[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Parti in guerra in Somalia violano diritto umanitario e ignorano sofferenze della popolazione civile



Associazione per i popoli minacciati / Comunicato stampa in www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110919it.html

Carestia in Somalia
Le parti in guerra in Somalia violano il diritto umanitario e ignorano le sofferenze della popolazione civile

Bolzano, Göttingen, 19 settembre 2011

L'Associazione per i Popoli Minacciati (APM) accusa tutte le parti in conflitto nella guerra civile somala di violare sistematicamente il diritto umanitario internazionale e di ignorare volutamente le sofferenze della popolazione civile ridotta alla fame. Sia le milizie islamiche Al Shabaab sia il governo di transizione (Tfg) sostenuto dall'Unione Europea e le alleate milizie Ahlu Sunna impediscono alle organizzazioni umanitarie il contatto con la popolazione civile e nonostante l'allargarsi della carestia puntano sull'intensificazione del conflitto armato. In questo modo entrambe le parti in causa mettono volutamente in conto la morte di centinaia di migliaia di persone e commettono quindi crimini contro l'umanità.

Lo scorso fine settimana le milizie filogovernative Ahlu-Sunna hanno dichiarato la "guerra totale" al movimento ribelle. "Chiunque abbia contatti con Al Shabaab sarà ucciso", ha dichiarato Sheikh Mohamed Yusuf Hefow, presidente del comitato esecutivo del movimento in Somalia centrale. Nonostante la carestia sempre più grave il governo di transizione continua a puntare sull'offensiva militare per distruggere le milizie Al Shabaab. Le azioni militari condotte senza alcuna pietà colpiscono in primo luogo le centinaia di migliaia di persone che spinte dalla fame affollano la capitale in guerra.

Martedì scorso cooperanti internazionali provenienti dalla Somalia e dalla Turchia sono stati bloccati da militari governativi mentre si accingevano a portare aiuti alla popolazione di una regione controllata dai ribelli. Secondo la motivazione ufficiale non sarebbe stato possibile garantire la sicurezza dei cooperanti internazionali. In agosto 2011 lo stesso governo di transizione ha chiesto che il personale delle organizzazioni internazionali sia accompagnato da militari governativi. Si tratta di una richiesta assurda che mette in pericolo la neutralità, il lavoro e la sicurezza dei cooperanti. E' evidente che a queste condizioni nessun movimento ribelle permetterebbe l'accesso alle regioni controllate e quindi l'assistenza umanitaria alla popolazione civile.

Anche le milizie Al Shabaab continuano a impedire alle organizzazioni umanitarie l'accesso e il soccorso della popolazione affamata. Inoltre saccheggiano e rubano indiscriminatamente le provviste alimentari disponibili e diffondono il terrore tra la popolazione con minacce, intimidazioni e punizioni drastiche.

Vedi anche in gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110810it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110802it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110728it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110725it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110609it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110401it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110301ait.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2010/101101it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2010/100212it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2009/091111it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2009/090324it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2006/060105it.html | www.gfbv.it/3dossier/ind-voelker/global-it.html
in www: http://it.wikipedia.org/wiki/Somalia