[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Lo Stato Pontificio dev'essere soppresso. Documento da inviare e diffondere se condiviso



Movimento per la società di giustizia e per la speranza
Cari amici,
                il Movimento ha preparato questo documento sulla necessaria soppressione dello Stato Pontificio,
per il quale chiede il vostro aiuto nell'invio e nella diffusione. Il documento può anche essere fatto proprio e modificato.
Gl'indirizzi:

Romano Pontefice Jorge Mario Bergoglio, dsm at vatican.va

Card. Tarcisio Bertone, segreteria at sds.va

CEI- Card. Angelo Bagnasco,  presidente at chiesacattolica.it

Un saluto fraterno da Arrigo Colombo
 

Movimento per la Società di Giustizia e  per la Speranza

Lecce

 

Al Romano Pontefice Jorge Mario Bergoglio

al Segretario di Stato Card. Tarcisio Bertone

al Card. Angelo Bagnasco

 

Lo Stato Pontificio dev’essere soppresso

 

È infatti una entità politica, dotata di potere politico - di potere legislativo, esecutivo, giudiziario, come afferma la sua Costituzione (l’ultima del 2/02/2001); potere detenuto dal Papa, che “ne ha la pienezza”; un  potere di tipo assoluto, come nella tradizione monarchica.

 

Nel vangelo la comunità ecclesiale, la «mia chiesa», è concepita sempre in alterità dal fatto politico.

Non solo in rapporto «ai regni della terra, al loro potere e alla loro gloria», che compaiono come forme del male (nell’episodio delle tentazioni, Lc 4, 5-7; Mt 4, 8-9) in quanto sedi di un potere d’uomo su uomo, potere espropriato al popolo, potere oppressivo o anche dispotico; potere ingiusto.

Di cui il Cristo parla sempre con distacco e sdegno:  “I re delle nazioni le dominano, e quei che han potere su di loro sono chiamati benefattori” (titolo effettivamente assunto da diadochi e re, dove si fa palese l’ipocrisia del dispotismo, e l’ironia con cui la rievoca il Cristo); “sapete che quei che son ritenuti comandare sulle nazioni le tiranneggiano e i loro grandi vi esercitano un duro potere” (Lc  25; Mc 10, 42).

 

Cui oppone la condizione apostolica ed ecclesiale: “Non è così tra voi. Ma se qualcuno vorrà tra voi essere un grande, sarà vostro servo, e se vorrà tra voi essere primo, sarà schiavo di tutti” (Mc 10, 43-45 e parall.; Lc 22, 26-27). Con un rifiuto del potere fortissimo; fino ad escludere ogni forma di superiorità, di prestigio sociale, il signore, il maestro, il dirigente (kathêgêtês, sec. Mt 23, 10); ogni potere giuridico, morale, intellettuale, dottrinale.

Di fronte a Pilato egli non disconosce il potere politico, ma se ne distanzia, ” il mio regno non è di questo mondo” (Gv 18, 36): che è l’esclusione del potere politico dalla sua Chiesa.

 

La presenza di un potere secolare all’interno della comunità ecclesiale è totalmente estranea al progetto evangelico. Per la differenza dei fini: l’uno rivolto alla costruzione e promozione della società umana attraverso la convivenza e cooperazione retta dalla legge e dal suo vincolo coattivo; l’altro rivolto alla redenzione e santificazione dell’umanità attraverso la formazione di comunità fraterne intimamente solidali, amorose, nonviolente.

 

Il testo introduttivo della Costituzione tenta di giustificare l’esistenza di questo stato come «garanzia della libertà della Sede Apostolica e come mezzo per assicurare l’indipendenza reale e visibile del Romano Pontefice nell’esercizio della sua missione nel mondo». Ma questa libertà e indipendenza ha la sua autentica garanzia nella presenza del Cristo e dello Spirito. Nessun’altra garanzia è prevista.

Lecce, maggio 2013

                                                                        Per il Movimento il Responsabile

                                                                                  Prof. Arrigo Colombo

 

Arrigo Colombo, Centro interdipartimentale di ricerca sull’utopia, Università del Salento-Lecce

Via Monte S.Michele 49, 73100 Lecce, tel/fax 0832-314160

E-mail arribo at libero.it/ Pag  web http://digilander.libero.it/ColomboUtopia

 

 

Nessun virus nel messaggio.
Controllato da AVG - www.avg.com
Versione: 2013.0.3343 / Database dei virus: 3184/6366 - Data di rilascio: 29/05/2013