[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Torino 30/01: presidio al tribunale



ROMPIAMO IL MURO DEL SILENZIO!
IL 30 GENNAIO RIPRENDE IL PROCESSO CONTRO GLI 10 ANTIFASCISTI

Martedì 30 gennaio ore 9,30 presidio davanti al tribunale di Torino - Corso vittorio 
emanuele 130

Nella notte dell'11 giugno 2005, a Torino una squadraccia fascista armata di coltelli e 
bastoni si introdusse nella casa occupata Barocchio: due anarchici vennero accoltellati. 
Uno di loro, l'intestino trapassato da un fendente, dovette essere operato d'urgenza. 
Solo per un caso non c'è scappato il morto.
Il 18 giugno, un corteo di denuncia venne caricato in via Po dalla polizia. Durante la 
fuga dalla carica vennero danneggiati alcuni tavolini e sedie di bar e una vetrina. 10 
antifascisti, dopo galera e domiciliari, sono accusati di "devastazione e saccheggio": un 
reato che costa dagli 8 ai 15 anni di reclusione.
Siamo di fronte a una vera e propria torsione politica del diritto: semplici 
"danneggiamenti" danno luogo a un'imputazione da tempo di guerra, da disastro epocale. 

IL 30 GENNAIO RIPRENDE IL PROCESSO CONTRO I 10 ANTIFASCISTI TORINESI
Questo processo ha una valenza che va ben la di là della Mole. Il reato per il quale sono 
perseguiti e per cui rischiano lunghi anni di detenzione, è, intrinsecamente, un reato di 
natura collettiva, poiché prescinde dalle responsabilità individuali. L'accusa di 
"devastazione e saccheggio" palesa la chiara volontà di criminalizzare le manifestazioni 
di piazza.
Non c'è uno straccio di prova a carico dei 10 compagni. Ma che importa? A sentire i PM, 
basterebbe l'intenzione. E che l'intenzione vi fosse lo deducono dalle biografie 
politiche redatte dai funzionari di polizia. Detto in altro modo: sono colpevoli perché 
anarchici o antagonisti, al di là della responsabilità individuale sui fatti loro 
contestati.

NON È IN GIOCO SOLO LA LIBERTÀ DEI 10 ANTIFASCISTI TORINESI, MA LA LIBERTÀ DI TUTTI

La nostra regione sta vivendo ormai sotto assedio: sgomberi, arresti, repressione delle 
rivolte al Cpt, violenza contro i No Tav?
Con questo delirio giuridico si vuole colpire e criminalizzare la mera partecipazione 
alle manifestazioni, si vuole attaccare la libertà di partecipare attivamente alle lotte 
esprimendo le proprie idee.
I giudici e i politici non vedono le lame fasciste che continuano a colpire e mandano a 
processo chi i fascisti detesta e combatte con i fatti e non a parole. A Torino, a 
Milano, dove la Resistenza è stata battaglia quotidiana e scelta di vita, qualcuno ancora 
non dimentica e continua a lottare.

Federazione Anarchica Torinese - FAI
Corso Palermo 46 Torino
La sede è aperta ogni giovedì dalle 21.

Info e contatti:
fat at inrete.it
011 857850
338 6594361