[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: cittadini o spettatori? giovedì 27 maggio, ore 2 1 Villa Vogel






On 22/05/2010 at 17.02 Paolo Solimeno # wrote:

>Vi ricordo l'incontro
>"Cittadini o spettatori? La crisi della democrazia e i nuovi modelli di
>partecipazione"
>alle 21 di giovedì 27 maggio a Villa Vogel.
>
>organizzato dal "gruppo" cultura di Sinistra Ecologia Libertà di Firenze
>e dall'associazione Giuristi Democratici di Firenze e Roma
>
>    Relazioni di:
>Lorenza Carlassare - univ. Padova, costituzionalista
>Antonio Floridia - SISE, esperto leggi elettorali e partecipazione
>Giovanni Incorvati - Giuristi Democratici di Roma, filosofo del diritto
>
>    Interverranno fra gli altri:
>Andrea Bagni e Chiara Giunti per la rete @ sinistra
>Ilaria Papa per la fabbrica di nichi
>
>introduce Paolo Solimeno per SEL e Giuristi Democratici Firenze






Gentile Signor Solimeno,

vedendo il suo grande interesse per la Democrazia, la prego di informare la Signora 
Carlassare che la DEMOCRAZIA è tutt'ora un'OPERA INCOMPIUTA. Non si può parlare di 
"democrazia in crisi": i brutti tempi che stiamo vivendo sono esattamente ciò che si 
ottiene con una democrazia parzialmente realizzata.

L'Italia ha ottenuto, sì, la democratizzazione del suo Governo, che ora deve infatti 
ottemperare al principio di periodica restituzione al popolo delle sue cariche. Ma 
l'altrettanto importante passo di democratizzare la Funzione Pubblica, con la regolare 
restituzione al popolo dei suoi ruoli, è ancora lungi dall'essere avvenuta.

Tant'è che ancor oggi la Funzione Pubblica è in mano a quei piccoli despoti (come altro 
possiamo chiamare chi s'appropria a vita di un incarico pubblico, di un bene comune?) che 
l'hanno accaparrata.


La democrazia NON è in crisi. La democrazia è un'opera incompiuta. Ecco perché ora pare 
non funzionare. Prego dunque lei, Signor Solimeno, la Signora Carlassare ed i Presenti 
tutti, di prendere coscienza di ciò e di aiutare il processo di DEMOCRATIZZAZIONE della 
FUNZIONE PUBBLICA.

A Voi chiedo: può funzionare un motore che invece dei suoi quattro cilindri ne lascia 
attivo solo uno? Può un aereo volare con una ala sola? Può il Saturno 5 proiettare una 
navicella fin sulla Luna senza che il suo motore e stadio principale si sia acceso? 
Ebbene: senza una FUNZIONE PUBBLICA DEMOCRATICA, i cui ruoli vengano regolarmente 
redistribuiti tra la popolazione avente i necessari requisiti di competenza e desiderio 
di prestare servizio, mettiamo da parte l'idea che la Democrazia si sia già e mai 
affermata.


Il nuovo modello di partecipazione è esattamente questo: fuori gli accaparratori del bene 
comune, coloro i quali per 63 anni, dal referendum che introdusse la Repubblica, ha 
impedito la DEMOCRATICA PARTECIPAZIONE alla COSA PUBBLICA, dentro i cittadini a rotazione.



Danilo D'Antonio