[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fwd:borghezio e altri nazifascisti made in italy..



in italia gia' da anni il fascismo dilaga.
negli ultimi due anni  sta esplodendo nella sua tipica violenza vigliacca e infame 
spronato da tutte le alte cariche di stato come i ministri maroni la russa il ducetto 
premier e i loro mass media che lavorano a dovere.

gli italiani sono ormai perfettamente permeabili al fascismo e lo riproducono nella 
societa' essendo razzisti e accettando spesso la violenza dei sicari assassini che 
insanguinano le strade delle citta' dal nord al sud.

praticamente nessuna resistenza di massa radicale e concreta e' in atto per respingere la 
violenza di questi assassini disumani la cui vita e' vigliaccheria e vuoto totale.

lo stesso vuoto totale che popola l'immaginario collettivo italiano che si nutre 
demenziale dei concerti di vasco e madonna.. 
dei balletti idioti delle debuttanti..
della volgarita' delle veline per cui si esulta come se una figlia velina sia il top 
nella vita..
gli italiani degenerati si nutrono di calcio..
si fanno pervertire dalla becera disinformazione di bruno vespa..
la mandria degli italiani ama il falso l'ingiusto il volgare
ha bisogno del brutto e del cattivo gusto di cui la loro vita miserabile che e' intrisa 
di squallore razzista e fascista.

se milano fosse una citta' civile ed umana ai funerali di Abba ci sarebbero state 500mila 
persone.

se l'italia fosse un paese democratico borghezio non potrebbe metter piede sul suolo 
nazionale e soggeti razzisti e fascisti come maroni gasparri la russa  la mussolini 
storace santanche'e gli altri boss tra cui diversi mafiosi che compongono il governo 
sarebbero in carcere.

invece questa e' l'italia degli italiani..
cui non si opporra' di certo quella piccolo borghese e misera dei veltroniani..

Roma tappezzata di manifesti "Cuore nero"
L'iniziativa contro le parole del presidente della Camera, Gianfranco Fini, che di fronte 
ai giovani di An aveva spiegato le ragioni dell'antifascismo
 Questa mattina alcuni quartieri romani - fra i quali la zona Trieste e piazza Bologna - 
si sono risvegliati con i muri tappezzati di manifesti a sfondo nero con sopra una 
scritta in carattere bianco: "Io ho il cuore nero, me ne frego e sputo in faccia al mondo 
intero". Nessuna firma, eccezion fatta per una grande croce celtica alla fine della 
frase. Che, per chi non la conoscesse, fa parte di una canzone del gruppo "270 bis" (il 
riferimento è all'articolo del codice penale che riguarda il reato di banda armata), resa 
celebre dal documentario "nazirock". 

In quelle riprese, a cantarla, c'era martin avaro, dirigente nazionale e responsabile 
romano di forza nuova, che questa mattina, raggiunto al telefono, non sembra essere 
sorpreso: "È un'iniziativa che non nasce da una mia idea, ma comunque da ambienti interni 
a forza nuova". Ed è dedicata al presidente della camera Gianfranco Fini, e alle sue 
parole sull'antifascismo.

"Penso che sarà contento di vedere quei Manifesti- afferma ironico avaro- perchè quella 
canzone è stata scritta da marcello de angelis, attualmente senatore della repubblica 
eletto tra le fila di an: a me mi hanno messo in croce perchè l'ho cantata, ma non 
capisco perchè se la canto io sono un criminale e se la canta un senatore è un eroe".

