[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

TORINO DUE PROIEZIONI DI TO SHOOT AN ELEPHANT (22 23 24)



Torino, venerdì 28 maggio alle ore 21,  in via Fiochetto 15

Il Centro Culturale italo-arabo Dar al Hikma,

in collaborazione con

International Solidarity Moviment-Italia e Movimento politico Per Il Bene Comune

organizza la proiezione del  film

TO SHOOT AN ELEPHANT

 

Torino, martedì 1 giugno alle ore 21 in via Baretti ang. via Saluzzo

l’International Solidarity Moviment-Italia

organizza presso il Cinema BARETTI

la proiezione del  film

TO SHOOT AN ELEPHANT

 

Un documentario prodotto da testimoni oculari presenti nella Striscia di Gaza durante l'attacco dell'esercito israeliano, iniziato il 27 dicembre 2008 e durato fino al 18 gennaio 2009, attacco denominato sadicamente Piombo Fuso.

Alberto Arce e Mohammad Rujeilah ne sono gli autori.

Per 23 giorni hanno visto con i loro occhi l'esercito israeliano sparare sull'elefante. Un documentario incalzante, sporco, da far perdere il sonno, con immagini che fanno rabbrividire.

Immagini raccolte insieme ai pochi internazionali dell'ISM (International Solidarity Movement), tra i quali Vittorio Arrigoni, che hanno deciso di rimanere nella Striscia di Gaza.

Il film è stato premiato lo scorso novembre al Festival dei Popoli di Firenze. Il 18 gennaio 2010 è stato organizzato, in tutto il mondo, un "global screening day", in occasione dell'anniversario dei bombardamenti israeliani a Gaza.

ISM e Alberto Arce con il suo "To shoot an elephant" hanno vinto il primo premio del A MATTER OF ACT di Amnesty International, Un premio che ogni anno viene assegnato al programma più meritevole in difesa dei diritti umani.

Nota: Il regista, Alberto Arce, consapevole del problema "distributivo" di cui le immagini su Gaza hanno sofferto e tuttora soffrono, ha deciso di rilasciare il suo film sotto licenza Creative Commons, "attribuzione condividi allo stesso modo", CC BY SA per permettere a chi è interessato, nel mondo intero, di scaricare legalmente il film, copiarlo, proiettarlo in pubblico, distribuirlo, tradurlo, alla sola condizione di citarne la fonte originaria e rilasciare il prodotto finale sotto lo stesso tipo di licenza.

 

 Le proiezioni saranno introdotte a cura di ISM-Italia e seguite, se richiesto, da un dibattito.

 

Il titolo del documentario deriva dal titolo di un racconto di Gorge Orwell, Shooting an Elephant,

http://en.wikipedia.org/wiki/Shooting_an_Elephant.

 

Chi vuole organizzare una presentazione di TO SHOOT AN ELEPHANT invii una email a info at ism-italia.it.

 

ISM- Italia info at ism-italia.it http://sites.google.com/site/italyism/

http://sites.google.com/site/icacbi/ www.frammenti.it

 

“Verrà il tempo in cui i responsabili dei crimini contro l’umanità che hanno accompagnato il conflitto israelo-palestinese e altri conflitti in questo passaggio d’epoca, saranno chiamati a rispondere davanti ai tribunali degli uomini o della storia, accompagnati dai loro complici e da quanti in Occidente hanno scelto il silenzio, la viltà e l’opportunismo.”

 

ISM-Italia è il gruppo di supporto italiano dell’ISM.

L’International Solidarity Movement (ISM www.palsolidarity.org) è un movimento palestinese impegnato a resistere all’occupazione israeliana usando i metodi e i principi dell’azione-diretta non violenta. Fondato da un piccolo gruppo di attivisti nel 2001, ISM ha l’obiettivo di sostenere e rafforzare la resistenza popolare assicurando al popolo palestinese la protezione internazionale e una voce con la quale resistere in modo nonviolento alla schiacciante forza militare israeliana di occupazione.

 

TUTELA DELLA PRIVACY

Ai sensi della Legge 675/1996, La informiamo che il Suo indirizzo è stato reperito attraverso e-mail da noi ricevuta o da fonti di pubblico dominio. Siamo coscienti che e-mail indesiderate sono oggetto di disturbo, quindi La preghiamo di accettare le nostre più sincere scuse se la presente non è di Suo interesse. Tutti i destinatari della e-mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96). Qualora non intendesse più ricevere comunicazioni, La preghiamo di inviare una e-mail utilizzando il comando rispondi mantenendo inalterato l'oggetto e inserendo nel testo la parola CANCELLA precisando l'indirizzo che sarà quindi immediatamente rimosso dalla mailing list. Abbiamo cura di evitare fastidiosi invii multipli, laddove ciò avvenisse La preghiamo di segnalarcelo.