[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Torino e Bussoleno: ferrovieri, pendolari e no tav a confronto



Torino e Bussoleno: ferrovieri, pendolari e no tav a confronto

A Bussoleno
Mercoledì 28 giugno ore 21 al dopolavoro ferroviario

A Torino
Giovedì 29 giugno ore 21 presso il salone di Corso Ferrucci 65/a

Interventi di:
Mauro Cavargna - autore di "100 ragioni contro il Tav"
Pippo Gurrieri - Cub Trasporti e Movimento "No Ponte"
Giacherio Carbonari - Comitato pendolari Torino - Milano

Treni ad alta mortalità
Viaggiare in treno è pericoloso, disagevole, costoso.
Nel giro di pochi mesi la Val Susa, la valle dove vogliono imporre il Tav, è stata teatro 
di ben due incidenti mortali. La mancata chiusura di un passaggio a livello a Susa è 
costata la vita ad una donna che transitava di lì in auto; la corsa folle di un convoglio 
"scappato" da Bardonecchia senza freni agganciati e senza macchinista ha provocato la 
morte di un operaio addetto alla manutenzione.
Il sistema ferroviario in questi anni si è trasformato in un rosario di ferrovie 
abbandonate, di treni sporchi, in perenne ritardo, sempre più cari e meno sicuri.
Le condizioni di vita di chi lavora e di chi usa il treno sono costantemente peggiorate: 
gli incidenti, anche mortali si sono moltiplicati mentre il numero dei lavoratori delle 
ferrovie è più che dimezzato.
Le ditte appaltatrici cui viene affidata la manutenzione delle linee impongono sistemi di 
lavoro al di fuori delle norme, dove regnano i ricatti, la fretta, l'opinione che le 
norme di sicurezza siano un ostacolo all'attività. Queste ditte contano un grandissimo 
numero di incidenti, con morti e feriti ogni anno; utilizzano mezzi in cattivo stato, per 
realizzare il massimo di profitti con il minimo di spesa, o per giustificare appalti 
presi con ribassi eccessivi. Trenitalia, esternalizzando i servizi, si lava le mani della 
responsabilità scaricandola su padroncini e grossi appaltatori privati.

I lavoratori delle ferrovie che si sono permessi di criticare la politica criminale di 
Trenitalia sono stati licenziati.

Contro tutto questo stanno lottando i pendolari, i cittadini, il popolo No TAV.
In questi mesi si sono moltiplicate le proteste dei pendolari che si sono organizzati in 
comitati per esigere un servizio migliore.
Di fronte al degrado ad alla pericolosità del trasporto pubblico, quello destinato a chi 
il treno lo usa quotidianamente per lavorare e per studiare, il potere politico cerca di 
imporre il Tav, treno ad alta nocività, inutile e costosissimo per la collettività. 
La lobby del Tav ha sostenitori sia a destra che da sinistra: l'appello pro Tav dei 
"governatori" del nord è stato recentemente sottoscritto sia dai presidenti di destra 
(Formigoni, Galan) che da quelli di sinistra (Bresso, Burlando, Illy).
L'idea di progresso della lobby del Tav è un incubo tecnologico che sottrae al servizio 
pubblico tante risorse sprecate per una linea ad alta distruzione. La logica del profitto 
non guarda in faccia nessuno.
Ci raccontano la favola del treno (pulito) che sostituirà i Tir (inquinanti) e decidono 
di raddoppiare il tunnel autostradale del Frejus. La verità è che nulla, se non 
l'opposizione e l'azione diretta popolare, fermano la lobby del cemento e del tondino, 
quella che si sta facendo grandi soldi sulla pelle di noi tutti. 
Una lobby bipartisan, dove mangiano gli amici della destra e gli amici della sinistra, 
dove pochi guadagnano e tutti ci rimettono. Soldi, salute, libertà.

Riportare al centro dell'agire politico il "bene comune" è possibile ed è necessario. 
Occorre farlo nella consapevolezza che solo l'azione diretta, l'autorganizzazione dal 
basso e su base territoriale può consentire di invertire la marcia di un modello di 
relazioni sociali basato sulla logica del profitto, sullo sfruttamento selvaggio, 
sull'imposizione dall'alto di scelte non condivise.
Occorre creare ponti tra chi lotta per la salvaguardia dell'ambiente, per un servizio 
ferroviario migliore, per la sicurezza dei lavoratori e dei viaggiatori.

Le ragioni dei No Tav sono le ragioni di chi il treno lo vuole a misura di chi lavora, 
studia, vive sul nostro territorio. 
Le ragioni dei No Tav sono le stesse dei pendolari in lotta, le stesse dei ferrovieri che 
si battono per la sicurezza.
Per poter approfondire questi temi e tentare di creare relazioni stabili tra ferrovieri, 
pendolari e No Tav si terranno due incontri a Bussoleno e a Torino

Comitato Autogestito contro il Tav e tutte le nocività di Torino e Caselle
Riunioni in Corso Palermo 46 Torino ogni mercoledì alle 19 - Mail: notav_autogestione at 
yahoo.it
Tel. 338 6594361 - 339 4471969
CUB - corso Marconi 34 011 655897