[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Lettera della Rete Ebraica Antisionista Internazionale ( completa )








 

---------- Mensaje reenviado ----------
Fecha: 20 de noviembre de 2012 22:15
Asunto: IMPORTANTE: Lettera della Rete EBRAICA Antisionista Internazionale
 



Lettera della Rete Ebraica Antisionista Internazionale

Siamo una rete internazionale di ebrei incondizionatamente impegnati con le lotte di emancipazióne umana, delle quali la liberazióne degli abitanti di Palestina e della sua terra è una parte primordiale. Il nostro impegno è lo smaltellamento dell' apartheid israelíano, il ritorno dei rifugiati palestinesi, e la fine della colonizzazióne israelíana della Palestina stórica. 

Dalla Polonia all' Iraq, dall' Argentina al Sudáfrica, da Brooklyn al Mississippi, gli ebrei furono parte nella ricerca di giustizia, manifestando il loro desiderio per un mondo più giusto, partecipando con altri in lotte collettive. Ebrei hanno partecipato prominentemente nell lotta dei lavoratori durante la depressióne americana, nel movimento dei diritti civili, nella lotta contro l' apartheid sudafricano, nella lotta contro il fascismo in Europa e in molti altri movimienti per il cambiamento sociale e político. La storica e progressiva pulizia étnica della popolazione palestina dalle sue terre da parte delllo stato di Israele contraddice e tradisce questa lunga storia di partecipazióne ebraica in lotte di liberazióne collettive.

Il sionismo - l'ideología fondatrice che si manifesta attualmente nello stato di Israele - ha radici nell'era del colonialismo europeo e si disseminato come continuazióne del genocidio Nazi. Il sionismo si è nutrito dei più violenti e opressivi eventi del secolo dieciannovesimo, erodendo i numerosi sforzi di una militanza di ebrei nelle lotte di liberazióne. Onorando queste lotte e per riprendere un posto nei vibranti movimenti popolari del nostro tempo, il sionismo, in tutte le sue forme, deve essere abbandonato.

Questo è cruciale, prima di tutto, per il suo impatto sugli abitanti della Palestina e il resto della regióne. Il sionismo anche disonora la persecuzióne e il genocidio degli ebrei europei nell'uso della sua memoria per giustificare e perpetuare il razzismo e colonialismo europei. Il sionismo è responsabile per l' intenso sfollamento e alienazióne degli ebrei mizrahi ( ebrei di ascendenza africana e asiática) delle sue diversità storiche, idiomi, tradizioni e culture. Gli ebrei mizrahi hanno una storia in questa regióne di più di 2.000 anni. Mentre il sionismo si        , queste  storie furono interrotte dal suo propio divenire dopo la segregazióne degli ebrei imposta dallo stato di Israele.

Come tale, il sionismo ci implica nell' opressióne del popolo palestinese e nella denigrazióne delle nostre propie tradizioni, lotte per la giustizia e alleanze con il nostro vicino. 
Ci impegniamo a: Opporci al sionismo e alllo stato di Israele
Il sionismo è razzista. Delega il potere político, económico e legale alle persone e culture ebraiche e europee sopra i  popoli e le culture autóctone. Il sionismo non solo è razzista bensì antisemita. Sostiene l' immaginarío antisemita europeo e sessista dell' "ebreo della diaspora" effeminato e débole e contrappone a quésto un "ebreo nuovo" violento e militarizzato, che è un perpetratore e non una víttima della violenza razializzata.
ll sionismo pertanto cerca di  convertire gli ebrei in bianchi, tramite l' adozióne del razismo bianco contro il popolo palestinese. Nonostante la necessità di Israele di integrare i mizrahi per mantenere una maggioranza ebrea, questo razzismo inoltre si manifesta nella marginalizzazione e lo sfruttamento económico della popolazione mizrahi socialmente povera. Questa violenza razziale inoltre include lo sfruttamento dei lavoratori migranti.

