[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

R: Re: Vae Victis !Terzi, l'Italia dei colpi di mano.



----Messaggio originale----
Da: teoriaeprassi at yahoo.it
Data: 25-mar-2013 9.42
A: <piattaforma_comunista at lists.riseup.net>
Ogg: Napolitano e Terzi, l'Italia dei colpi di mano

omiss.
L'11 marzo il ministro degli Esteri Terzi e il ministro della Difesa ammiraglio Di Paola (entrambi in carica "per le sole questioni di ordinaria amministrazione"!) hanno cercato, con un arrogante colpo di mano,di trattenere in Italia i due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone (imputati in India dell'omicidio di due pescatori indiani), che erano temporaneamente rimpatriati per l'esercizio del diritto di voto in Italia e che, in base a un preciso accordo fra il governo di Roma e quello di Nuova Delhi, avrebbero dovuto ritornare in India per esservi processati.

In risposta allo scandaloso atto dei due ministri, la Corte Suprema indiana decise di non riconoscere più l'immunità diplomatica all'ambasciatore italiano a Nuova Dehli perché era stata violata la dichiarazione giurata con cui l'Italia aveva garantito il rientro in India dei due fucilieri di marina. Il 21 marzo, dopo che la stampa di molti paesi aveva espresso duri giudizi sulla «consueta inaffidabilità dell'Italia» in campo internazionale, il responsabile della Farnesina ha fatto macchina indietro e Latorre e Girone sono ripartiti per l'India.

Terzi ha dichiarato pubblicamente che «tutte le decisioni sui marò e sui rapporti con l'India sono state prese fin dall'inizio dal governo collegialmente»; ma è stato sbugiardato dalla Fornero, la quale ha affermato in televisione che «la decisione di fermare i marò in Italia non è mai arrivata al Consiglio dei Ministri». Tutta la vicenda testimonia l'inettitudine e la decadenza della classe politica che ci governa, ed è anche una dimostrazione della debolezza dell'imperialismo italiano nell'arena internazionale.

Sono tutti motivi di riflessione per noi proletari. Dobbiamo liberarci dei governi borghesi che stanno portando l'Italia alla rovina sul piano economico, politico e sociale. Dobbiamo liberarci del sistema parlamentare borghese, di tutte le ipocrite istituzioni della democrazia borghese, che sempre più si rivelano come lo strumento del dominio politico del capitale sul lavoro.

Un vero cambiamento potrà venire solo dalla rivoluzione socialista che darà tutto il potere agli operai e agli altri lavoratori sfruttati!
23 marzo 2013 Piattaforma Comunista www.piattaformacomunista teoriaeprassi at yahoo.it

----Messaggio originale----
Da: a.marescotti at peacelink.it
Data: 25-mar-2013 10.06
A: "Lista Diritti Globali PeaceLink"<dirittiglobali at peacelink.it>
Ogg: R: Re: Vae Victis !

La discussione come e' impostata e' fuori policy.

Il moderatore
www.peacelink.it

From: maurilio orione <maurilio.orione at gmail.com>
Sender: dirittiglobali-request at peacelink.it
Date: Mon, 25 Mar 2013 09:10:51 +0100
To: <dirittiglobali at peacelink.it>
ReplyTo: dirittiglobali at peacelink.it
Subject: Re: Vae Victis !

e quindi?


Il giorno 25 marzo 2013 01:04, camillo.coppola at tin.it <camillo.coppola at tin.it> ha scritto:
 
Vae Victis !
E i Brenni Indiani lanciarono nel piatto della bilancia uno ambasciatore Italiano...
a quel punto rispuntarono i 2 marò.
Marooò che figura,la patria del Machiavelli !

--
Nota di riservatezza: Questo messaggio potrebbe contenere opinioni personali le quali non costituiscono impegni o posizioni ufficiali a meno che cio' sia diversamente indicato. Il presente messaggio, corredato degli eventuali relativi allegati, contiene informazioni da considerarsi strettamente riservate ai sensi della vigente normativa in materia di protezione dei dati personali, ed e' destinato esclusivamente al destinatario(i) sopra indicato. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato e' avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone diverse dal destinatario e' severamente proibito, ed e' pregato di rinviarlo immediatamente al mittente distruggendone l'originale. Grazie.