[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

ASSEMBLEA NAZIONALE LAVORATORI FIAT E METALMECCANICI CONTRO I LICENZIAMENTI - Termoli: sabato 29 settembre



SLAI COBAS



Licenziamenti, flessibilità, precarietà, contratti-bidone, accordi di
"luglio", delocalizzazioni:   smantellano i diritti sindacali e materiali
dei lavoratori con la concertazione e l'appoggio dei governi di
centrodestra e centrosinistra.   



Termoli: sabato 29 settembre  - Sala consiliare comunale - ore 10.00



ASSEMBLEA NAZIONALE LAVORATORI FIAT E METALMECCANICI CONTRO I
LICENZIAMENTI, PER LAVORO STABILE, SALARIO E DIRITTI



·        Luigi Cravero dello Slai Cobas licenziato dalla Fiat Powertrain di
Termoli per l'opposizione all'intensificazione dei ritmi di lavoro;



·       Domenico Martelli dello Slai Cobas, licenziato dalla Ecocall di
Vazzano (Vibo Valenzia) per le ferite invalidanti da arma da fuoco
riportate sventando un attentato mafioso durante il turno di notte, a pochi
mesi dalla reintegra al lavoro disposta dal tribunale è stato
ri-licenziato per Š 'inidoneità al lavoro';



·       Stefano Federici dello Slai Cobas licenziato dalla Gepin-Datitalia
di Napoli per l'opposizione allo smantellamento impiantistico;



·       Franco Zanon della Fiom licenziato dalla Saceccav di Desio per
l'opposizione allo smantellamento impiantistico;



·        Iose Dioli animatore dello sciopero dell'Orto Mercato di Milano
che ha subito (da parte della mafia che gestisce il mercato comunale) a
scopo intimidatorio, pochi mesi, fa un tentativo incendiario
dell'abitazione dove vive coi familiari;



Forte dell'asse Prodi-Montezemolo-CGIL-CISL-UIL il padronato estende i
licenziamenti dalla Fiat alle altre fabbriche per imporre pace sociale,
precarietà e bassi salari. All'accordo sul welfare, i contratti dei chimici
e del pubblico impiego, segue la trattativa dei metalmeccanici su orari,
paghe di posto e meritocrazia. Alle delocalizzazioni produttive in Polonia
(Fiat 600 e nuova 500, motori diesel) segue l'intesa  Fiat- Chery per la
produzione Alfa Romeo in Cina (e lo smantellamento di Arese e Pomigliano) e
la produzione e commercializzazione di 100.000 motori all'anno (c.c. 1600 e
1800 ) in Europa.  



Come lavoratori slai cobas, con l'appoggio di molti lavoratori, e organismi
sociali e politici, abbiamo già contrastato con successo la Fiat -
apripista in Italia della ristrutturazione globale - sui precedenti
licenziamenti di   Termoli e Pomigliano. La lotta per il rientro al lavoro
di tutti i licenziati politici è 'interesse concreto' di ogni organismo di
resistenza sociale e politica per la 'reale' opposizione alle politiche
economiche e di guerra dei governi e padronato.



COORDINAMENTO NAZIONALE SLAI COBAS



 Per adesione/partecipazione:



telefax: Pomigliano sede legale: 081/8037023  - Milano sede nazionale:
02/8392117



<mailto:slaimilano at slaicobasmilano.org>slaimilano at slaicobasmilano.org
<http://www.slaicobasmilano.org/> www.slaicobasmilano.org



<mailto:cobasslai at fgastwebnet.it>cobasslai at fgastwebnet.it
<http://www.slai-cobas.org/> www.slai-cobas.org




--------------------------------------------------------------------------------
Questa mail ti arriva perchè ti sei iscritto oppure hai avuto una
corrispondenza personale e/o attraverso altri con i gestore della mail. I
tuoi dati non saranno in alcun modo resi pubblici o ceduti a terze persone.
Serviranno solo ed esclusivamente per l'invio di NewsLetter e/o comunicati
di interesse politico e/o sindacale nel pieno rispetto delle vigenti leggi
sul diritto alla privacy. Se non sei più interessato a ricevere mail da
questo indirizzo, o in realtà non lo sei mai stato - anche se ciò è sintomo
di arida non curanza - ti preghiamo di risponderci con una mail di insulti.
Sempre meglio l'odio che l'indifferenza. Oppure puoi farlo direttamente
rispondendo a questa mail con la parola CANCELLAMI.  ;-)

--
--------------------------------------------------------------------------------
Questa mail ti arriva perchè ti sei iscritto oppure hai avuto una
corrispondenza personale e/o attraverso altri con i gestore della mail. I
tuoi dati non saranno in alcun modo resi pubblici o ceduti a terze persone.
Serviranno solo ed esclusivamente per l'invio di NewsLetter e/o comunicati
di interesse politico e/o sindacale nel pieno rispetto delle vigenti leggi
sul diritto alla privacy. Se non sei più interessato a ricevere mail da
questo indirizzo, o in realtà non lo sei mai stato - anche se ciò è sintomo
di arida non curanza - ti preghiamo di risponderci con una mail di insulti.
Sempre meglio l'odio che l'indifferenza. Oppure puoi farlo direttamente
rispondendo a questa mail con la parola CANCELLAMI.  ;-)