I sionisti disseminano il mito che Israele sia una democrazia. In realtà, lo stato di Israele ha stabilito e implementato prátiche e polítiche interne di discriminazióne contro gli ebrei ascendenza mizrahi e esclude e schiaccia i palestinesi. Inoltre, lo stato di Israele, in collaborazióne con gli USA, mina qualsiasi movimento árabo per la liberazióne e il cambiamento sociale.

Il sionismo perpetúa l' eccezionalità ebraica. Per difendere i suoi crímini, il sionismo racconta una versióne della storia ebraica che è sconnessa dalla storia e le esperienze di altre persone. Promuove la narrativa dell' olocausto nazi come eccezionale nella storia dell' umanità - nonostante sia uno dei molti olocausti, dagli aborígeni statunitensi fino all' Armenia e Ruanda. Il sionismo separa gli ebrei dalle víttime e i sopravvissuti di altri genocidi invece di unirci ad essi.
Attravérso una islamofobia condivisa e un desiderio di controllare i Medio Oriente e l'Asia occidentale, lo stado di Israele fa causa comúne con i cristiani fondamentalisti e altri che chiamano la distruzióne degli ebrei. Uniti, chiamano alla persecuzióne dei musulmani. Questa promozióne congiunta di islamofobia serve per demonizzare alla resistenza contro la dominazióne económica e militare d' occidente. Continúa una lunga storia di collusióne con regími repressivi e violenti, dalla Germania nazi fino al régime di apartheid del Sudáfrica e le dittature reazionarie in tutta l' América Latina. 

Il sionismo sostiene che la sicurezza ebraica dipende da uno stato ebraico altamente militarizzato. Ma lo stato di Israele non contribuisce a che gli ebrei siano al sicuro. La sua violenza garantisce instabilità e paura per coloro che stánno dentro della sua sfera d'influenza e pone in pericolo la sicurezza di tutte le persone, includendo gli ebrei, molto più che al di là delle sue frontiere. Il sionismo volontariamente si è colluso per creare le condizioni che hanno portato alla violenza contro gli ebrei nei paesi árabi. L' odio che la violenza e la dominazióne militare israelíana hanno generato verso gli ebrei che vivono in Israele e in altri luoghi è usato per giustificare più violenza sionista.

Noi ci impegnamo a: Rifiutare il legame coloniale e la sua espansióne progressiva
Nel momento in cui il movimento sionista decise di costruire uno stato ebraico in Palestina, si è trasformato in un movimento di concquista. Ugualmente che le concquiste imperiali e le ideologíe genocide delle Amériche o dell' África, il sionismo comporta la segregazióne tra le persone, la confisca della terra, la pulizia étnica e la implacabile violenza militare.

Gli sionisti lavorano di comúne accordo con l' amministrazióne coloniale británnica contro gli abitanti originari della regióne e le loro  legíttime speranze di libertà e autodeterminazióne. L' immaginario sionista di una Palestina "vuota" e desolata ha giustificato la distruzióne della vita palestinese tale come anteriormente questo razzismo ha giustificato lo sterminio degli autóctoni statunitensi, il tráffico transatlántico degli schiavi e molte altre atrocità.

Dalla progressiva espansióne delle colonie fino alla costruzióne del Muro dell' Apartheid israelíano, l'impegno con la dominazióne coloniale delllo stado di Israele imprime la sua caratteristica distruttiva ambientale e del paesaggio físico della Palestina. Di fronte alla caduta dei suoi polítici per finire la resistenza palestinese lo stato di Israele attacca con più e più violenza con polítici che, quando sono arrivano alla propria mássima espressióne, appuntano il genocidio. In Gaza, lo stato israelíano impedisce l' accesso al cibo, all' acqua, elettricità, aiuto umanitario e assistenza médica come un arma diretta alle basi stesse della vita umana.

