[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

"Dal bisogno dell'emergenza abitativa... verso il sogno di una città dei dirit ti" . 26-27 ottobre 2007



"*Dal bisogno dell'emergenza abitativa... verso il sogno di una città
dei diritti"*

/*Due anni or sono occupammo con le nostre tende e le nostre speranze i
cortili dei palazzi abbandonati dell'IPAB San Michele. */Si sapeva
ancora poco del grande scandalo legato a "Lady Asl" e degli 80 milioni
di euro rubati dalle casse della sanità laziale grazie alla grande
truffa delle cliniche fantasma.

Dopo due anni, tante manifestazioni, picchetti antisgombero, notti in
bianco, abbiamo occupato quei palazzi lasciati al degrado e alle ruberie
e infine strappato uno straccio di diritto ad essere riconosciuti come
emergenza abitativa... e da qui ripartiamo.

In questo quartiere si parla di cementificare con oltre 200.000 m^3 di
nuova edilizia residenziale privata sull'area dell'ex Fiera di Roma in
aggiunta ai centri commerciali e alberghi di lusso che già sono stati
realizzati. E questo per rimanere dentro la sola Tormarancia... Un nuovo
processo come quello già avvenuto nel centro storico e che ha provocato
l'espulsione, tra le altre cose, dei ceti popolari verso una periferia
estrema, senza servizi e senza collegamenti.

Mentre nel frattempo i grandi costruttori (quei vari Coppola, Ricucci,
Caltagirone...) si arricchiscono a dismisura trasformando le case e i
palazzi di questa città in quelle che sono state definite "case di
carta" per il fatto di essere ormai solo un prodotto finanziario.

Questo processo è indirizzato solo dalle logiche della speculazione e
per questo la popolazione ne è esclusa, tagliata fuori.

Noi invece vogliamo partecipare, vogliamo innanzitutto che venga
garantito un diritto ad essere informati su quali sono i progetti che
stanno per calare sulle nostre teste.

I movimenti di lotta per la casa portano avanti da anni la battaglia per
un rilancio dell'edilizia residenziale pubblica (E.R.P.) dal punto di
vista degli investimenti e della qualità della vita.

Tra le proposte che le lotte hanno prodotto c'è quella
dell'autorecupero, da anni divenuta legge regionale, che nasce dalla
necessità di partire dai territori e valorizzare i beni immobiliari
pubblici in esso presenti, abbandonati al degrado, che vengono
ristrutturati e trasformati in case per chi non trova, e non può
trovare, nel mercato dei mutui e degli affitti la soluzione.

Per questo invitiamo tutta la popolazione di quartiere a partecipare alla

*ASSEMBLEA PUBBLICA*

*Venerdì 26 ottobre*

*Ore 17.30*

*presso l'occupazione abitativa di via del Casale de Merode, 6A*


Parteciperanno:

*Andrea Catarci *Presidente XI Municipio

*Gianluca Peciola *Assessore alle Politiche Abitative, XI Municipio

*Dante Pomponi* Assessore per le Politiche per le Periferie ed il Lavoro
del Comune di Roma


A seguire:

Cena sociale e spettacolo teatrale: "T.V. CUMPRA'" della compagnia Circo
a Vapore


Sabato 27 ore *11.00*:

Parata per il quartiere, con clown e orchestra di fiati, che toccherà
tutti i luoghi di speculazione, da piazza dei Navigatori a Fiera di Roma


Ore *1500* Laboratori per bambini

Ore *1600* Decoriamo il muro a ritmo di hip hop:

Murales e gruppi hip hop si alterneranno nel pomeriggio


Coordinamento cittadino lotta per la casa

_abitare at autistici.org_ <mailto:abitare at autistici.org>

Occupazione abitativa: Via Casale de Merode 6a