[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

COMUNICATO DEL LIBERAL NATIONAL POPULAR MOVEMENT DELLA LIBIA, DI FRONTE ALLE DETENZIONI DEI RIFUGIATI LIBICI






----Messaggio originale----
Da: p.delablanca at ojosparalapaz.org
Data: 25-mar-2013 17.48

Ogg: COMUNICADO DEL LIBERAL NATIONAL POPULAR MOVEMENT DE LIBIA, ANTE LAS DETENCIONES DE REFUGIADOS LIBIO


Autor : Libiamor
Tomado en : Liberal National Popular Movement de Libia, El Cairo
http://www.leonorenlibia.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1623:declaracion-de-los-libios-desde-su-exodo-involuntario&catid=10:catcron   <<<< spagnolo

italiano >>>>>

Dichiarazione della comunità libica in esilio involontario dopo
 
l'aggressióne della NATO alla LIBIA nel 2011


I libici in esilio manifestano pubblicamente  il rifiuto totale alle aggresioni subite dalla Nato, nel secondo anniversario del
 
inizio dell' attacco dell' Organizzazióne dell' Atlántico Nord con il pretesto della supposta protezióne civile.


Ci stánno facendo ripetute incursioni nelle case dei Libici rifugiati in Egitto, dove si trovano a causa dell'esodo 

involontario, oltre alle detenzioni senza previa conoscenza o avviso: dopo la mezza notte  del 18 e 19 di Marzo del

2013,  contravenendo al diritto egiziano e alle norme internazionali.

Un comportamento che viola tutti i diritti umani.


Continúano con la distruzióne della qualità della vita dei libici, la distruzióne delle infrastrutture libiche, l' assassinio di

migliaia di cittadini, detenzioni senza accuse, sfollamenti interni , come risultato della guerra perpetrata dai membri

della NATO:30.000 incursioni aéree , 20.000 missili lanciati sul paese.


I libici sfollati in Egitto hanno presentato la petizióne per l'asilo alle autorità egiziane, e questo asilo include sicurezza e

protezióne nelle regole del diritto e comissióni delle persone sfollate in Egitto.


Dopo le realizzate consulte con gli stati vicini la Libia ha presentato un progetto per risolvere il conflitto e il potere

provvisorio, assumendo IL DIÁLOGO E LA RICONCILIAZIÓNE NAZIONALE per evitare una guerra civile. Di fatto le

autorità egiziane hanno patrocinato la sessióne iniziale del 26/05/2012 tra una delegazióne del Consiglio Nazionale di

Transizióne Libico e una delegazióne dei libici sfollati, con l' único fine del DIÁLOGO.


Oggi invece di continuare a realizzare gli sforzi di pace mediante il diálogo, molto al contrario le autorità libiche fanno il 

 possibile per esercitare pressione sulle autorità egiziane perchè gli consegnino i libici che si trovano in ésodo

involontario, mediante argomenti frágili e non basati sul diritto constituzionale.


Ci rivolgiamo all' opinióne púbblica tanto áraba quanto mondiale e alle Nazioni Unite e i loro órgani competenti per

proclamare il nostro rifiuto di fronte a questo ATTO ILLEGALE che non corrisponde alla reputazióne egiziana nè al

rispetto della constituzióne e delle leggi che non permettono l' estradizióne di rifugiati mettendo in pericolo le loro  vite e

esponendoli alle  minacce.


Così come vogliamo rivolgerci alle autorità egiziane capeggiate dal Presidente Mohammed Morsi e a tutte le forze

polítiche e popolari, il nostro appoggio alla corretta applicazióne del diritto e dei  testi constituzionali, rifiutare l'

estradizióne dei rifugiati libici in Egitto.


Secondo le Nazioni Unite, i rifugiati libici stánno  sulla propia terra e non necessitano di inscriversi come rifugiati.

¿Forse è incompatibile con l' impegno e le misure che hanno adottato con vari dirigenti libici nell' "oscurità" e in forma

arbitraria?


Sottolineamo con sollecitudine la libertà immediata  dei libici che sono stati detenuti ed esigiamo una lógica e il diritto.

Dichiariamo:


1. I libici rifugiati in Egitto nel loro ésodo involontario non hanno commesso nessun crimine contro l' Egitto o gli egiziani.

Le autorità egiziane accettano le dichiarazioni frágili senza giurisdizióne? Si può consultare la Risoluzióne del Consiglio

di Sicurezza più recente 2095/2013, dove si regolano le condizioni avverse che lo stato di diritto, la giustizia e la

sicurezza libica.


2. Tutti sanno che la Libia vive in una situazióne trágica e molto complessa dove le autorità provvisorie  non

controllano i gruppi armati (milizie) che sono centinaia di migliaia, e lo  stato  e la giustizia non esistono. Basta

ricordare gli últimi fatti accaduti riguardo alla morte dell' embasciatorr USA a Benghazi o si possono consultare le 

informazioni della Conferenza nazionale nella quale molti partecipanti si sono dimessi di fronte all' impotenza.

¿ In queste circonstanze qualcuno può fidarsi e pensare che vadano rispettati i diritti umani e fidarsi di consegnare

alle autorità provvisorie un'estradizione di un oppositore político?
 C'è una grande preoccupazióne per la mancanza dei procedimenti giudiziari in relazióne con le detenzioni che stánno

vincolate al conflitto, grande preoccupazióne per le informazioni di violazioni e abusi che colpiscono i diritti  umani e il

diritto Internazionale.


4. Vogliamo ricordare ai funzionari egiziani e fratelli, la loro umanità verso il popolo libico tanto colpito, che sta vivendo

una tragedia dovuta  alla Risoluzióne del Consiglio di Sicurezza 1973,  con il pretesto di proteggere i civili, e in realtà è

un'auténtica aggressióne, distruzióne, assassini, detenzioni,...ciò che da diritto alle persone onorabili di non accettare.
Cercare la vendetta non è la strada per la stabilità. Il DIALOGO E LA RICONCILIAZIÓNE NAZIONALE è l' única forma

e desideriamo che così accada.
Che i funzionari egiziani per volontà del popolo egiziano presteranno una protezióne, il diritto di asilo e il rispetto dei

diritti umani.


--
Publicado por libiamor para ojos para la paz el 3/25/2013 03:46:00 p.m.