[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fwd:L'INTERVISTA DELLO STRAGISTA GOLPISTA...



kossiga e' quello che quando era ministro dell'interno faceva bastonare le donne nelle 
piazze..
quando c'era lui gli sbirri in borghese ammazzarono 
GIORGIANA MASI una studentessa..una donna..disarmata..che stava manifastando..
quando c'era lui c'era il terrorismo di stato..
c'erano le br si..
poi i servizi segreti che organizzavano insieme ai terroristi neri le stragi di Bologna 
le mattanze dell'Italicus..le tante stragi compiute dallo stato in complicita' con i 
nostri alleati u.s.a. per fermare il comunismo in italia..
e allora giu' sangue innocente!!

kossiga era espressione dei poteri occulti intrecciati tra logge massoniche maggioranze 
grige silenziose e fascismi recrudescenti..

infatti in italia poi lo han fatto presidente della repubblica per i suoi lavori 
compiuti..

ora rilascia questa intervista in cui se ancora servisse mette la firma sul suo passato 
di sangue ed ingiustizia..sul suo passato di morte e terrore..

avete sentito qualcuno protestare per questo?
sentito nessun politico importante dirgli di tacere vista oltretutto la demenza senile in 
stato avanzato da cui e' affetto?

niente!!
avete presente come intimorisce tutti quando interviene in qualche studio dei tristi talk 
show nostrani?

lui detiene ancora importanti segreti su passati lutti e misfatti..lui fa ancora paura..e 
tutti in riga li mette..

avete letto su qualche quotidiano importante che kossiga e' un fascista dichiarato?
 mandatemi gli articoli grazie.


buona lettura....siamo in italia..


Ho letto in ritardo questa intervista di Cossiga. Mi ha fatto venire in mente la clausola 
finale di un articolo di Scalfari di tanti anni fa, quando il presidente Cossiga, 
dall´alto della sua irresponsabilità costituzionale, picconava la politica italiana con 
interventi allusivi che solo gli intenditori erano in grado di capire e che solo i 
qualunquisti applaudivano. In seguito a una sua esternazione particolarmente 
imbarazzante, soprattutto per lui stesso, il direttore di Repubblica lo pregò: 
Presidente, per carità di patria, stia zitto!
L´invito cadde nel vuoto. Il presidente continuò a parlare. E anche da presidente emerito 
insiste. L´intervista qui sotto si commenta da sola. Alcuni passaggi sono così esagerati 
da sembrare inventati per nuocergli. Invece Cangini ha naturalmente riportato ciò che ha 
sentito e che noi trasecoliamo a leggere.
Non stupisce che la maggioranza di centrodestra lo consideri una sua icona. E la sua 
adesione non è solo approvazione verbale. Di recente in Senato ha appoggiato la sua 
iniziativa di avanzare un incidente di attribuzione nei confronti della Cassazione a 
proposito del caso Englaro. Un´operazione che mirava a rappresentare il centrodestra come 
difensore della vita e il centrosinistra schierato con la morte. Istanza rigettata pochi 
giorni fa seccamente dalla Corte Costituzionale.

Pancho Pardi

Presidente Cossiga, pensa che minacciando l´uso della forza pubblica contro gli studenti 
Berlusconi abbia esagerato?
«Dipende, se ritiene d´essere il presidente del Consiglio di uno Stato forte, no, ha 
fatto benissimo. Ma poiché l´Italia è uno Stato debole, e all´opposizione non c´è il 
granitico Pci ma l´evanescente Pd, temo che alle parole non seguiranno i fatti e che 
quindi Berlusconi farà una figuraccia».

Quali fatti dovrebbero seguire?
«Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand´ero ministro dell´Interno». 

Ossia?
«In primo luogo, lasciare perdere gli studenti dei licei, perché pensi a cosa 
succederebbe se un ragazzino rimanesse ucciso o gravemente ferito...». 

  

Gli universitari, invece? 

«Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare 
il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di 
giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e 
fuoco le città». 

  

Dopo di che? 

«Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà 
sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri». 

  

Nel senso che... 

«Nel senso che le forze dell´ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in 
ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, 
ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano». 

  

Anche i docenti? 

«Soprattutto i docenti». 

  

Presidente, il suo è un paradosso, no? 

«Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì. Si rende conto della gravità 
di quello che sta succedendo? Ci sono insegnanti che indottrinano i bambini e li portano 
in piazza: un atteggiamento criminale!». 

  

E lei si rende conto di quel che direbbero in Europa dopo una cura del genere? «In Italia 
torna il fascismo», direbbero. 

«Balle, questa è la ricetta democratica: spegnere la fiamma prima che divampi 
l´incendio». 

  

Quale incendio? 

«Non esagero, credo davvero che il terrorismo tornerà a insanguinare le strade di questo 
Paese. E non vorrei che ci si dimenticasse che le Brigate rosse non sono nate nelle 
fabbriche ma nelle università. E che gli slogan che usavano li avevano usati prima di 
loro il Movimento studentesco e la sinistra sindacale». 

  

E´ dunque possibile che la storia si ripeta? 

«Non è possibile, è probabile. Per questo dico: non dimentichiamo che le Br nacquero 
perché il fuoco non fu spento per tempo». 

  

Il Pd di Veltroni è dalla parte dei manifestanti. 

«Mah, guardi, francamente io Veltroni che va in piazza col rischio di prendersi le botte 
non ce lo vedo. Lo vedo meglio in un club esclusivo di Chicago ad applaudire Obama...». 

  

Non andrà in piazza con un bastone, certo, ma politicamente... 

«Politicamente, sta facendo lo stesso errore che fece il Pci all´inizio della 
contestazione: fece da sponda al movimento illudendosi di controllarlo, ma quando, 
com´era logico, nel mirino finirono anche loro cambiarono radicalmente registro. La 
cosiddetta linea della fermezza applicata da Andreotti, da Zaccagnini e da me, era stato 
Berlinguer a volerla... Ma oggi c´è il Pd, un ectoplasma guidato da un ectoplasma. Ed è 
anche per questo che Berlusconi farebbe bene ad essere più prudente» 

Fonte: Andrea Cangini, Quotidiano Nazionale (Il Giorno /Resto del Carlino/La Nazione)