[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Torino. Antifascisti al Balon e ricordo del partigiano Baroni



Torino. Antifascisti al Balon e ricordo del partigiano Baroni

Sabato 23 aprile
dalle 10 alle 14
al Balon – via Borgodora angolo via Andreis
(in caso di pioggia in piazza della Repubblica sotto i portici angolo
corso Giulio Cesare)
punto info antifascista

dalle 15,30
in corso Giulio Cesare angolo corso Novara
alla lapide del partigiano anarchico Ilio Baroni
deposizione di fiori e ricordo nel luogo dove Ilio morì combattendo
fascisti e nazisti

Lega assassina! La Resistenza continua…

Il 25 aprile 1945 Torino è paralizzata dallo sciopero generale: è il
giorno dell’insurrezione, il giorno in cui i partigiani giocano l’ultima
decisiva partita contro i nazifascisti.
Il 27 aprile i partigiani liberano completamente Torino. Ma il fascismo
non muore in quell’aprile…
Oggi il fascismo colpisce ogni giorno.
Le squadracce si chiamano ronde, le leggi razziste pacchetti “sicurezza”,
le “leggi speciali” sono diventate “normali”, i CIE, i centri per
immigrati senza documenti sono i lager del nuovo secolo.
I profughi muoiono in mare.
A Pantelleria a metà aprile sono annegate due donne quando il barcone che
le portava dalla Libia si è incagliato negli scogli. Una disgrazia? 15 ore
prima il mare era calmo e un peschereccio italiano aveva chiamato
soccorso. Sono arrivate solo navi militari che sono rimaste a guardare.
Il comandante di quel peschereccio lo dice chiaro “li hanno fatti morire.
Perché non sono intervenuti subito? Li ho chiamati ieri pomeriggio tra le
18 e le 19 e si sono mossi dopo ore. Perché non hanno mandato due
motovedette veloci e basse per poterli trasbordare? Perché sono passate
oltre 15 ore prima che li soccorressero?".

L’ex ministro della “giustizia”, il leghista Castelli parla altrettanto
chiaro: «Sparare agli immigrati? Per ora non si può»

In questo paese gli onorevoli leghisti minacciano di morte migliaia di
persone, mentre due anarchici, accusati di aver appeso a testa in giù un
fantoccio con la faccia di Borghezio davanti alla sede della Lega e di
aver detto che Bossi, Maroni, Borghezio sono razzisti e fascisti rischiano
la galera. Era il 23 aprile del 2009: la sentenza al processo è prevista
il 20 maggio.

I leghisti Castelli e Maroni si lamentano di non potere <ancora> sparare
ad immigrati e profughi.
Ma gli immigrati muoiono già ora, uccisi ogni giorno dalle leggi che
impediscono la libera circolazione delle persone.
Il Mediterraneo è un’immensa fossa comune, un sudario che avvolge le
speranze di immigrati e profughi.
I diritti umani, sui quali tante volte si tracciano discrimini di civiltà
e si giustificano le bombe, diventano carta straccia quando fa comodo.
Quando fa comodo ai padroni. Quando fa comodo avere gente disposta a
lavorare e testa bassa per paghe da fame, perché se perde il lavoro perde
il permesso. Il permesso di vivere.
Siamo in guerra. Il confine tra guerra interna e guerra esterna è divenuto
impalpabile. Si è frantumato nelle galere libiche per gli immigrati
respinti dall’Italia, tra le acque del Mediterraneo, nelle campagne di
Rosarno, nelle periferie delle metropoli, nelle gabbie per senza
documenti, dietro il filo spinato delle tendopoli.
L’ennesima partita di civiltà tra le bombe democratiche e il satrapo
mediorientale di turno ha il sapore amaro della beffa. Berlusconi e
Gheddafi – come Sarkozy, Obama, Merkel, Cameron – declinano i diritti
umani alla stessa maniera. Gheddafi adesso è un criminale. Eppure è lo
stesso uomo che hanno baciato ed accolto, lo stesso che il governo
italiano pagava per tenere serrate le porte ai disperati d’Africa.
La guerra va fermata, inceppata, boicottata. Quella interna, contro
rifugiati e migranti, come quella per la Libia. Per fermarla non basta la
testimonianza, non basta l’indignazione, occorre mettersi in mezzo,
praticando una solidarietà concreta con chi incappa nelle reti dei
cacciatori d’uomini. Servono robuste cesoie. Simboliche e reali. Per
spezzare il filo spinato e per rompere il muro d’odio e paura che ci sta
schiacciando.

Torino e l’Italia stanno scivolando verso un baratro. È il baratro del
fascismo che ritorna, che ritorna nelle strade, che ritorna nelle leggi
razziste e liberticide, che ritorna, e questo è il peggio, tra noi tutti,
gente comune che fa fatica ad arrivare alla fine del mese. Non ci sono i
soldi il fitto o il mutuo, si moltiplicano gli sfratti, siamo schiacciati
da disoccupazione e precarietà, obbligati ad un’esistenza sempre più
miserabile, eppure troppi tra noi stanno tramutando il sano odio di
classe, l’odio per i padroni che ci sfruttano e ci rubano la vita,
nell’odio per gli ultimi, per chi sta peggio di noi, gli immigrati poveri
in cerca di un’opportunità di vita.
Ogni giorno qualcuno di noi muore lavorando. Italiani o immigrati, quando
si cade da un’impalcatura, si viene stritolati da una macchina, si brucia
vivi in acciaieria, siamo tutti uguali, ma se non re-impariamo ad essere e
sentirci uguali nella vita, se non re-impariamo a lottare contro i nemici
comuni di ogni sfruttato, la vita se ne va ogni giorno più in fretta, ogni
giorno più miserabile, ogni giorno più insicura.

Tanti partigiani combatterono e morirono, portando in se il sogno di
un’umanità senza stati né frontiere, solidale. Le loro ragioni sono state
dimenticate o gettate nel fango.
Spetta a noi raccoglierle e farne una bandiera. Spetta a noi riprendere il
cammino. Spetta a noi conquistare un nuovo aprile.

Per info e contatti:
Federazione Anarchica Torinese
Corso Palermo 46
Riunioni, aperte a tutti gli interessati, ogni giovedì dopo le 21
fai_to at inrete.it - 338 6594361