[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: La Sinistra dev'essere un solo partito. Documento da inviare e diffondere se condiviso



Caro Arrigo la risposta è molto semplice: il PD non è un partito di sinistra, ma un partito di destra, quindi cosa ci sarebbe da unire? Tu mi dirai, mannò è un partito di sinistra, allora io ti dico: che mai hai fatto di VERAMENTE di sinistra?

Ciao,
Davide

Arrigo Colombo ha scritto:
Movimento per la società di giustizia e per la speranza
Cari amici,
il Movimento ha preparato questo intervento per l'unità della Sinistra divisa; per il quale chiede il vostro aiuto. Gl'indirizzi:

Pres. Bertinotti Fausto, fausto.bertinotti at sinistrarcobaleno.it <mailto:fausto.bertinotti at sinistrarcobaleno.it>

Segr. Franco Giordano, francesco.muciaccia at rifondazione.it <mailto:francesco.muciaccia at rifondazione.it>

Segr. Oliviero Diliberto, carrella at comunisti-italiani.org <mailto:carrella at comunisti-italiani.org>

Min. Paolo Ferrero, segreteriaministroferrero at solidarietasociale.gov.it <mailto:Ferrerosegreteriaministroferrero at solidarietasociale.gov.it>

Min. Fabio Mussi, sindem at sinistrademocratica.it <mailto:sindem at sinistrademocratica.it>

Un saluto fraterno da Arrigo Colombo

Movimento per la Società di Giustizia e  per la Speranza

Lecce

Al leader della Sinistra Fausto Bertinotti

a Franco Giordano, Paolo Ferrero, Oliviero Diliberto, Fabio Mussi

*La Sinistra dev’essere un solo partito*

* *

Il grosso vizio, e scandalo, è la *frammentazione della Sinistra*; un’anomalia profonda perché la Sinistra, il partito dei lavoratori, ha una tradizione internazionale; un’anomalia ancor più vistosa in quanto, in Italia come in Europa, i partiti si sono largamente unificati. Mentre la Sinistra italiana si è *ulteriormente frammentata.*

*Le ragioni sono in fondo futili*: vecchie fisime ideologiche, pretese di ortodossia esclusiva, vecchie tendenze staliniste e trockiste, attaccamento a simboli obsoleti, ambizioni insensate dei leader.

Così divisa, la Sinistra diventa *politicamente insignificante* e *non può raccogliere la fiducia e il consenso popolare*. È già in una condizione mortale.

L’altro vizio è la *distanza dalla gente e dai problemi concreti che l’affliggono*, problemi che la Sinistra trascura per pregiudizi ideologici, alienandosi ulteriormente il consenso:

la *sicurezza*, che è altra cosa dalla repressione, è un diritto del cittadino; e dev’essere conciliata con l’accoglienza dell’immigrato, ma anche con la sua pronta e decisa espulsione quando delinque, quando viene in Italia a delinquere; l’immigrato deve sapere che se non rispetta la legge del paese che l’ospita non vi può restare neanche un’ora di più;

la *certezza della pena*, la riforma di una legislazione troppo corriva;

lo *spreco della politica*, a cominciare dal parlamento e dal governo, dalle amministrazioni statali, regionali, provinciali, comunali; la gente non tollera più questo spreco.

E anche la *distanza dai movimenti*, considerati con sufficienza, quando non con fastidio, come indebita intromissione in problemi riservati ai politici; mentre i movimenti *sono espressione della società civile che detiene la sovranità*; di cui i politici sono mandatari.

Nel Governo Prodi la Sinistra è stata *connivente in decisioni erronee e impopolari*:

il *rifiuto opposto al popolo vicentino* per la base militare USA;

la *vendita di servizi pubblici* nonprofittuali: non si è opposta alla svendita di Alitalia, che poteva invece essere risanata; non ha sostenuto Di Pietro nell’azione per il recupero di Autostrade dai Benetton;

non si è opposta all’*indulto*, non ha cercato di *renderlo più razionale ed umano*, attraverso una preparazione dell’uscita dei detenuti, col lavoro, la casa, il sostegno economico;

non si è neppure accorta del *deterioramento dei salari* (del 30% sulla media europea), che è stato poi denunziato dal governatore Draghi.

La prospettiva dell’unità oggi non è chiara; ogni partito pensa al suo congresso; anziché *istituire una tavola comune che prepari l’unificazione*.

Lecce, il 23 aprile 2008

Per il Movimento, il Responsabile

Prof. Arrigo Colombo Arrigo Colombo, Centro interdipartimentale di ricerca sull’utopia, Università di Lecce

Via Monte S.Michele 49, 73100 Lecce, tel/fax 0832-314160

E-mail arribo at libero.it/ <mailto:arribo at libero.it/> Pag web http://digilander.libero.it/ColomboUtopia