[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Sudan: almeno 21 morti in combattimenti attorno a un campo profughi nel Darfur



Associazione per i popoli minacciati / Comunicato stampa in www.gfbv.it/2c-stampa/2012/120810it.html

Sudan: almeno 21 morti in combattimenti attorno a un campo profughi nel Darfur Fino a 70.000 profughi interni nel Sudan occidentale sono nuovamente costretti a fuggire

Bolzano, Göttingen, 10 agosto 2012

Circa 70.000 persone, già profughe interne, sono fuggite da due campi profughi nel Sudan occidentale dopo i pesanti combattimenti scoppiati sabato 4 agosto tra i vigilanti sudanesi dei campi. Almeno 21 persone sono morte e altre 600 sono rimaste ferite. I combattimenti scoppiati tra l'esercito sudanese e le milizie alleate vanno a peggiorare una situazione già al limite e costituiscono un vero e proprio disastro per le truppe di pace dell'ONU della missione UNAMID e la comunità internazionale. Per i profughi interni del Darfur non sembra esserci alcuna possibilità di trovare almeno un po' di riparo e sicurezza.

I combattimenti tra l'esercito e le milizie si ripercuotono in primo luogo sui profughi nei campi di Kassab e Fatta Barno nel Darfur settentrionale. I combattimenti sono scoppiati nella vicina città di Kutum tra l'esercito sudanese e milizie vicine al governo in seguito all'annuncio del governatore di voler punire con maggiore severità i saccheggi commessi in città dai miliziani. I combattimenti si sono poi estesi a diversi campi profughi e ad altri quattro villaggi saccheggiati e distrutti dalle milizie.

L'APM critica fortemente la comunità internazionale che, proprio come fa anche il governo sudanese, descrive la situazione nel Darfur come molto meglio di quanto sia in realtà. A nove anni non è solo Khartum a voler dimenticare il conflitto in Darfur ma evidentemente anche l'Europa. Le recenti violenze dimostrano però che non vi è tuttora sicurezza per la popolazione civile e che gli accordi di pace non sono ancora applicati. I profughi intanto si sentono traditi e dimenticati, soffrono la mancanza di aiuti e assistenza a causa della riduzione degli aiuti umanitari da parte della comunità internazionale e le difficoltà poste dalle autorità sudanesi alle organizzazioni internazionali per raggiungere i campi profughi.

Vedi anche in gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/2012/120515it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2012/120302it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2012/120104it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110519it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2010/101026it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2010/101005it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2010/100817it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2010/100728it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2010/100623it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2010/100531it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2010/100527it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2010/100423it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2010/100222it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/2010/100208it.html | www.gfbv.it/3dossier/africa/darfur-it.html | www.gfbv.it/3dossier/africa/darfur-man.html in www: www.justice4darfur.org | www.wantedforwarcrimes.org | [pdf] www.gfbv.de/reedit/openObjects/openObjects/show_file.php?type=inhaltsDok&property=download&id=822 | web.amnesty.org/library/index/engafr541392004 | www.hrw.org/doc?t=africa&c=sudan