaculatorie", la impegni più proficuamente a meritarsi il lauto stipendio (12.000?/15.000? euro al mese?) che noi con le nostre tasse le paghiamo perché serva il paese e non perché si preoccupi della "trasmissione della fede". Lei è stato eletto non per assemblare giaculatorie, ma per servire il popolo sovrano, facendo una opposizione legittima ma proporzionata al dovere della maggioranza di governare il Paese, specialmente nello stato comatoso in cui voi lo avete lasciato.

 

            Se lei ha imparato le giaculatorie da piccolo, le reciti in silenzio e non le sbandieri in piazza perché così fanno anche gli ipocriti e i pagani: per farsi vedere e per averne un utile. Lei vorrebbe farmi credere che è preoccupato per la "trasmissione della fede"? Via, sig. deputato! lei crede veramente che io sia così stupido da non capire il suo diabolico piano?

 

            Lei ha perso le elezioni e il potere, vuole mantenere i contatti con quel bacino di riferimento cattolico che sono le parrocchie (la maggior parte delle quali sono da lei distanti, tanto per precisare, ovvia!) e accreditarsi come deputato credente e praticante fino al punto da raccogliere "giaculatorie" e pubblicarle con il suo nome e cognome (Andreotti docet!) e fare così propaganda sistematica per i gonzi che possono cascarci.

            Vedo anche che lei ha fretta in questa santa fatica editoriale se mi chiede una giaculatoria entro luglio: forse che vanno in scadenza come il tonno e l'insalata?.

 

            Io, invece, Paolo Farinella, prete di Genova, elettore e quindi pro quota parte attiva del popolo sovrano di cui lei è dipendente, considerato che ha scritto con la carta intestata della Camera (quindi gratuita), chiedo a lei che ha l'obbligo morale e giuridico di rispondere:

 

1. Ritiene lei che la raccolta delle giaculatorie, una per parrocchia di tutta Italia (circa 40.000) sia una priorità essenziale ed esiziale per la sopravvivenza del popolo che lo ha eletto al parlamento? Presenti un disegno di legge, sia discusso in commissione e in Camera e si voti sulla proposta e sulla copertura finanziaria (forse si ridurranno le pensioni minime perché con una giaculatoria al giorno gli anziani riescono a levare il medico di torno?).

 

2. Se la sua  iniziativa è privata perché usa la carta intestata  della Camera che le compete solo nell'esercizio della sua funzione di deputato che nulla a che a fare con questa stupida e ignorante iniziativa? Non è questa la morale cattolica? Lei ha studiato una morale ad elastico?

 

3. Quante copie intende stamparne dell'eventuale libro di giaculatorie? A spese di chi? Per la spedizione eventuale alle parrocchie e/o ad altri chi paga le spese postali? Il francobollo di posta prioritaria che c'è sulla busta della sua missiva chi lo ha pagato? Lei di tasca sua o noi di tasca nostra per intromissione indebita delle sua mani? Lei ha il pudore ancora di dire che non avete aumentato le tasse e non avete messo le mani in tasca ai cittadini? Cosa sta facendo lei, non sta mettendo le mani nelle mie e altrui tasche?

 

4. Per preservare la "trasmissione della fede", sarebbe meglio che non usasse i soldi dei cittadini, come esige la morale cattolica per spedire lettere sue personali o per stampare libri di giaculatorie inutili e fuorvianti. Deputato Volontè "giaculi" meno e non  sperperi i soldi degli Italiani e impegni il suo tempo a servizio del popolo.  Per la morale cattolica con o senza giaculatorie, se così fosse, si chiama furto e se lei persiste furto aggravato che, secondo san Paolo è sanzionato con l'inferno.

 

Comunque voglio accontentarla e le mando la seguente giaculatoria che mi insegnò mio nonno oltre cinquat'anni fa: "Dai democratici cristiani che si servono della fede per i loro sporchi affari, liberaci, o Signore" che io aggiorno per suo diletto e trastullo fideistico: "Dalla peste, dalla fame, dalla lebbra e dall'Udc liberaci, o Signore, ora e sempre. Amen".

Spero che non ci sia più una prossima volta, ma se dovesse esserci, la prego di non firmarsi più "in Cristo, suo..." perché lei non è "mio", essendo la schiavitù abolita da qualche secolo e poi perché è meglio non mischiare il suo partito con l'acqua santa in quanto incompatibili ex radice.

 

Mi saluti le sue figlie e esprima loro tutta la mia umana solidarietà in caso di una loro autonoma e sperabile rivolta filiale.

 

Paolo Farinella, prete

Genova

(la mia e-mail la conosce)

PS. Se lei dovesse pubblicare un libro di giaculatorie a spese pubbliche, io  citerò in giudizio lei e aventi causa, chiedendo i danni materiali e morali. Un consiglio gratis: impegni il suo tempo libero a studiare la grammatica e la sintassi, sicuramente le sarà più utile.

-3) La nostra lettera a don Paolo

Caro Paolo,

come ti ho detto in altre circostanze, io sono non solo ateo, ma persino komunista. Però ti assicuro che se mai io dovessi decidere di convertirmi, tu sarai il primo a saperlo, ed io vorrò farlo solo nelle tue mani. Un abbraccio,

Tafanus

-4) La risposta di don Paolo Farinella

Caro Tafanus,
 
vai avanti così, che se Dio c'è, non si occupa di particolari (e di UdC). Conosco il tuo blog e apprezzo le tue news. Quando ti convertirai, faremo apparire anche la Madonna, venderemo candele mie e reliquie tue (pezzetti di stoffa, di banane, di mazzette ecc.) e ci facciamo il corredo.
Ciao, e buon lavoro.
Paolo prete
 
...meditate, DC di tutte le epoche e collocazioni... meditate...