All'indomani di una serie di fermi a danno di "tanti dei nostri in piazza annibaliano", 
prosegue avaro, il nostro intento "è quello di ribadire ciò che in tanti, non solo tra le 
fila di forza nuova, pensano in questo momento: per questo non abbiamo firmato i 
manifesti. Ancora una volta- conclude- condanniamo così chi si erge a paladino della 
sapienza pura, condannando esperienze storiche per noi validissime". (19 settembre 2008)

Anti-Islam, tensione a Colonia
e la città isola i razzisti 
Alla manifestazione parteciperà anche il leghista Borghezio
Veltroni: "Inaccettabile. Berlusconi, se ne ha il tempo, lo fermi"

dal nostro corrispondente ANDREA TARQUINI

COLONIA - Comincia con un duro confronto tra le autorità tedesche e l'estrema destra la 
sfida di Colonia, la sfida dei nazionalpopulisti xenofobi di tutta Europa venuti qui al 
"congresso contro l'islamizzazione" per protestare contro il sì tedesco alla nuova grande 
moschea. La polizia ha vietato la provocatoria gita in pullman programmata dagli ultrà di 
destra nei quartieri delle moschee e degli immigrati extracomunitari, ha difeso 
intervenendo in assetto antisommossa uno straniero inseguito da un gruppo di neonazisti. 
La città boicotta il raduno in ogni modo, da tassisti e autisti di autobus che forniscono 
loro false informazioni fino all'ostentazione del passeggio in centro delle coppie 
multietniche. Il sindaco democristiano (del partito della cancelliera Merkel) Fritz 
Schramma denuncia il "congresso" come riunione di "marroni (cioè nazisti) in doppiopetto, 
che agitano idee di odio e intolleranza inammissibili". E a Berlino il governo federale 
denuncia la manifestazione come "danno alla convivenza tra tedeschi e concittadini 
stranieri". Su questo sfondo, l'Italia è l'unico paese presente alla conferenza 
condannata dal governo della cancelliera democristiana Angela Merkel con un esponente di 
un partito di governo, il leghista Borghezio. 

E' una vigilia di tensione, quella che vive la prospera, multiculturale metropoli sul 
Reno. Domani sabato si terranno nel centro storico, a pochissima distanza l'una 
dall'altra, due manifestazioni. Quella della destra nazionalpopulista e xenofoba sulla 
vecchia piazza del mercato, Heumarkt, cui sono attese almeno 1500 persone. E la 
contromanifestazione indetta dal sindaco democristiano, dai sindacati, dalla Spd, dalle 
organizzazioni per i diritti umani, cui si prevede parteciperanno decine di migliaia di 
tedeschi e immigrati. Tremila poliziotti in assetto di guerra presidiano la città, pronti 
a tutto. E il capo della polizia, Klaus Steffenhagen, lancia dure accuse ai populisti e 
al loro movimento locale 'Pro Koeln' (Per Colonia), ispiratore delle agitazioni 
anti-moschea e del raduno. "Con la gita in pullman nei quartieri degli immigrati hanno 
pensato una provocazione inaccettabile", dice il capo della polizia, "per questo 
l'abbiamo proibita. E'un insulto inammissibile alla dignità umana". 
Per proteggere il diritto alla preghiera dei musulmani in questo venerdì di Ramadan si 
sono formati due cordoni attorno alla vecchia moschea di Keupstrasse: uno di manifestanti 
democratici, il secondo, esterno, degli agenti. 

Incidenti si sono avuti già nel tardo mattino: gruppi di giovani di estrema sinistra 
hanno lanciato sassi, uova marce e vernice contro la nave a bordo della quale i promotori 
del convegno anti-islamico avevano convocato una conferenza stampa, e hanno aggredito un 
simpatizzante di destra. La polizia ha fermato sette giovani. Poi è venuto il diveto 
della gita in pullman. I promotori del congresso, accusano i capi della polizia, 
"diffondono menzogne e notizie false per creare tensione, vogliono giocare con noi al 
gatto e al topo, ma sappiano che siamo pronti ad affrontare ogni situazione 
imprevedibile". 

