[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Processo per l’occupazione dell’ex cine Zeta



Processo per l’occupazione dell’ex cine Zeta

Torino. Il 2 maggio inizia il processo per l’occupazione dell’ex Cinema
Zeta. Alla sbarra quattro anarchici accusati di “invasione di edificio” e
danneggiamenti. Il PM, manco a dirlo è Antonio Rinaudo, noto cacciatore di
anarchici.

Facciamo un passo indietro. Era il 10 dicembre del 2009: alle sei del
mattino, l’ora degli sgomberi, Digos e agenti in assetto antisommossa
buttano giù la porta di Cà Neira, lo stabile di via Zandonai occupato
domenica 6 dicembre dalla FAI torinese.
Nel pomeriggio, in risposta allo sgombero del mattino, viene occupato l’ex
cinema Zeta di via Colleasca, Cà Neira 2.
Dopo poco meno di due ore la polizia interviene in forze con digos e
celere in tenuta antisommossa: in quaranta contro quattro compagni, mentre
all’esterno si raccolgono numerosi solidali.
Danneggiando gravemente la saracinesca di ingresso, la polizia fa
immediatamente irruzione. Tre compagni vengono tirati giù dal tetto, poi
tocca ad una compagna, che si era incatenata ad una finestra. I quattro
compagni vengono fermati, perquisiti, portati in questura.
Non si può dire che a Cà Neira questo sgombero fosse giunto inatteso.
L’intervento della polizia era stato preceduto da una pesantissima
campagna di criminalizzazione. Media e politici si sono scatenati sin dal
primo giorno per cercare – senza troppo successo – di creare allarme
sociale intorno all’occupazione di via Zandonai. Molti abitanti del
quartiere ci avevano mostrato solidarietà e simpatia, in qualche caso
condivisione. Molti consideravano una vergogna che il vecchio
prefabbricato fosse abbandonato al degrado e all’incuria ed hanno
apprezzato che qualcuno, rimboccandosi le maniche, lo stesse
ristrutturando per renderlo agibile.
A Cà Neira 2, ex cinema porno chiuso da lunghi anni, per la prima volta a
Torino la questura ha mandato la celere in assetto antisommossa a
sgomberare un posto occupato da poco più di un'ora e mezza. È probabile
che la scelta di occupare un altro edificio lo stesso giorno che siamo
stati sgomberati li abbia innervositi un po'.

Due anni dopo parte il processo. La repressione è la risposta alle lotte
sociali, la risposta a chi pratica il riutilizzo degli spazi abbandonati
in una città, dove le vetrine di Chiampa City non sono mai riuscite e a
far dimenticare che troppi non ce la fanno ad arrivare a fine mese.
Due anni fa la dialettica politica tra governo e opposizione si articolava
sulle occupazioni, autentica spina nel fianco della Torino “always on
move”.
Le occupazioni pongono sotto gli occhi di tutti la questione del modello
di società. Gli sgomberi che hanno segnato quell’autunno, voluti dal
sindaco Chiamparino in accordo con la destra cittadina più razzista, sono
stati anche la risposta alla forte campagna antirazzista che impegnava da
oltre un anno e mezzo il movimento anarchico torinese.
Destra e sinistra unite per cancellare posti e case occupate, perché, non
a torto, li considerano luoghi dove si praticano la sovversione sociale e
la solidarietà con gli ultimi.
Nella desolazione sociale e politica in cui viviamo, le case occupate sono
un luogo di incontro non mercificato dove praticare e organizzare
opposizione sociale. È indubbio che tutto questo infastidisca, perché la
maschera di belletto, che si vuole continuare a dare alla città, non può
nascondere la realtà: una città dove migliaia di persone rischiano di
restare senza casa, perché non ce la fanno a pagare il fitto o il mutuo.
La gente viene gettata in strada mentre oltre 150.000 appartamenti sono
vuoti.
La crisi economica scava un solco sempre più profondo tra la città dei
ricchi, circa il 20% della popolazione, e tutti gli altri, spingendo ampi
settori di piccola borghesia e di operai della grande industria verso il
basso della scala sociale. Il lavoro è sempre più “precario” ed il modello
è sempre quello iperconsumistico della città vetrina, dove i più sono mere
comparse dell’evento stesso del consumo e degli “spettacoli” messi in
cantiere in continuazione.

