[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

R: Assemblea del Coordinamento Nazionale STOP RAZZISMO



Title: Roma 29 Novembre 2008
Il 29 novembre ci sarà la manifestazione per la palestina, indetta in primis dalle associazioni e dai gruppi di palestinesi in Italia, spero che gli impegni che si sovrappongono non impediscano una forte partecipazione. Eccovi di seguito l'appello:

Roma 29 Novembre 2008

Nè muri Nè silenzi

Pace giustizia e libertà in Palestina


Le Nazioni Unite hanno dichiarato il 29 Novembre “Giornata di solidarietà internazionale con il popolo palestinese". Invitiamo tutti/e ad unirsi alla manifestazione nazionale di Roma insieme al Coordinamento delle comunità palestinesi in Italia e all'UDAP (Unione Democratica Arabo Palestinese).


Il popolo palestinese dopo 60 anni di espropri, vessazioni e violenze, ha visto negli anni della seconda Intifada ridurre progressivamente il suo spazio di rappresentanza e prospettiva politica nei Territori Occupati, in Israele e nel resto del mondo. Le esecuzioni mirate e gli arresti arbitrari del governo israeliano hanno decapitato la leadership delle forze politiche palestinesi, il resto lo ha fatto la comunità internazionale delegittimando i principali dirigenti politici palestinesi di ogni ispirazione, cominciando da quelli laici e pragmatici.


Intanto la frammentazione del territorio determinata dalla costruzione del muro e dalla crescita indiscriminata delle colonie, e le sempre maggiori difficoltà di circolazione per merci e persone all’interno dei territori occupati, hanno messo in ginocchio l’economia palestinese.


Quello palestinese è un popolo tenace e coraggioso che ha le stesse necessità di ogni altro popolo; necessità materiali: lavoro, istruzione, sanità accesso ai mercati e ai beni primari e necessità ideali: bisogno di progettare il futuro, diritto di scegliere liberamente i propri rappresentanti politici, diritto all’autodeterminazione. E' un popolo che ha dimostrato più volte di sapere accettare compromessi anche dolorosi e di saper fare scelte pragmatiche: le reiterate offerte di tregua da parte di Hamas, l’iniziativa di pace della Lega Araba, gli accordi della Mecca, e la riflessione sullo stato unico avviata in larga parte della società palestinese testimoniano una volontà di superare l'esistente. Una volontà che è stata sistematicamente ignorata dal governo israeliano e da gran parte della comunità internazionale, producendo nel popolo palestinese una sensazione di accerchiamento e di impotenza i cui risultati vediamo oggi.


La popolazione civile, schiacciata tra l’occupazione militare israeliana e lo scontro armato tra le opposte fazioni, si è trovata come sempre a pagare il prezzo più alto, in termini di perdita di vite umane e di peggioramento delle condizioni economiche.

L'occupazione israeliana della Palestina è scintilla che accende tutti i conflitti in Medioriente; è lievito che da anni fa crescere lo scontro con la civiltà arabo-musulmana, è strumento nelle mani di molti governi e poteri dell’area che la usano per perseguire i propri fini.

La pace va cercata nella giustizia, nel diritto internazionale e nella verità, non in una normalizzazione che metta a tacere le legittime aspirazioni di libertà e di dignità del popolo palestinese.

L’assedio israeliano imposto alla Striscia di Gaza, e l’irresponsabile embargo della comunità internazionale al governo di Hamas hanno dato il colpo di grazia ad un’economia già traballante, e impediscono a 1.500.000 di persone, di cui il 51% bambini e adolescenti, di avere libero accesso ai servizi di base quali sanità, educazione, rifornimenti energetici. L’assedio di Gaza costituisce una grave violazione dei diritti umani, e ha prodotto una crisi umanitaria denunciata più volte anche dalle Nazioni Unite.

Chiediamo agli uomini e alle donne di ogni età, ai compagni e alle compagne dei partiti, dei sindacati, delle associazioni e dei movimenti, che in questi anni sono stati al nostro fianco nella ricerca di una pace giusta in Palestina/Israele di unirsi a noi nella denuncia dell’assedio di Gaza.

Chiediamo che le Nazioni Unite si impegnino a far rispettare le tutte le risoluzioni ignorate o violate dallo Stato di Israele, e continuiamo a chiedere al Governo Italiano, e all’Unione Europea quello che chiediamo da anni:

- la fine dell’occupazione israeliana della Palestina

- uno stato palestinese sovrano con Gerusalemme Est capitale

- il diritto al ritorno per i rifugiati palestinesi, come previsto dalla risoluzione Onu 184

- la liberazione di tutti i prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane

- lo smantellamento del regime di apartheid determinato dal Muro e dalle colonie israeliane

- la fine dell'assedio imposto alla Striscia di Gaza

- la revoca degli accordi di cooperazione militare Italia – Israele e il ritiro delle truppe dai vari teatri di guerra.

Appuntamento alle 15 in Piazza della Repubblica (fronte chiesa S. Maria degli Angeli) dietro lo striscione “stop all’assedio di Gaza”

Per adesioni:

assopace.nazionale at assopace.org

Firme e adesioni:

Associazione per la Pace



----Messaggio originale----
Da: info at helptochange.org
Data: 25/11/2008 14.49
A: <nonviolenza at peacelink.it>, <pace at peacelink.it>, <volontariato at peacelink.it>, <dirittiglobali at peacelink.it>
Ogg: Assemblea del Coordinamento Nazionale STOP RAZZISMO

*Il giorno 29 novembre alle ore 11:00 in v.Caffaro,10 - Roma (zona
Garbatella) presso il Centro Socio Culturale Garbatella si terrà la prima
assemblea del Coordinamento Nazionale STOP RAZZISMO.*
Il Coordinamento nasce a seguito della Manifestazione Nazionale Antirazzista
del 4 ottobre.

Nella prossima Assemblea del Coordinamento Nazionale di Stop Razzismo si
prenderanno in considerazione le attività e le forme di mobilitazione che
Stop Razzismo porterà avanti, con l'intento di promuovere la sensibilità
antirazzista ed opporsi all'atteggiamento razzista che si manifesta nella
quotidianità e nelle scelte politiche dei governi europei, in particolar
modo del governo Berlusconi, come di molte amministrazioni comunali, tra le
quali alcune, cosiddette di "sinistra".

Martin Luther King diceva: "La cosa peggiore non è la violenza dei malvagi
ma il silenzio degli uomini onesti"

--
Non Osiamo Perché Le Cose Sono Difficili; Le Cose Sono Difficili Perché Non
Osiamo. - Seneca




Telefona e naviga senza limiti con Tiscali Voce 8 Mega a soli € 15 al mese per 1 ANNO. In seguito paghi € 29,90 al mese. Attiva entro il 27/11/08! http://abbonati.tiscali.it/promo/voce8mega/