[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Berlusconi non può restare al Governo. Documento da inviare e diffondere se condiviso



Movimento per la società di giustizia e per la speranza
Cari amici,
                 il Movimento ha preparato questo intervento sulla vergognosa presenza di Berlusconi al Governo; per il quale chiede il vostro aiuto nell'invio e nella diffusione. Il documento può sempre essere fatto proprio e anche mutato. Gl'indirizzi:

Pres. Giorgio Napolitano, presidenza.repubblica at quirinale.it (nome, cognome, indirizzo sono d'obbligo)

Premier Silvio Berlusconi, segreteria.presidente at governo.it

Segr.  Dario Franceschini, d.franceschini at partitodemocratico.it

Un saluto fraterno da Arrigo Colombo
 

Movimento per la Società di Giustizia e  per la Speranza

Lecce

 

 

Al Presidente Giorgio Napolitano

al Premier Silvio Berlusconi

al Segretario Dario Franceschini

 

Berlusconi non può restare al Governo

 

Perché al Governo, che è una delle supreme funzioni dello Stato, dove si mette in atto la legge, non  può stare chi alla legge si è abitualmente sottratto, chi della legge ha abusato in proprio favore: con le famose leggi ad personam. Contro i principi di eguaglianza e di giustizia, contro la Costituzione. Come la Consulta ha confermato anche di recente.

 

Giunto infatti al governo nel  giugno 2001 carico di processi, Berlusconi ha subito provveduto a far varare leggi inique per scaricarsene. Già nell’ottobre  veniva depenalizzato il falso in bilancio in modo che i bilanci falsi delle imprese non potessero più essere perseguiti;  venivano rese più difficili le rogatorie internazionali, per ritardare i processi che colpivano l’illegale esportazione di capitali. Con la legge Cirami potevano sospendersi i processi adducendo un preteso ”legittimo sospetto” contro la Corte. Infine il lodo Schifani faceva piazza pulita, sospendendo i processi delle cinque maggiori cariche dello stato; ma tra quelle cinque cariche una sola aveva bisogno di quella legge per sfuggire alla giustizia, ed era il Governo di Berlusconi.

L’azione contro i processi continuò tuttavia:  diminuendo i tempi di prescrizione, sì da farli decadere: con la legge “salva Previti” (che però fu condannato), con la Cirielli. Impedendo l’appello del PM in caso di assoluzione.

E riprese col nuovo arrivo di Berlusconi al governo nel 2008, perché nel frattempo altri processi contro di lui s’erano aperti: già nel giugno, inserendo nel decreto sicurezza un comma che sospendeva circa centomila processi col pretesto di mandare innanzi i più gravi. Poi col lodo Alfano (una legge iniqua promossa proprio dal Ministro della giustizia) che sospendeva tutti i processi per le  quattro maggiori cariche dello Stato; ma una sola carica vi era implicata, quella di Berlusconi.

 

Queste leggi inique, che Berlusconi ha fatto varare da un Parlamento succube, sono la prova della sua disonestà. Ch’egli cerca spavaldamente di negare proclamando a destra e a manca che si tratta di processi-farsa, di persecuzione da parte di giudici politicizzati, giudici rossi, sostenuti da una stampa italiana comunista, da una stampa estera sinistroide e menzognera. Affermazioni vergognose e insieme ridicole. Che il mondo intero ha condannato.

 

Il comportamento giusto lo si è visto altrove. Quando Kohl, per una semplice accusa di finanziamento illecito di partito, subito si dimette. E lo stesso fa Strauss-Kahn per accuse legate alla professione d’avvocato. Questo fa, questo deve fare un uomo di Stato, quando la sua onestà è comunque intaccata.

 

Berlusconi si appella al popolo che lo ha eletto. Ma quel popolo non sapeva dei suoi processi e delle sue leggi inique. La casalinga di Voghera, sua grande elettrice, non legge i giornali.

Lecce, ottobre 2009

                                                                           per il Movimento il Responsabile

                                       Prof. Arrigo Colombo

 

Arrigo Colombo, Centro interdipartimentale di ricerca sull’utopia, Università di Lecce

Via Monte S.Michele 49, 73100 Lecce, tel/fax 0832-314160

E-mail arribo at libero.it/ Pag  web http://digilander.libero.it/ColomboUtopia