[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Giornata internazionale di solidarietà con il popolo Mapuche in Cile (26 ottobre)



Associazione per i popoli minacciati / Comunicato stampa in
www.gfbv.it/2c-stampa/2007/071026it.html

Giornata internazionale di solidarietà con il popolo Mapuche in Cile (26 ottobre) Continua la preoccupazione per le condizioni delle due sorelle Calfunao e per la situazione dei prigionieri politici in Cile

Bolzano, Göttingen, Temuco, 26 ottobre 2007

L'Associazione per i Popoli Minacciati (APM) continua a essere molto preoccupata per le precarie condizioni di salute delle due sorelle mapuche Juana e Luisa Calfunao. Le due donne Mapuche hanno attuato uno sciopero della fame e della sete di oltre 60 giorni per richiamare l'attenzione sulla situazione dei prigionieri politici Mapuche in Cile. In occasione della Giornata Internazionale di solidarietà con il popolo Mapuche, proclamata da diverse organizzazioni di Mapuche in esilio, l'APM vuole ricordare all'opinione pubblica la sorte di Juana Calfunao (51 anni), leader della comunità Paillalef nella IX regione del Cile, e di sua sorella Luisa (41 anni). Entrambe sono prigionierie politiche e dopo 11 mesi di detenzione preventiva per il loro presunto coinvolgimento in un lungo e difficile conflitto per la terra, ora affrontano finalmente il processo nella città di Temuco. Il pronunciamento del verdetto è previsto per oggi. Le sorelle Calfunao rischiano 15 anni di prigione per essersi difese con mezzi di disobbedienza civile dal furto della loro terra e dalla discriminazione messe in atto contro la propria comunità dall'industria energetica e del legname.

Il processo contro Juana e Luisa Calfunao è seguito dal rappresentante dell'APM in Chile Vicente Mariqueo. Con lo sciopero della fame iniziato lo scorso 7 agosto e poi sospeso i primi di ottobre, Juana e Luisa Calfunao intendevano richiamare l'attenzione sulla richiesta dei Mapuche al governo cileno di abrogare finalmente la famigerata e cosiddetta legge anti-terrorismo (legge n. 18.314), risalente ancora dai tempi della dittatura di Augusto Pinochet. La legge viene applicata soprattutto contro i Mapuche in relazione ai conflitti per la terra che nascono in seguito ai tentativi dell'industria di appropriarsi delle terre e risorse delle comunità. La legge permette ai tribunali cileni di trattare i Mapuche incriminati alla stregua di terroristi e di infliggere condanne draconiane anche per fatti come il blocco di una strada o l'occupazione della propria terra.

In seguito allo sciopero della fame Juana Calfunao ha avuto un infarto e sua sorella Luisa ha dovuto essere trascorrere le settimane precedenti all'inizio del processo (22 ottobre) nell'ospedale di Temuco. In tribunale le due donne devono affrontare l'accusa di aver ostacolato un processo, di aver opposto resistenza a pubblico ufficiale e per lieve lesione colposa. Queste accuse risalgono a novembre 2006, quando le sorelle Calfunao furono condannate a 150 giorni di carcere per un'accusa di oltraggio al pudore pubblico. Il verdetto era una farsa, lamenta l'APM, visto che Juana e Luisa Calfunao furono arrestate mentre manifestavano pacificamente contro la costruzione di una strada che avrebbe tagliato in due la comunità di Paillalef. Il pronunciamento del verdetto aveva scatenato tumulti tra la procura, la polizia e i Mapuche presenti; per questi tumulti sono state accusate e sono nuovamente sotto processo le due donne insieme ad altri nove Mapuche, in parte familiari delle stesse sorelle Calfunao.

I Mapuche in Cile sono circa 1,3 milioni e costituiscono il 10% della popolazione cilena. Per secoli sono riusciti a difendere la propria terra contro l'invasione incaica e la conquista spagnola, fino a soccombere verso la fine del 19. secolo all'esercito del neo-costituito stato cileno.

Vedi anche:
* www.gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/2007/071003it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2007/070524it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2007/070221it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2006/061012it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2006/060529it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2006/060516it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2006/060509it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2006/060116it.html | www.gfbv.it/3dossier/ind-voelker/mapuche07-it.html | www.gfbv.it/3dossier/ind-voelker/mapuche-it.html | www.gfbv.it/3dossier/ind-voelker/lota2003-it.html | www.gfbv.it/3dossier/pinochet.html

* www: www.selvas.org | www.terremadri.it | www.presospoliticosmapuche.org | www.fidh.org/article.php3?id_article=3289 | www.mapuche-nation.org | www.universidadmapuche.org | www.mapuche.info | www.mapuexpress.net | www.nodo50.org/azkintuwe | www.hrw.org/spanish/informes/2004/chile1004/ | www.koyaktumapuche.net