[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

La Turchia nega la sepoltura al defunto artista armeno Aram Tigran



Associazione per i popoli minacciati / Comunicato stampa in
www.gfbv.it/2c-stampa/2009/090818it.html

Turchia: "sciovinismo smascherato"
La Turchia nega la sepoltura al defunto artista armeno Aram Tigran

Bolzano, Göttingen, 18 agosto 2009

Il rifiuto della Turchia di consentire la sepoltura del cantante armeno Aram Tigran nella metropoli kurda di Diyarbakir, per l'Associazione per i Popoli Minacciati (APM) rappresenta lo "sciovinismo smascherato" della Turchia. Tutti i partiti politici dovrebbero prendere atto della mancanza di correttezza politica e delle derive del profondo nazionalismo turco, prendendone chiaramente le distanze. Aram Tigran, che era morto l'8 Agosto all'età di 75 anni in un ospedale di Atene, è stato sepolto lunedì a Bruxelles. Il sindaco kurdo di Diyarbakir, Osman Baydemir, ha fatto trasportare simbolicamente la terra dalla sua città verso il Belgio per esaudire l'ultimo desiderio dell'artista. Suo padre era stato salvato da Kurdi durante il genocidio degli Armeni in Turchia nel 1915. Con loro era fuggito in Siria e insieme si erano fermati nella zona abitata prevalentemente da Kurdi della città di Qamishli. A Qamishli nacque nel 1934 suo figlio Aram Tigran.

Aram Tigran è stato un grande interprete della musica contemporanea kurda e ha cantato la maggior parte del proprio repertorio in kurdo Kurmanci, ma anche in armeno, aramaico, greco e arabo. Il musicista era emigrato nei primi anni '60 nella ex Repubblica sovietica di Armenia e viveva dai primi anni '90 soprattutto in Grecia e in Belgio. Solo poco prima della sua morte gli era stato consentito di visitare l'antica terra dei suoi antenati, la provincia di Diyarbakir.

Persino in Germania il presidente federale della comunità turca in Germania, Kenan Kolat, apparentemente preoccupato, vorrebbe garantire che le giovani generazioni tedesche non vivano ciò che è accaduto nel 1915 in Anatolia orientale. Per questo Kolat ha recentemente dichiarato che il programma di storia nelle scuole del Brandeburgo rappresenta un grave ostacolo psicologico per gli studenti turchi e quindi mette in pericolo la pace interna. Nel programma di storia viene tematizzato il genocidio perpetrato sotto l'Impero ottomano tra il 1915 e il 1916 in cui rimasero vittime 1.500.000 Armeni e 500.000 Cristiani assiro/aramei. Nei crimini rimasero coinvolti anche molti Agha kurdi, organizzati nella milizia paramilitare Hamidiye (ora trasformati in guardiani di villaggio).

Sotto il successivo comando di Kemal Atatürk furono trucidati almeno 200.000 Cristiani nella regione attorno alla città portuale di Smirne, ora Izmir, e in Tracia orientale, nella parte europea della Turchia. Altre stime indicano in almeno 350.000 i Cristiani uccisi in questo periodo. Nello stesso periodo vennero cacciati dalla propria terra almeno due milioni di Greco-ortodossi, così come Armeni e Cristiani assiro-aramaici del Ponto, di Cappadocia e Ionici, così come i Cristiani arabi della regione attorno ad Alessandretta, oggi Iskenderun. La percentuale di popolazione cristiana sul totale della popolazione entro i confini della Turchia moderna è passata così nell'arco di 50 anni dal 20 per cento a circa lo 0,1 per cento.

Vedi anche in gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/2009/090403it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2009/090325it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2009/090320ait.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2009/090220it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2008/081017it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2008/081007it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2008/080728it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2008/080212it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2007/071129it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2007/071025it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2007/071018it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2007/070720it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2007/070419it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2007/070320it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2007/070119it.html | www.gfbv.it/3dossier/kurdi/indexkur.html | www.gfbv.it/3dossier/kurdi/kurtur-it.html | www.gfbv.it/3dossier/armeni/armeni.html in www: http://en.wikipedia.org/wiki/Aram_Tigran | www.globalvoicesonline.org/2009/08/09/greece-armenian-singer-passes-away/ | http://it.wikipedia.org/wiki/Kurdistan | www.ihd.org.tr/eindex.html | www.azadiyawelat.com