[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: QUANDO I NODI VENGONO AL PETTINE



Mi dispiace, Carlo,
ma non condivido.
Tutto quello che dici è vero, tremendamente vero, ma si da il caso che il governo Prodi non è caduto per le cose che non ha fatto, quelle stesse cose, guarda caso, che coloro che l'hanno fatto cadere non volevano! Avresti avuto ragione solo nel caso fosse stata la sinistra a far cadere il governo...; ma si da il caso che è stata la destra!
E allora i nodi non sono quelli che tu dici....
O no?
Ciao
Aldo
----- Original Message ----- From: "Carlo Olivieri" <carlo.olivieri3 at tin.it>
To: <dirittiglobali at peacelink.it>
Sent: Friday, January 25, 2008 4:50 PM
Subject: QUANDO I NODI VENGONO AL PETTINE


QUANDO I NODI VENGONO AL PETTINE



"La mia non è testardaggine, ma coerenza". Queste le parole di Romano Prodi, che ha preferito consumare apertamente la crisi del suo governo in Parlamento, anziché recarsi subito al Quirinale per rassegnare le dimissioni. Forse tra gli intenti dell'ex-presidente del consiglio, con questo rispettabile atto, c'era anche la volontà di riscattare l'immagine di un governo che non ha certo brillato per coerenza. Ma, ovviamente, recitare nell'ultimo dei 618 giorni del suo governo la parte del "leone ferito ma fiero", non può cancellare ciò che è successo negli altri 617 giorni.

Ciò che invece possiamo constatare è che proprio l'incoerenza delle decisioni e delle non-decisioni, delle azioni e delle non-azioni, rispetto al programma con cui la coalizione di centrosinistra si era presentato di fronte agli elettori, ha dominato l'operato di questo governo sin dalle prime battute.

Alla fine i nodi al pettine sono arrivati. Per quasi due anni il governo e la maggioranza che lo sosteneva hanno cercato di nasconderli ma, si sa, se i nodi non li sciogli, diventano sempre più numerosi fino a diventare una matassa inestricabile e, prima o poi, inevitabile.

Non si può governare a lungo, democraticamente, senza il consenso dei cittadini. L'alternativa sarebbe, altrimenti, una dittatura. A maggior ragione doveva farlo questo governo, sostenuto da una maggioranza che aveva ottenuto solo 25mila voti in più rispetto all'opposizione. Invece è successo, molto spesso, che al di sopra degli interessi generali della maggioranza degli elettori ci fossero, nell'agenda del governo, gli interessi particolari di pochi potenti.

Molte famiglie si aspettavano, per esempio, di uscire dal pantano della precarietà e dell'insicurezza economica in cui erano sprofondati col precedente governo di centrodestra, ma quelle stesse famiglie continuano ancora oggi a non arrivare alla fine del mese. Doveva essere cancellata la legge 30 che istituzionalizzava il precariato, ma questo governo non lo ha fatto.

Molti immigrati si aspettavano che finalmente sarebbe cambiata la politica sull'immigrazione, ma i centri di permanenza temporanea sono sempre lì, come sempre lì sta la legge più razzista della storia repubblicana, la legge Bossi-Fini.

Molti cittadini si aspettavano un altro atteggiamento in politica estera ma, a parte una scontata uscita dall'inferno irakeno, migliaia di soldati italiani continuano ad essere protagonisti di occupazioni, come quelle in Afghanistan e in Libano, che nulla hanno a che vedere con la pace e la democrazia, rischiando ogni giorno la propria vita in nome di un comportamento servile nei confronti del cosiddetto "alleato americano". Comportamento servile che si è ripetuto quando si è trattato di approvare il raddoppio della base Usa di Vicenza, nonostante le grandi manifestazioni di dissenso e una prima crisi di governo.

Molti elettori si aspettavano che venisse finalmente varata una legge sulle unioni di fatto, ma un altro comportamento servile, questa volta nei confronti del Vaticano, lo ha impedito, dopo vari tentativi di compromesso, tra l'anima laica e l'anima chierichetta della maggioranza, che avevano partorito, invece dei Pacs, due topolini: prima i DiCo e poi i Cus.

Molti elettori si aspettavano una legge sul conflitto di interessi, un tormentone che ci affligge dalla "scesa in campo" di Berlusconi del '94, ma si riesce solo a concepire una legge assolutamente blanda ed inefficace che comunque non è arrivata neanche ad essere discussa in Parlamento, forse perché Berlusconi non è il solo a trovarsi continuamente in una condizione di conflitto di interessi.

Molti elettori si aspettavano una politica sulla sicurezza che non fosse la solita risposta isterica e fascista, basata sulla cacciata degli stranieri dal suolo patrio e sull'ennesimo inasprimento delle pene. Invece si comincia con un indulto a cui però non fa seguito una politica di riforme in ambito penale che desse un senso a quell'indulto. Ed invece di concentrarsi sul far discutere in Parlamento una legge che introducesse il reato di tortura anche in Italia, si vara un decreto-sicurezza buono solo a far crescere l'ansia dei lavavetri ed i portafogli di chi lucra sull'immigrazione resa clandestina da leggi discriminatorie.

Queste ed altre incoerenze sono il vero motivo della caduta del governo. Di fronte ad un consenso popolare reso invece crescente dalla coerenza tra le parole e i fatti, i vari Mastella e Dini ci avrebbero pensato mille volte in più prima di ufficializzare in Parlamento una crisi che nei fatti era già cominciata da più di un anno.

Questa crisi dimostra per l'ennesima volta che un sistema politico basato sulla distanza tra il Palazzo e la cittadinanza non può reggere. C'è una Costituzione che da 60 anni ci avverte, nei suoi principi fondamentali, che la Repubblica italiana è una democrazia basata sul lavoro, sul ripudio della guerra, sulla partecipazione dei cittadini alla vita politica e sociale del paese, sulla partecipazione dei lavoratori alla gestione delle aziende, sulla salute e sull'istruzione garantite a tutti, sulla parità di tutti di fronte alla legge, sulla necessità che ogni cittadino possa garantire a sé e alla propria famiglia un'esistenza libera e dignitosa, sul pieno sviluppo della persona umana.

Ognuno di questi punti sanciti dalla nostra Costituzione rappresenta un nodo da sciogliere e non sarà una nuova legge elettorale a frenare il percorso di decadenza che il nostro paese ha intrapreso ormai da molti anni. Più si chiudono gli spazi alla partecipazione diretta, come è sempre stato nell'intento delle svariate leggi elettorali che si sono susseguite negli ultimi 15 anni, più ci si allontana dalla Costituzione e, quindi, dalla democrazia.

Ma evidentemente la classe politica attuale, lontano purtroppo dall'essere muta, è ormai del tutto sorda e cieca. Sono i cittadini che devono prendere in mano le redini di questo paese, direttamente. Guardiamo insieme questi nodi, lavoriamo per scioglierli e quindi andiamo avanti, con pace, forza ed allegria.



Roma, 25 gennaio 2008



Carlo Olivieri

medico umanista

http://posizioni-umaniste.blogspot.com/









--
Mailing list Dirittiglobali dell'associazione PeaceLink.
Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html
Archivio messaggi: http://lists.peacelink.it/diritti
Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
http://web.peacelink.it/policy.html



--
No virus found in this incoming message.
Checked by AVG Free Edition. Version: 7.5.516 / Virus Database: 269.19.9/1238 - Release Date: 22/01/08 20.12