[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Una vita a punti



Una vita a punti

Tra i tanti inghippi inventati dal governo per rendere complicata la vita
degli immigrati c’è anche il permesso a punti.
Di che si tratta?
Naturalmente il nome vero è un altro: si chiama accordo di integrazione.
Tradotto in italiano: io detto le regole e tu ti pieghi, perché altrimenti
non sei sufficientemente integrato e quindi niente permesso di soggiorno.
Come quei software che non si attivano se non accetti le condizioni
imposte dalla licenza, sei obbligato a sottoscrivere l’accordo di
integrazione, dichiarando di aderire ai “principi della Carta dei valori
della cittadinanza e dell’integrazione” fissati dal Ministro dell’Interno
nel decreto del 23 aprile 2007.
L’accordo ha come destinatari gli stranieri appena entrati in Italia.
Avere in tasca un contratto di soggiorno non è più condizione necessaria e
sufficiente al mantenimento del permesso di soggiorno. Al momento del
rinnovo, dopo due anni, l’immigrato deve dimostrare di sapere l’italiano
al livello “A2”, di conoscere la Costituzione nonché le regole imposte
dallo Stato in materia di sanità, educazione dei figli, scuola, lavoro,
tasse. Se non è in grado di presentare una documentazione che attesti il
raggiungimento degli standard richiesti deve sottoporsi ad un test: se non
lo passa viene buttato fuori anche se lavora.
L’accordo si articola in crediti che si possono accrescere acquisendo
attestati che dimostrino di aver acquisito le competenze richieste, si
possono anche perdere se si subiscono condanne o anche semplici denunce, o
multe.
L’accordo di integrazione si mostra senza veli per quello che è:
un’ulteriore selezione della manodopera immigrata. Gli immigrati con un
buon livello di istruzione, con maggiori qualifiche professionali, messi
in regola; gli altri, quelli che hanno studiato poco nel loro paese e
certo non hanno tempo né modo di farlo in Italia, schiacciati sempre più
nel limbo dei senza carte, per cui il lavoro e il futuro sono sempre più
neri. Ma non solo, perché si introduce anche il voto di condotta, che può
portare alla bocciatura anche l’allievo più diligente. Una scuola di
disciplina per adulti.
Naturalmente non mancherà chi troverà il modo di farci dei bei soldi,
perché è sin troppo facile prevedere quale enorme business saranno le
scuole che rilasceranno le pagelle di idoneità. Per non dire
dell’inevitabile traffico di attestati fasulli.
Ancora non è chiaro quando diverranno operativi gli accordi di
integrazione per i nuovi arrivati.

Il 9 dicembre è invece stato introdotto il test di italiano per quelli che
chiedono il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno CE per
soggiornanti di lungo periodo.
Chi ha già o ha maturato i requisiti per il permesso di lungo soggiorno CE
rischia, se non ce la fa, di non riuscire a rinnovarlo o ad ottenerlo.
A proposito… chi pensate che si occupi dei test? Il ministero
dell’Interno, ovviamente! Che test e contratto di integrazione siano un
tassello disciplinare nella vita degli immigrati lo dimostra che a
gestirli sono le questure per conto del Ministero dell’interno, cui vanno
fatte le domande, che fissa la data e luogo del test e ne comunica
l’esito.
I test vanno fatti presso i Centri provinciali per l’Istruzione degli
Adulti. Ma non tutti ci stanno a svolgere questa selezione di classe per
conto del ministro di polizia: gli insegnanti che li fanno saranno pagati
dal Ministero dell’Interno, esattamente come i poliziotti.
A Torino numerosi insegnanti del CTP Gabelli hanno annunciato con un
lettera pubblica che rifiuteranno di fare i test, perché non vogliono
essere complici.

Per capirne di più leggete la bozza di accordo di integrazione scaricata
dal sito del ministero dell’Interno e il testo del regolamento del
permesso a punti. Dulcis in fundo leggetevi l’elenco dei crediti
decurtabili in caso di condanne, denunce o multe.

Per approfondimenti: www.senzafrontiere.noblogs.org