[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Birmania, prima che sia troppo tardi



Partito Umanista
Segreteria nazionale Programma e Documentazione
BIRMANIA
PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI
È cominciata la repressione. Il regime militare della Birmania ha cominciato ad uccidere. La polizia birmana ha caricato i manifestanti e ha sparato sulla folla. Tre religiosi sono stati uccisi e le fonti locali parlano di 6 morti.
I responsabili di questa repressione sono prima di tutto i generali al potere: il presidente Than Shwe, il primo ministro Soe Win e il ministro degli esteri Nyan Win. Ma sono responsabili anche i governi dei paesi che, più o meno direttamente, appoggiano la giunta militare birmana: la Cina, l’India e la Russia.
La Cina è il grande protettore e finanziatore del regime. La Russia ha stipulato recentemente accordi per costruire un reattore nucleare. L’India compra dalla Birmania energia e vende armi; inoltre il ministro indiano per il Petrolio, Murli Deora, ha appena firmato un accordo di 150 milioni di dollari per ricerche di gas naturale in Birmania: un chiaro segno di appoggio alla giunta militare.
L’Italia, poi, non è completamente estranea: sono stati costruiti in India, usando forniture italiane, gli elicotteri Dhruv, che sono stati forniti alla giunta birmana, nonostante l’embargo dichiarato dall’Unione Europea.
La lotta popolare per la democrazia in Birmania deve essere sostenuta prima di tutto a livello internazionale. Anche l’Italia, insieme agli altri paesi europei, deve esercitare tutta la sua capacità di pressione, soprattutto sui paesi che appoggiano il regime militare.
Tra qualche giorno, il 2 ottobre, si festeggerà la “Giornata Mondiale della Nonviolenza”.
L’India, in particolare, potrebbe onorare Gandhi nel migliore dei modi. Più di mille celebrazioni ufficiali, contano i fatti. Il governo indiano dovrebbe porre fine all’attuale acquiescenza nei confronti del regime militare dittatoriale della Birmania.
Meno ipocrisia, insomma, e più nonviolenza attiva. Subito però, prima che sia troppo tardi.
Gandhi ne sarebbe felice.
Roma, 27 ottobre 2007
Carlo Olivieri