[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

interrogazione Deiana/ Maddalena



 
INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

 

 

 

Al Ministro della difesa ? per sapere, premesso che

 

 

 

nel 1972 venne stipulato un accordo tra il governo degli Stati Uniti e quello Italiano, 
presieduto da Giulio Andreotti, con il quale si è dato il consenso a fare di  Santo 
Stefano (Sardegna) un punto di approdo di una Nave arsenale e ad alcuni sommergibili a 
propulsione nucleare della marina militare Statunitense nell'ambito del sistema di difesa 
Nato. I termini dell'accordo non sono mai stati resi noti;

 

nei vari anni si sono succedute molte proteste da parte delle popolazioni locali, 
proteste che hanno coinvolto anche i rappresentanti istituzionali dell?isola. La ragione 
di tali proteste risiedeva nella considerazione che tale servitù comportava enormi 
problemi sia ambientali che di salute;

 

in particolare negli ultimi anni il Presidente della regione Sardegna Soru ha più volte 
richiesto di porre termine a tale presenza militare;

 

lo scorso gennaio il vicecomandante Biery, durante un incontro con le maestranze 
italiane, ha ufficializzato che il 18 febbraio 2008 la marina militare Usa lascierà 
definitivamente la base americana di Santo Stefano;

 

da notizie di stampa si apprende la Marina Italiana vorrebbe tenere per se un ?pezzo? di 
Arsenale (molo Carbone e Cala Camiciotto) e addirittura le strutture di Santo Stefano;

 

in particolare tra le notizie riportate dalla stampa vi sono anche affermazioni 
dell?Ammiraglio di squadra Paolo La Rosa che nella sua audizione del 13 dicembre scorso 
davanti alla Commissione Difesa della Camera dei Deputati parlando del deposito di 
Guardia del Moro ha affermato ? il valore strategico del deposito per la forza armata 
risiede nel fatto che esso è l?unico, tra tutti quelli in uso, in grado di rispondere 
pienamente a tutti i requisiti operativi logistici??;

 

 

a confermare la presenza militare nell?isola di Santo Stefano, sempre secondo notizie di 
stampa, ci sarebbe un decreto del Ministro della Difesa già pronto che permetterebbe alla 
Marina di allargarsi fino alla base Usa che è in procinto di essere smantellata;

 

nel territorio in questione, anche secondo i dati forniti dallo stesso Ministero della 
Difesa, il peso delle servitù miltari è il più alto del resto del nostro Paese;

 

è evidente che tale progetto pregiudicherebbe qualunque possibilità di progettare una 
riconversione economica della Maddalena; -

 

 

se corrispondono al vero le notizie diffusa dalla stampa;

 

quali sono le motivazioni su cui si fondano le ?ragioni di interesse strategico?, 
avanzate della marina militare italiana, che hanno portato privilegiare nella scelta 
questo territorio;

 

se il Ministro non ritenga, alla luce considerazioni in premessa e alla luce degli 
interessi ad una diversa valorizzazione delle risorse  naturali dell?isola avanzate dai 
cittadini, urgente e necessario cercare soluzioni alternative per soddisfare le esigenze 
di difesa;

 

 

Roma 21/02/2007

                                                                                    On. 
Elettra Deiana

 

                                                                                    On. 
Luigi Cogodi