La Germania e l'Europa attendono col fiato sospeso la giornata di domani sabato: si teme 
un'escalation di violenza a causa "di questo raduno non benvenuto di estremisti in 
doppiopetto", ha detto il sindaco Schramma. Due idee della società si confrontano in 
piazza a Colonia, la democrazia multiculturale e l'intolleranza xenofoba. E l'Italia è 
appunto l'unico paese che alla "conferenza contro l'islamizzazione"è rappresentata da un 
esponente di un partito membro della coalizione di governo, il leghista Borghezio. Mentre 
esponenti dei partiti d'opposizione parteciperanno alla contromanifestazione col sindaco 
Cdu e i sindacati. 
Dietro i silenzi ufficiali, trapela un forte fastidio per questa presenza italiana al 
congresso anti-islamizzazione fatto nel governo di Berlino. La politica di integrazione 
degli immigrati e di tolleranza culturale è un valore costitutivo per la Grosse 
Koalition, e per la cancelliera democristiana Angela Merkel. Contro il convegno si sono 
schierati anche i cattolici tedeschi, ammonendo che la libertà di ogni religione è 
intangibile dettame costituzionale. 

E dalla politica italiana arriva la prima dura polemica per la presenza dell'eurodeputato 
leghista. Walter Veltroni, ha invitato il premier Berlusconi ad intervenire: "Il 
presidente del Consiglio ha il dovere se ne ha il tempo, di richiamare un membro della 
sua maggioranza a non prendere parte ad un evento con la presenza dichiarata di 
manifestanti naziskin ed apertamente razzista". 



Ogni anno vengono uccisi 40 milioni di squali dagli uomini. Ogni anno sono uccisi 10 
uomini dagli squali. Se uno squalo incontra un uomo dovrebbe darsi alla fuga.
Sei immigrati sono stati assassinati in un solo giorno dalla camorra a Castelvolturno. Un 
italiano di origine africana è stato bastonato a morte a Milano al grido di: “Sporco 
negro” da padre e figlio per aver rubato dei biscotti. Due ucraine sono state massacrate 
da un pensionato italiano. Era geloso. Centinaia di extracomunitari muoiono sul lavoro in 
Italia inghiottiti da un tombino o inceneriti in una fornace. Minorenni extracomunitari, 
spesso bambini, sono stuprati in massa dagli “Italiani brava gente”. Prezzi modici: 20/30 
euro. Stranieri scompaiono nei campi di raccolta dei pomodori in Puglia. Gente della 
quale non sono state trovate neppure le ossa.
L’Italia è la portaerei mondiale della cocaina. Passa tutta di qua, dal porto di Gioia 
Tauro. Una dose costa 5/10 euro, come un aperitivo. A Milano è così diffusa che si 
respira nell’aria, è gratis.
L’esercito fa la guardia alle discariche della Impregilo e ai cassonetti, mentre 
all’angolo della strada la camorra ammazza uno dopo l’altro i testimoni di giustizia.
Se un extracomunitario onesto incontra un italiano dovrebbe darsi alla fuga. L’italiano è 
lo squalo bianco d’Europa. In quale Paese ci sono più squali in Parlamento? Dell’Utri e 
Cuffaro hanno denti affilatissimi. Lo psiconano in bocca ha solo canini, mentre Topo 
Gigio Veltroni ha la dentiera (è uno squalo di seconda classe). Dove si può trovare una 
criminalità organizzata del livello di Mafia, Ndrangheta e Camorra? Nessun Paese al mondo 
ha squali tigre come i nostri.
Dal crollo delle Torri il pericolo è il musulmano. Ma dal 2001 non un solo italiano, non 
UNO, è stato ucciso in Italia da un musulmano per motivi religiosi. La Lega vieta le 
moschee, luoghi di preghiera, ma non si preoccupa del dilagare della mafia e della droga 
al Nord.
Squalo non mangia squalo…
In Italia sopravvivere e già difficile per un italiano, l’extracomunitario rischia la 
vita. Arriva e finisce in un Cpt o in galera. Se non paga il pizzo è ammazzato, deve 
lavorare in nero, se è una donna o un minore è a rischio stupro.
Solo se è un delinquente si sente a suo agio. Qui non corre nessun rischio. Si trova 
meglio che a casa sua. E’ nella patria degli squali.