Lo stato di Israele, che una volta fu veícolo per l' attacco británnico e francése contro l' unità e l' indipendenza áraba, attualmente è un socio minore nella strategia degli USA e e suoi alleati per il controllo militare, económico e político, di dominazióne, specíficamente della regióne stratégica del Medio Oriente / Sudovest Asiático. Il pericolo di una guerra nucleare tramite un attacco statunitense/israelíano contro l'Irán ci ricorda che lo stato d'Israele è una bomba atómica che deve essere smaltellata urgentemente per salvare le vite di tutte le sue víttime attuali e potenziali.

Noi ci impegnamo a: Dfidare le organizzazioni sioniste
Oltre a concretizzare la creazióne dello stato di Israele, il sionismo ne ha determinato la política internazionale di antagonismo e dominazióne militare nei confronti dei suoi  vicini e ha stabilito una sofisticata rete globale di organizzazioni, gruppi di pressióne política, imprese de relazioni púbbliche, clubs nelle università e scuole per perpetuare le idee sioniste nelle comunità ebraiche e il púbblico in generale.

Migliaia di milioni di dóllari americani fluiscono annualmente verso lo stato di Israele per sostenere l' occupazióne e il suo esercito sofisticato e brutale. La mácchina da guerra che finanzia i leader della industria globale delle armi, diminuisce le risorse a cui aspira il mondo che disesperatamente neccessita di acqua, cibo, assistenza médica, casa e educazióne. Europa, Canadá e le Nazioni Unite, contemporaneamente, apoggiano le infrastruttura di occupazióne sotto la maschera dell' aiuto umanitario per la popolazióne palestinese. Uniti, gli USA e i suoi alleati, cooperano per fare più profonda la dominazióne della regióne e finire i movimenti popolari.

Una rete internazionale di instituzioni e organizzazioni sioniste apoggia gli insediamenti militari e militanti con fondi diretti. Queste organizzazioni inoltre forniscono l' appoggio político necessario per legittimare e promuovere polítiche e programmi d' aiuto. In ogni paese, queste organizzazioni censurano le crítiche a Israele e tengono di  mira le persone e organizzazioni tramite liste nere, violenze, vandalismo, arresto, deportazióne, licenziamenti e altre privazioni económiche.
Queste organizzazioni facilitano la diffusióne dell' islamofobia. Suonano i tamburi di guerra di fuori mentre fanno pressione con una legislazióne repressiva nei sui paesi. Negli USA e Canadá, le organizzazioni sioniste hanno aiutato a promuovere la legislazióne "anti-terrorista" convertendo tutto lo sforzo organizzato per apoggiare il boicottaggio,il ritiro di investimenti e sanzioni contro lo stato di Israele, o per apoggiare organizzazioni palestinesi, iraníane, iraqhene, libanesi e musulmane, in soggetti da perseguire accusándoli di aiutare il terrorismo e commettere tradimenti. Tanto in Europa come negli USA, organizzazioni ovviamente "ebraiche" sono le prime ad esercitare pressióne per entrare in guerra con l'Irán.

Appaiono fessure nell' edificio del sionismo cosí come nella dominazióne mondiale stessa degli USA. Nella regióne, la resistenza straordinaria da parte della Palestina e il Sud del Líbano contro l' aggressióne e l'occupazióne israelíana e statunitense segue in piedi, nonostante le risorse limitate e molti tradimenti. Il movimento di solidarietà con il popolo di Palestina e il confronto con la política degli USA e Israele sta acquisendo ímpeto nel mondo. In Israele, questo ímpeto lo vediamo nel dissaffezione cresciente, che favorisce le condizioni per riprendere due retaggi degli anni '60: Matzpen, un'organizzazióne israelíana palestinese e antisionista ebraica e il Partito Mizrahi Pantere Nere. Possiamo aggregare un cresciente rifiuto da parte di giovani a partecipare nella conscrizióne obbligatoria dell' ejército.

