[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Dalla parte dei migranti.



 
----- Original Message -----
 
From: __La Piazza della Solidarietà__
 
 

 
N.B. Questo indirizzo di posta elettronica viene usato esclusivamente per trasmettere le informazioni de La Piazza della Solidarietà.
Per mettersi in contatto con La Piazza della Solidarietà, scrivere invece a piazza_solidarieta at katamail.com o chiamare il 335 699 39 69.
 
 
 
 
Come ogni prima domenica del mese, torna a Cagliari, La Piazza della Solidarietà (domenica 1° marzo, dalle 9,30 alle 13, in piazza san Cosimo). Sono le tante associazioni, che in mille modi diversi si occupano di solidarietà. Chi verso l'ambiente, o gli animali. Chi verso le persone o le popolazioni povere. Chi verso le minoranze, gli sfruttati, chi verso i malati, i sofferenti. Chi verso le vittime della fame, chi verso le vittime della guerra.
Chi combatte contro il pregiudizio, chi contro la burocrazia, chi contro le imposizioni, gli indottrinamenti coatti, mascherati, vellutati.
Contro le ingiustizie.
Tutto per cercare di costruire un mondo migliore, non solo per noi ma per tutti, non solo qui ma ovunque, non solo per oggi ma per domani.
Una solidarietà che non sia solo lenire le ferite, ma muoversi attivamente per rimuovere le cause del disagio, della sofferenza, dei disastri, delle guerre. Una Piazza che non sia solo la sommatoria di tanti banchetti, tutti diversi e tutti colorati, ma che anche individui temi scottanti, li porti all'attenzione della gente, costringa ad una riflessione, indichi vie di soluzione, con la forza dei tanti volontari, con la credibilità delle tante associazioni. Una Piazza che chiami alla responsabilità.
La Piazza di domenica è dedicata ai migranti. Sono quelle persone come noi. Con sentimenti, speranze, illusioni. Proprio come noi.
Forse meno fortunate. Fuggono. Da guerre, fame, carestie. Vanno in cerca di condizioni di vita migliori. Anche i nostri nonni lo facevano.
Attraversano l'Africa, il deserto, soffrono la sete e la fame, spendono tutto quel che hanno per un passaggio in barca. La barca spesso affonda, qualche volta viene affondata. Muoiono. Stipati, nascosti, schiacciati dalle merci, vengono dall'Asia, attraverso l'Europa dell'Est, soffocati, dentro container, assiderati, nelle celle frigorifere dei camion. Muoiono. Nelle stive delle navi. Muoiono.
Una strage annunciata che si ripete ogni giorno nella nostra indifferenza.
Quelli che non muoiono arrivano qui. Alcuni sono onesti, altri disonesti. Proprio come noi.
Noi dovremmo accoglierli con umanità. Non avviene così.
Con la "Legge Turco-Napolitano", prima (governo di centro sinistra), con la "Legge Bossi-Fini", poi (governo di centro destra), si sono chiuse queste persone in campi di concentramento (i CPT), incarcerati senza che fossero accusati o accusabili di alcun reato.
Vengono rispediti indietro, nei paesi dai quali fuggono, talvolta sono perseguitati politici. Chiedetevi cosa avvenga di loro.
Si fanno accordi con la Libia, affinché siano "dissuasi" dal continuare il viaggio. Chiedetevi cosa avvenga di loro.
Sono esseri umani come noi. Ma noi lo siamo?
Ora si vuol rendere più aspra e persecutoria la "Bossi-Fini".
Ora si trasforma in reato, quella che è povertà, ora si prendono provvedimenti per rendere "perseguibile per legge" ciò che è richiesta di asilo.
Ora si vuol portare a sei mesi, quando già erano troppi due (perché imprigionare chi reati non ha commesso? perché colpire chi è solo "colpevole" di indigenza?), il periodo massimo di detenzione nei centri che chiamano "di accoglienza".
Ora si vuol rimuovere l'obbligo per i medici di non denunciare chi, migrante secondo la legge dei poveri, clandestino secondo la legge dei ricchi, ricorra alle loro cure.
Costringendoli ancor più alla fuga, agli espedienti, alla segregazione, alla schiavitù, alla morte. 
Alla morte.
Negando loro anche il diritto ad avere la pur minima cura. Negando loro l'umanità.
E noi?! Lasciamo fare?!
Le associazioni della Piazza non hanno bisogno di affermare la loro indipendenza da spifferi partitici. Parla la loro storia, parlano le loro attività.
Le associazioni della Piazza vedono ciò che succede, dicono no, invitano i cittadini a farlo.
Domenica, alle 12, durante La Piazza della Solidarietà, ci sarà un momento pubblico di riflessione, discussione, proposta, per individuare una via, strumenti di protesta, di pressione, per ridare un po' di umanità a questa umanità.
Migranti di ogni terra, cittadine e cittadini, associazioni, militanti di partito senza bandiere di partito, tutte e tutti, sono invitat* a partecipare.
 
 
 
 
Le associazioni della Piazza:
 

actionaid, aifo, amnesty international, amici di nico, amici di sardegna, amici di viviana, amici senza confini, arci, avo, cagliari social forum, ciclofucina sella del diavolo, cisv sardegna, citta' ciclabile, cittadinanza attiva, cosas, deggo, emergency, greenpeace, ingegneria senza frontiere, lav lega antivivisezione, los quinchos, luna d'oriente, mani tese, maramao onlus, mimi' e gogo', movimento verde, oipa, oscar romero onlus, parada italia, pastori per, rete radiè resch, sardegna palestina, servizio civile internazionale, shiatsu do onlus, sinergia femminile, solidando, sucania, uaar
 
 
Info:
tel. 335 6993969
 
 
Allegato Rimosso