[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Vittoria di Pirro dell'Etiopia in Somalia - I combattimenti aggravano la catastrofe umanitaria



Associazione per i popoli minacciati / Comunicato stampa in
www.gfbv.it/2c-stampa/2006/061228it.html

Somalia / Etiopia
Vittoria di Pirro dell'Etiopia in Somalia - I combattimenti aggravano la catastrofe umanitaria: fino a 200.000 nuovi profughi

Bolzano, Göttingen, 28 dicembre 2006

Secondo l'Associazione per i Popoli Minacciati (APM), il ritiro delle corti islamiche da Mogadiscio e la conseguente avanzata delle truppe etiopi equivalgono a una vittoria di Pirro che certo non riuscirà a fermare la catastrofe umanitaria in corso. Il perdurare dei combattimenti aggrava ulteriormente la situazione e costringe la maggior parte delle organizzazioni umanitarie a sospendere il lavoro in una zona in cui il 25% della popolazione soffriva di malnutrizione ancora prima dello sconfinamento delle truppe etiopi in territorio somalo. Il numero dei profughi fuggiti negli scorsi tre giorni dalle zone di combattimento era di 40.000 persone, ma chi lavora presso le organizzazioni internazionali teme un'altra ondata di profughi che potrebbe coinvolgere fino a 200.000 persone alla ricerca di rifugio nel vicino Kenya. Questi andranno ad aggiungersi ai circa 168.000 profughi che ancora prima che iniziassero i combattimenti avevano lasciato la Somalia per i campi profughi nel nord del Kenya.

La guerra è andata ad aggravare una situazione già disperata a causa di anni di siccità e delle piogge torrenziali degli ultimi mesi che da ottobre 2006 ad oggi hanno provocato un aumento dei prezzi di beni alimentari del 20% circa. Nella stessa Somalia circa 1,4 milioni di persone dipendono da aiuti umanitari. La mancanza di infrastrutture costringeva le organizzazioni internazionali al rifornimento aereo, ma i combattimento hanno costretto anche l'Agenzia ONU per l'Alimentazione Mondiale a sospendere i voli di rifornimento. Si profila una catastrofe annunciata i cui artefici saranno responsabili della vita di decine di migliaia di persone. La popolazione civile è ancora una volta il vero sconfitto di quest'ultima guerra nel Corno d'Africa.

Vedi anche:
* www.gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/2006/061227it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2006/061218it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2006/061101it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2006/060530it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2006/060224it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2005/051220it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2005/051104it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2005/050610it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/04-1/041109it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/04-1/040303it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/04-1/040116it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/04-1/040113it.html | www.gfbv.it/3dossier/africa/oromo.html | www.gfbv.it/3dossier/africa/somalita.html

* www: http://it.wikipedia.org/wiki/Somalia | http://it.wikipedia.org/wiki/Etiopia | www.storiaxxisecolo.it