[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Ai Democratici Diretti






------------------------------------------
Le due dimensioni della Democrazia Diretta
------------------------------------------



Gentilissimi Democratici Diretti (almeno spero ve ne siano, qui in Lista),

per ciò che ci è tanto caro, oggi vige ancora questa definizione:

"La democrazia diretta è la forma di democrazia nella quale i cittadini, in quanto popolo 
sovrano, non sono soltanto elettori che delegano il proprio potere politico ai 
rappresentanti ma sono anche legislatori aventi il diritto, costituzionalmente garantito, 
di proporre e votare direttamente le leggi ordinarie e la costituzione attraverso diversi 
istituti di consultazione popolare e diverse forme di partecipazione popolare ..."

http://it.wikipedia.org/wiki/Democrazia_diretta


Tale definizione si basa con evidenza sull'assunto che la parola DEMOCRAZIA indichi una 
mera forma di governo. Nulla di più antiquato ed oggi totalmente errato. Infatti, alla 
luce della presente realtà sociale, ben distante da quella vissuta al loro tempo dagli 
antichi Greci, oggi non possiamo non considerare il termine DEMOCRAZIA come definente una 
composita FORMA di SOCIETA' in cui tanto il Governo quanto la Funzione Pubblica si 
realizzano attraverso una partecipazione popolare, diffusa e generale, tesa ad includere 
e non ad escludere.

Sapete qual'è il fulcro di una istituzione democratica?

Esso si individua con estrema precisione nella PERIODICA RESTITUZIONE al POPOLO dei ruoli 
pertinenti la collettività ed inerenti beni e servizi di proprietà collettiva. Ebbene: 
tale periodica restituzione al popolo va senza ombra di dubbio rispettata tanto da coloro 
cui sono stati affidati incarichi di Governo quanto da coloro cui sono state affidate 
mansioni pubbliche. Restituire periodicamente al popolo, all'ente sovrano che ce l'ha 
concesso, i poteri decisionali e l'insieme dei poteri attuativi: in questo consiste e si 
realizza la DEMOCRAZIA.

Occorre dunque che noi stessi, qui, facciamo un passo avanti ed iniziamo ad occuparci di 
entrambe le due dimensioni, o, se si preferisce, i due livelli in cui si esplica la 
DEMOCRAZIA DIRETTA: Governo e Funzione Pubblica.


Guardiamoci ora intorno: oggi il Movimento Progressista è ancora ridotto a chiedere 
l'elemosina al marcio sistema imperante manifestando per le strade e riunendosi nelle 
piazze, il più delle volte limitandosi a dire NO a questo e NO a quello. Non cadiamo 
oltre in questa riduttiva trappola. Noi cittadini oggi siamo abbastanza maturi da capire 
che il modo giusto per far avanzare il mondo è produrre materiale intellettuale 
all'avanguardia. Scrivere, trattare con piena consapevolezza, chiarire, discernere, 
ragionare, riflettere. Tutto ciò non è cosa inutile bensì è proprio ciò che costruisce 
quella NUOVA COSCIENZA necessaria a realizzare un del tutto nuovo progetto di vita.

Noi persone per bene ed in gamba, che aneliamo il progresso sociale quanto il nostro 
stesso futuro, ci esprimiamo preferibilmente in questo modo: usando la testa e non le 
gambe, scrivendo saggi e non cartelli, affermando ciò ch'è giusto e non elemosinando. Un 
bellissimo compito ci attende dunque per il Nuovo Anno. Impegnamoci ad un livello 
ultrasuperiore all'attuale, studiamo dapprima e poi produciamo tanto di quel materiale 
culturale all'avanguardia da inondare le masse ancora ignare e quelle stesse persone che, 
messesi alla guida del Movimento Progressista, per la loro stessa arretratezza ed 
ignoranza, spesso fanno a questo più da tappo che da apripista.


La DEMOCRAZIA è una FORMA di SOCIETA'
che chiama in causa tutte le espressioni
pertinenti la (e della) Collettività.

La democrazia non pertiene soltanto il Governo di un popolo. Se soltanto il Governo viene 
convertito alla democrazia, in capo a poco tempo la restante parte della società rimasta 
antidemocratica riconduce il Governo in una forma precedente l'avvento della democrazia. 
Questo è proprio ciò che sta accadendo. Questo è proprio ciò che dobbiamo scongiurare.


Questo è il salto quantico che deve svilupparsi nelle nostre menti. Questo è l'ormai 
piccolo passo che ci separa da una piena felicità sociale e quindi pure individuale. E 
tocca farlo a noi semplici cittadini, coi pochi mezzi che abbiamo, come meglio possiamo e 
sappiamo, sempre in legalità, pace e civiltà. Non dimentichiamo mai che nessun altro lo 
farà al posto nostro.


A presto leggere dunque Vostri preziosi apporti.

Un caro saluto e Feliz Nuevo Año a todos!


Danilo D'Antonio

Laboratorio (fine artigianato di idee) Eudemonia
Monti della Laga - Appennino Centrale

tel. 339 5014947
skp hyper.linker



FELICITÀ SOCIALE
http://www.hyperlinker.com/ars/felicitas.htm