[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Rendition Cia in Europa: Amnesty apprezza la richiesta di un'indagine del Consiglio europeo



#  Questa lista per la distribuzione delle informazioni
#  e' gestita dalla Sezione Italiana di Amnesty International.
#  Questo messaggio viene elaborato e inviato automaticamente. Si
#  prega di non rispondere a questo messaggio di e-mail in quanto non
#  vengono controllate eventuali risposte inviate al relativo indirizzo

COMUNICATO STAMPA
CS08-2006

RENDITION CIA IN EUROPA: AMNESTY INTERNATIONAL APPREZZA LA RICHIESTA DI
UN'INDAGINE DEL CONSIGLIO EUROPEO

Nonostante una generale mancanza di cooperazione e persino la resistenza
dei governi europei, Amnesty International ha apprezzato il fatto che il
rapporto finale, presentato ieri, del Comitato del Parlamento europeo
sulle attivita' della Cia in Europa (Tdip) conferma le conclusioni cui era
gia' pervenuta l'organizzazione per i diritti umani: la complicita' dei
paesi europei ha consentito lo svolgimento del programma Cia di
rendition(*) in Europa.

Amnesty International ha espresso tuttavia il rammarico che interessi
nazionali e politici abbiano impedito al Comitato di condurre un'indagine
piu' approfondita e di produrre un rapporto piu' incisivo e in grado di
stabilire puntuali responsabilita'.

'Chiaramente, quest'indagine ha provocato un disagio politico, non solo
nei governi ma anche all'interno dello stesso Comitato' - ha affermato
Dick Oosting, direttore dell'ufficio di Amnesty International presso
l'Unione europea. 'Avevamo sperato che gli interessi politici non
avrebbero avuto il sopravvento, data la gravita' delle violazioni in
questione e i valori fondamentali in gioco'.

Amnesty International continua a ritenere che questa vicenda potra' dirsi
davvero conclusa solo se vi sara' almeno il riconoscimento delle
responsabilita' politiche per le violazioni dei diritti umani avvenute nel
contesto delle rendition. Questo riconoscimento costituisce la base
fondamentale per misure adeguate di prevenzione e di riparazione.

Da questo punto di vista, l'organizzazione per i diritti umani ha
apprezzato la richiesta, contenuta nel rapporto, di forme di riparazione e
di prevenzione. Questa richiesta, tuttavia, dovra' essere accompagnata da
una chiara ammissione politica sulle violazioni avvenute in passato e da
un concreto programma di applicazione.

'Se gli Stati membri continueranno a negare le proprie responsabilita' e
non affronteranno i problemi che hanno dato luogo al fenomeno delle
rendition, saremo di fronte a una violazione grave e persistente dei
diritti umani, tale da richiedere l'applicazione dell'art. 7 del Trattato
dell'Unione europea' - ha ammonito Oosting. 'Il Consiglio deve rispondere
positivamente alla richiesta d'azione che proviene dal Comitato del
Parlamento europeo'.

FINE DEL COMUNICATO
Roma, 24 gennaio 2007

(*) le operazioni segrete con cui persone sospettate di terrorismo sono
state trasferite da un paese a un altro, al di fuori di qualsiasi
procedura o supervisione giudiziaria, per essere interrogate e sottoposte
a tortura in centri di detenzione segreti e noti, come quello di
Guantánamo Bay.

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia - Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 - cell. 348-6974361, e-mail: press at amnesty.it





#  Le comunicazioni effettuate per mezzo di Internet non sono affidabili e
#  pertanto Amnesty International non si assume responsabilita' legale per i
#  contenuti di questa mail e di eventuali allegati. L'attuale infrastruttura
#  tecnologica non puo' garantire l'autenticita' del mittente ne' dei
#  contenuti di questa mail. Se Lei ha ricevuto questa mail per errore, e'
#  pregato di non utilizzare le informazioni in essa riportate e di non
#  portarle a conoscenza di alcuno. Opinioni, conclusioni e altre
#  informazioni contenute in questa mail rappresentano punti di vista
#  personali  e non, salvo quando espressamente indicato, quelli di Amnesty
#  International.