Dentro nei governi e le discussioni púbbliche negli stati Uniti e Europa, il costo del appoggio incondizionato verso lo stato di Israele stá per essere messo i discussione ogni volta di più. Israele e USA cercano nuovi alleati nel sud globale perchè si uniscano alle loro concquiste económiche e militari. La relazióne cresciente tra Israele e l' India è un esempio ombroso di questo. Nel condividere un interésse nel controllo político e il profitto di capitale per pochi a spese di molti, l' elite in India e quella dell' Asia Occidentale e Medio Oriente, si incontrano in connivenza con l' economía e l'agenda militare occidentale nella regióne. 

La propaganda della guerra globale occidentale contro il terrore si ripercuote nella islamofobia ed è voluta e promossa dall'elite india; Aprofitta di  questa opportunità per reprimire severamente il dissenso nei regími del Medio Oriente cosí come Asia del sud e Asia occidental. Nonostante, sorgano sollevamenti popolari basati nelle ricche storie di lotta anticoloniale sfidando, e in última instanza, diroccando questa alleanza.
Uniti ai nostri alleati, tentiamo di contribuire ad ampliare queste fessure, fino a che il muro cada e lo stato di Israele sia isolato come lo è stato il Sudáfrica durante l' apartheid. Promettiamo di prendere la battaglia contro queste organizzazioni che pretendono di parlare per noi e dirrotarle.

Ci impegnamo a: Estendere la nostra solidarietà e il nostro lavoro per la giustizia
Impegnamo i nostri cuori, le nostre menti e le nostre energíe polítiche per apoggiare i movimenti vibranti e diversi di resistenza del popolo palestino e ad affrontare le ingiustizie delle quali i paesi dove viviamo sono responsabili.
Apoggiamo inequívocabilmente il diritto del ritorno palestino. Chiamiamo allo smantellamento della legge israelíana razzista del ritorno che privilegia i diritti di qualsiasi persona che lo stato di Israele stima come "ebrea" da stabilizzare in Palestina, mentre esclude i palestinesi e li converte in rifugiati.
Rispondiamo senza riserve alla chiamata della Palestina al boicottaggio, ritiro di investimenti e  sanzioni contro lo stato d' Israele.


Appggiamo l' esigenza della liberazióne dei prigionieri polítici palestinesi e di finirla con gli arresti dei leaders polítici, donne, bambini e adulti palestinesi come método di controllo e terrore.

Non è nostra obiettivo prescrivere il cammino che il popolo palestinese deve prendere per definire il suo futuro. Non pretendendiamo sostituire le nostre voci alle loro voci. Le nostre strategie e azioni nasceranno dalle  nostre relazioni attive con coloro che sono coinvoolti nella gamma di lotte di liberazióne dentro in Palestina nel resto della regióne. Appoggeremo la loro  lotta per sopravvivere, mantenersi fermi e avanzare nel loro movimento il meglio che possono, nelle loro stesse  parole.

Siamo compartecipi dei vibranti movimenti popolari di resistenza del nostro tempo che difendono e lodano le vite di tutte le persone e quella del pianeta stesso. Siamo compartecipi dei movimenti che liberano i più colpiti dalla concquista dell' impero, l' occupazióne, il razzismo, il controllo e lo sfruttamento globale delle persone e risorse. Difendiamo la protezióne del mondo naturale. Difendiamo i diritti dei popoli autóctoni alla loro terra e alla loro sovranità.

Difendiamo i diritti degli immigrati e rifugiati alla libera circolazióne e sicurezza tramite le frontiere. Difendiamo i diritti dei lavoratori - includendo i lavoratori immigrati introdotti in Israele per rimpiazzare tanto la mano d'opera palestinese come la mizrahi - alla giustizia económica e alla auto-determinazióne. Difendiamo i diritti alla giustizia raziale e all' espressióne culturale. Difendiamo i diritti delle donne e i bambini e di tutti i gruppi sfruttati a essere liberi dalla sottomissione. E difendiamo i diritti universali all' acqua, all' alimentazióne, alla casa,all' educazióne, i servizi di salute e a vivere senza violenza - l'única base sopra la quale la società umana può soprevvivere e fiorire.

