[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Nessuna guerra è giusta (testo abbreviato)



Movimento per la società di giustizia e per la speranza
Cari amici,
                 vi prego di scusarmi se vi rinvio il testo Obama sulla guerra, abbreviato perché risulta che sul Contact us della White House i 2500 caratteri ammessi comprendono anche gli spazi, per cui il testo è troppo lungo e non viene accettato. Chiediamo sempre il vostro aiuto nell'invio e nella diffusione. Il documento può sempre essere fatto proprio e anche mutato. L'indirizzo:
Per la Casa Bianca andare sul sito www.whitehouse.gov, cliccare Contact us, inserire i dati personali e il testo inglese; è l'unica via. 
Un saluto fraterno da Arrigo Colombo
 

Movimento per la Società di Giustizia e  per la Speranza

Lecce

 

To the President of the United States Barack Obama

 

No war is just

 

President Obama, in its speech in occasion of the bestowal of the Nobel Prize, has spoken about “just” war, “necessary” war, “right to use the force”.

These expressions cannot be accepted. At the point in which ethical conscience of humanity, its understanding of the human evil is matured, the war, the human slaughter, man against man, people against people, the intentional, scientifically and technologically organized slaughter is a so atrocious fact that cannot ever be lawful.

There is no just war, never, not even a war of liberation from an unjust aggressor or from an unjust dominion can be lawful. As says the Treaty of the UN, than the US have strongly wanted and by which they are bound, the problems between peoples and between states must never be resolved with war, but only and always with negotiation. 

 

In the wars triggered against those which Pres. Obama too calls “rogue states” – resuming a bad _expression_ of his predecessor Bush, sadly famous - the USA have committed heavy crimes:

they have violated the pact of the UN, the planetary community of  all peoples;

they have intentionally supplanted the UN and the possibility of pacific actions;

they have violated the autonomy of sovereign states, adducing liberation reasons but performing an arbitrary and unjust act, which can rouse the disorder in the world;

they have carried in these states a slaughter that lasts since some years and in which hundred of thousands persons are perished.

It has to be clear that democracy cannot be exported .

 

President Obama asserts that the wars will not end during our age:  a defeatist affirmation, a perspective that reveals a no will of peace, and that discourages and depresses the humanity.

On the contrary the US must decide firmly, and the President must proclaim to his people, that

there will be nevermore wars. He must operate for an amendment to the Constitution in which the US  refuse war; and  operate so that this decision is taken also from other states.

 

Lecce, 12-14-2009

                                                                 for the Movement the Chairman

                                                                        Prof. Arrigo Colombo

 

(testo italiano)

Nessuna guerra è giusta

 

Il Presidente Obama, nel suo discorso  in occasione del conferimento del premio Nobel, ha parlato di guerra “giusta”, di guerra “necessaria”, di “diritto di usare la forza”.

Queste espressioni non possono essere accettate. Al punto in cui è maturata la coscienza etica dell’umanità, la sua comprensione del male d’uomo, la guerra, il macello umano, di uomo contro uomo, di popolo contro popolo, il massacro intenzionale, scientificamente e tecnologicamente organizzato è un fatto talmente atroce che non può mai essere lecito.

Non si dà guerra giusta, nemmeno la guerra di liberazione da un ingiusto aggressore o da un ingiusto dominio è lecita. Come dice il Trattato dell’ONU, che gli USA hanno fortemente voluto e cui si sono vincolati, i problemi tra popoli e tra stati non devono mai essere risolti con la guerra, ma solo e sempre con la trattativa.

 

Nelle guerre scatenate contro quelli che anche il Pres. Obama chiama “stati canaglia” – riprendendo una infelice espressione del suo predecessore Bush, tristemente noto – gli USA hanno commesso gravi reati:

hanno violato il patto dell’ONU, la comunità planetaria dei popoli;

hanno volutamente scavalcato l’ONU e la possibilità di azioni pacifiche;

hanno violato l’autonomia di stati sovrani adducendo motivi di liberazione ma compiendo un atto arbitrario ed ingiusto, che può scatenare il disordine nel mondo,

hanno portato in questi stati  un massacro che dura da anni e in cui centinaia di migliaia persone sono perite.

Sia chiaro che la democrazia non può essere esportata perché richiede una maturazione della coscienza popolare; e perché in ogni caso deve nascere da una decisione autonoma di un popolo.

 

Il Pres. Obama presenta gli USA come garanti di stabilità nel mondo.

Ciò è falso perché con queste guerre hanno profondamente destabilizzato l’equilibrio mondiale; con lo scudo spaziale hanno attizzato la tendenza egemonica della Russia; coi loro armamenti nucleari hanno favorito la proliferazione in quanto gli stati trovano ingiusto il privilegio del Club dell’arma nucleare.

 

Il Pres. Obama afferma che le guerre non finiranno durante la nostra epoca: un’affermazione disfattistica, una prospettiva che rivela una non-volontà di pace, e che scoraggia e deprime l’umanità. Al contrario gli USA devono decidere fermamente, e il Presidente lo deve proclamare al suo popolo, che non ci saranno più guerre. Deve operare per un emendamento alla Costituzione in cui gli USA rifiutano la guerra; e operare affinché questa decisione sia presa anche da altri stati.

 

Solo così il Pres. Obama sarà quel Presidente di pace che tutti hanno atteso e sperato.