Le occupazioni fanno bene al corpo della città: con esse vengono proposti
spazi liberati da ogni sfruttamento, gerarchia, consumismo.
A Torino tra militari nelle strade, check point razzisti e morti sul
lavoro, la scommessa è sempre la stessa. Costruire, con pazienza, una
trama di relazioni solidali, che attraversino le nostre periferie,
azzannate dalla crisi e stritolate dalla guerra tra poveri, perché
l’opposizione sociale si radichi e si radicalizzi, non in occasionali
fiammate, ma nella quotidianità di un conflitto che ri-ponga al centro la
questione sociale.
Le case occupate sono esempi concreti che dicono quanto nudo sia il re:
per questo danno tanto fastidio ed è per questo che è importante liberare
altri posti ed offrirli come occasione a tutti coloro che ci vivono
intorno: a coloro che hanno un lavoro precario o non ce l’hanno; a chi non
riesce a mandare i figli all’asilo; a chi non riesce ad arrivare a fine
mese; a tutti coloro che pensano che questa città non sia un teatrino
“sempre in movimento”, luccicante e artificiale, ma il posto dove vivere
la propria vita diffondendo il virus invincibile della libertà.

Il 2 maggio comincia il processo agli anarchici di Cà Neira.
Per chi volesse assistervi l’appuntamento è al tribunale – corso Vittorio
130 - alle 9, aula 55 ingresso 22

Altri appuntamenti:

Domenica Primo Maggio spezzone antimilitarista al corteo.
Appuntamento in piazza Vittorio alle 9 – striscione “pace tra gli
oppressi, guerra agli oppressori!”
Dopo il corteo pranzo e festa in corso Palermo 46.

Lunedì 2 maggio ore 16/19 punto info “Case per tutti!” ai giardinetti di
corso Giulio Cesare tra via Montanaro e via Lauro Rossi.

Venerdì 6 maggio ore 21, in corso Palermo 46
Fratelli d’Italia: la contiguità tra destra radicale e destra istituzionale
Introduce la serata Pietro Stara, autore de “La comunità escludente” e di
numerosi articoli sul tema.
La contiguità tra la destra radicale, sia quella sociale che quella
tradizionalista, con la destra istituzionale e di governo non è certo un
fatto occasionale. In Italia la destra estrema ha un connubio stabile con
quella istituzionale, un connubio che si esprime nelle alleanze e nelle
candidature elettorali e nel sostegno delle amministrazioni di centro
destra a iniziative politiche e culturali di queste aree. Il nostro paese
è simile a quelli dell’Europa dell’est e del nord mentre nel resto
dell’Europa occidentale è ancora forte la divaricazione tra governi di
destra e formazioni fasciste e naziste. D’altra parte nel nostro paese
settori della destra radicale sono stabilmente al governo da anni: un
partito come la Lega Nord in Francia viene considerato per quello che è:
una formazione razzista, xenofoba, fascista non diversamente dal Front
National di Marine Le Pen.
La destra radicale mette insieme una crescente aggressività di strada con
il tentativo di penetrazione nelle periferie urbane scosse dalla crisi.
Punta su temi sociali – come casa e lavoro - in chiave nazionalista,
cercando di raccogliere consensi con una ben orchestrata campagna d’odio
verso gli immigrati. Ne emerge un quadro decisamente inquietante.

Per info e contatti:
Federazione Anarchica Torino
Corso Palermo 46 – ogni giovedì dalle 21
338 6594361 fai_to at inrete.it