[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

L'errore della corrente cattolica del PD. Documento da inviare e diffondere se condiviso



Cari amici,               
                il Movimento ha preparato questo documento sulla corrente cattolica del PD, per il quale chiede il vostro aiuto nell'invio e nella diffusione. Il documento può sempre essere fatto proprio o anche modificato. Gli indirizzi:

Pres. PD Rosy Bindi, bindi_r at camera.it

Segr. Pier Luigi Bersani,  segr.bersani at partitodemocratico.it 

Dep. Dario Franceschini, franceschini_d at camera.it

Dep. Giuseppe Fioroni, fioroni_g at camera.it  

Un saluto fraterno da Arrigo Colombo
 

Movimento per la Società di Giustizia e  per la Speranza

Lecce

 

Alla Presidente PD Rosy Bindi

al Segr. Pier Luigi Bersani

a Dario Franceschini, Giuseppe Fioroni e alla corrente cattolica del PD

 

L’errore della corrente cattolica del PD

 

Questo errore concerne questioni discusse in questi anni e non mai risolte come:

il patto civile di solidarietà per le coppie di fatto e le coppie omosessuali;

la procreazione assistita;

lo statuto dell’embrione e la possibilità di manipolazione scientifica degli embrioni residui.

 

Su questi punti la corrente cattolica si attesta sulle posizioni vaticane, abitualmente restrittive, e discusse nell’ambito stesso dell’episcopato cattolico (vedi episcopato Usa sull’omosessualità e sulla sessualità in genere – nella relazione della Commissione episcopale, La sessualità umana, tr. it., Queriniana, Brescia 1978), oltre che nell’ambito teologico.

 

Questa corrente non distingue tra l’etica cattolica (o vaticana) e la funzione dello stato, la cui legge deve corrispondere non ai soli cattolici ma alla totalità dei cittadini: tra cui in particolare la minoranza laica noncredente (circa 9 milioni) e le altre minoranze religiose (circa 2 milioni e mezzo); l’8 per1000 alla chiesa cattolica – una cifra indicativa – è scelto da circa 42 milioni d'italiani. Cfr in prop. il Dossier Caritas 2011.

 

L’etica vaticana, poi, in quest’ambito, non può certo pretendere all’infallibilità o all’inerranza.

Per l’etica sessuale e omosessuale c’è il documento citato di un episcopato importante;

per la procreazione assistita di ogni tipo i maggiori teologi non fanno essenziali difficoltà;

per lo statuto dell’embrione i due maggiori teologi del 900 – Karl Rahner, il maggiore teoretico; Bernhard Häring il maggiore moralista –, e con loro molti altri, non considerano l’embrione come persona almeno fino al 14° giorno, per l’identità della sua costituzione cellulare, l’assenza di articolazione (perciò nei primi giorni può anche scindersi e dare quindi luogo a due o più persone, il che non sarebbe possibile se fosse già persona). Il patrimonio genetico, poi, non può considerarsi come una specie d’uomo in piccolo (il cosiddetto “preformiamo”), ma è piuttosto una serie di regole che porta alla formazione dell’uomo.

 

La posizione della corrente cattolica del PD è erronea in quanto non distingue l’etica vaticana, presuntuosa e restrittiva, da una visione etica più ampia e che fonda poi la legge dello stato.

È inoltre dannosa alla linea del PD e alle sue alleanze, dove provoca inutili conflitti.

Lecce, luglio 2012

                                                                  Per il Movimento, il Responsabile

                                                                        Prof. Arrigo Colombo

 

Arrigo Colombo, Centro interdipartimentale di ricerca sull’utopia, Università di Lecce

Via Monte S.Michele 49, 73100 Lecce, tel/fax 0832-314160

E-mail arribo at libero.it/ Pag  web http://digilander.libero.it/ColomboUtopia