Noi ci impegnamo ad appoggiare la giustizia per curare le ferite procurate dalla imposizióne e il funzionamento della dominazióne coloniale in Palestina e nel resto della regióne; i traumi dell' oppressióne europea degli ebrei che il progetto sionista stá sfruttando; i mezzi e privazioni subite attraverso anni di spargimento di sangue; le manipolazioni della cultura e le risorse usate per sfruttare gli ebrei mizrahi e per separarli dai palestinesi; e il progressivo massacro, violazióni e impoverimento del popolo palestinese.

La giustizia per la quale lavoriamo deve essere construita per tutti lungo tutta la Palestina, includendo Israele e per i rifugiati palestinesi, la cui lotta per la sua autodeterminazióne può portare all' eguaglianza e alla libertà di tutti coloro che vivono lí e nelle terre circondanti.

Ti chiamiamiamo perchè ti unisca a noi

Queste promesse richiedono la costruzióne di un movimento ebraico internazionale unito che sfidi il sionismo e la sua pretesa di parlare a nome di tutti noi. Di fronte un avversario internazionale, non è sufficiente lavorare localmente, o incluso nazionalmente. Dobbiamo trovare forme per lavorare uniti attraversando le frontiere, distanze, settori e idiomi. Esiste la possibilità per molte iniziative e organizzazioni, stabili e nuove, per lavorare indipendentemente e congiuntamente, in appoggio e collaborazióne mutua.

Sei contro il razzismo in tutte le sue forme?

Dunque ti chiamiamo perchè ti unisca a noi per dire basta all' apartheid israelíano.
Appoggi la sovranità e i diritti alle loro terre dei popoli autóctoni?

Dunque ti chiamiamo perchè ti unisca a noi nella difesa della sovranità e i diritti dei palestinesi alle loro terre.

Credi che la nostra vita dipenda dalla sostentabilità económica e ambientale? Ti enfuria il furto e la distruzióne delle risorse del pianeta?
Entonces te llamamos para que te unas a nosotros para detener la destrucción de la agricultura y la tierra palestina, su robo y el del agua y la destrucción de sus aldeas y plantaciones.

¿Buscas terminar con las guerras infinitas por el petróleo y la dominación de los Estados Unidos y sus aliados? ¿Quieres terminar con las culturas militarizadas, la conscripción de nuestros jóvenes y el saqueo de recursos para financiar ejércitos en lugar de las necesidades de la vida?

Dunque ti chiamiamo perchè ti unisca a noi per smaltellare un pezzo decisivo della macchinaa da guerra globale.

Desideri svincolarti dalla pulizia étnica della Palestina da parte dello stado di Israele e della distruzióne della storia, la cultura e il suo autogoverno? Credi che non ci sia pace senza giustizia? Ti infuria e ti intristisce che l'olocausto ebraico sia stato usato per perpetrare altra atrocità?

Dunque ti chiamiamo perchè ti unisca a noi per dire bsta con il colonialismo sionista.

Perchè tutte le persone del pianeta vivano con sicurezza, giustizia e pace, il progetto coloniale Israelíano deve finire. Noi giubilosamente ci assumiamo questo obiettivo collettivo di minare un sistema di concquista e saccheggio che ha addormantato il nostro mondo da e per troppo tempo.

http://www.judiosantisionistas.org/ 
Click here to leave feedback on the charter.
The original document:
Charter of the International Jewish anti-Zionist Network.

 DIFUNDE Aurora Tumanischwili Penelón por FeTERA FLORES (Federación de trabajadores de la energía de la República Argentina en CTA) y CO-FUNDADORA DE LA PLATAFORMA GLOBAL CONTRA LA GUERRA, sede en España.

__._,_.___

__,_._,___