[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

VATICANO-ONU-SIRIA Mons. Tomasi: No all'escalation militare in Siria. Sì al dialogo politico - Asia News






----Messaggio originale----
 Data: 30-mag-2013 15.02
 Ogg: Archbishop Silvano Tomasi's Address to the UN Human Rights Council Interactive Dialogue | ZENIT - The World Seen From Rome

http://www.zenit.org/en/articles/archbishop-silvano-tomasi-s-address-to-the-un-human-rights-council-interactive-dialogue

 Questa posizione e dichiarazione della Santa Sede e' IMPORTANTE


( traduzione g )

Ginevra, ( Zenit.org ) ( Zenit.org ) | 397 hits | 397 visite

 Intervento di Sua Eccellenza l'Arcivescovo Silvano M. Tomasi osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite e altre rganizzazioni internazionali a Ginevra 23 ª sessione del dialogo sui diritti umani del Consiglio Interactive

Geneva, May 27, 2013 Ginevra, 27 maggio 2013

Mr. President, Signor Presidente,

 La mia Delegazione si congratula signora Commissario per la sua presentazione, nonché per le attività del suo ufficio per la promozione, il riconoscimento e l'attuazione dei diritti umani.

Mr. President, Signor Presidente,

 Le gravi violazioni del diritto alla libertà di religione in generale e la recente continue discriminazioni e attacchi sistematici inflitti alcune comunità cristiane in particolare, riguardano profondamente la Santa Sede e molti governi democratici la cui popolazione abbracciare varie tradizioni religiose e culturali. Ricerca credibile è giunta alla conclusione scioccante che una stima di più di 100.000 cristiani sono violentemente ucciso a causa di una qualche relazione con la loro fede ogni anno. Altri cristiani e gli altri credenti sono sottoposti a movimenti forzati, alla distruzione dei loro luoghi di culto, di stupro e di sequestro dei loro leader, come è recentemente accaduto nel caso dei vescovi Yohanna Ibrahim e Boulos Yaziji, ad Aleppo (Siria) .

 Molti di questi atti sono stati perpetrati in alcune parti del Medio Oriente, in Africa e in Asia, il frutto del fanatismo, l'intolleranza, il terrorismo e alcune leggi di esclusione.  Inoltre, in alcuni paesi occidentali, dove storicamente la presenza cristiana è stata una parte integrante della società, emerge una tendenza che tende ad emarginare il cristianesimo nella vita pubblica, ignorare i contributi storici e sociali e anche limitare la capacità delle comunità di fede per svolgere beneficenza sociale servizi.

" Signor Presidente, il Consiglio dei diritti dell'uomo ha riconosciuto che "la religione, la spiritualità e la fede possono e possono contribuire alla promozione della dignità inerente e del valore della persona umana". The Christian religion, as other faith-communities, is "at the service of the true good of humanity." La religione cristiana, come le altre comunità di fede, è "al servizio del vero bene dell'umanità." Infatti "le comunità cristiane, con il loro patrimonio di valori e principi, hanno contribuito molto a rendere le persone ei popoli consapevoli della loro identità e della loro dignità".

 A questo proposito, può essere utile che la delegazione della Santa Sede dovrebbe ricordare alcuni dati pertinenti sugli attuali servizi per la famiglia umana svolta nel mondo dalla Chiesa Cattolica, senza alcuna distinzione di religione o razza.  Nel campo dell'istruzione, viene eseguito 70.544 scuole materne con 6.478.627 alunni; 92.847 scuole elementari con 31.151.170 alunni; 43.591 scuole secondarie con 17.793.559 alunni. La Chiesa educa anche 2.304.171 giovani delle scuole superiori e 3.338.455 studenti universitari.  Carità in tutto il mondo della Chiesa e centri sanitari comprendono: 5,305 ospedali, 18.179 dispensari, 547 case di cura per le persone con la lebbra; 17.223 case per anziani o malati cronici o le persone con disabilità; 9.882 orfanotrofi, 11.379 asili nido, 15.327 consultori matrimoniali; 34.331 centri di riabilitazione sociale e 9.391 altri tipi di istituzioni di beneficenza. A tali dati sull'attività azione sociale, non ci dovrebbero essere aggiunti i servizi di assistenza effettuate in campi profughi e di sfollati e l'accompagnamento di queste persone sradicate. Questo servizio di certo non richiede la discriminazione contro cristiani.

 Signor Presidente,

 Permettetemi anche di congratularmi con le delegazioni, come quella di Italia, che hanno preso la parola per esprimere una difesa della libertà religiosa, in generale, e dei cristiani in particolare, dal momento che questi sono stati presi di mira le vittime di violazioni dei diritti umani e di accogliere la posizione del Presidente del Consiglio dei Bangladesh sull'introduzione di legge anti-blasfemia nel suo paese.  In conclusione, le parole Papa Francesco 'per quanto riguarda la celebrazione del 17 ° centenario dell'Editto di Milano, che ha aperto la strada alla libertà religiosa, è un desiderio del caso, che "... le autorità civili ovunque rispettano il diritto di manifestare pubblicamente la propria fede e di accettare senza pregiudizio il contributo che il cristianesimo continua ad offrire alla cultura e alla società del nostro tempo ".

 Grazie Signor Presidente.




----Messaggio originale----
Data: 30-mag-2013 13.07
Ogg: VATICANO-ONU-SIRIA Mons. Tomasi: No all'escalation militare in Siria. Sì al dialogo politico - Asia News

http://www.asianews.it/notizie-it/Mons.-Tomasi:-No-all'escalation-militare-in-Siria.-S%C3%AC-al-dialogo-politico-28064.html

» 30/05/2013 12:04
VATICANO-ONU-SIRIA
Mons. Tomasi: No all'escalation militare in Siria. Sì al dialogo politico
L'osservatore della Santa Sede all'Onu di Ginevra chiede che non vi sia invio di armi in Siria e che si aprano negoziati pacifici per portare a un governo partecipato da tutte le rappresentanze del Paese. Anche la Commissione Onu per i diritti umani domanda che non si vendano armi o munizioni alle parti in lotta. La diplomazia europea ha cancellato un bando agli aiuti militari ai ribelli. Ma diversi Paesi hanno venduto armi ad Arabia saudita e Qatar, alleati e sponsor dell'opposizione.

Ginevra (AsiaNews) - Contro "l'inutile e distruttiva tragedia" che sta sbriciolando la Siria e il Medio oriente, la via da seguire non è "l'intensificazione militare del conflitto armato, ma il dialogo e la riconciliazione". È l'appello di mons. Silvano Tomasi, osservatore della Santa Sede all'Onu di Ginevra, lanciato ieri durante l'incontro della Commissione delle Nazioni Unite  per i diritti umani, sul tema "Il deterioramento della situazione dei diritti umani nella Repubblica araba siriana e le recenti uccisioni di Al Qusayr".

Le parole di mons. Tomasi vanno in totale controtendenza con le richieste dell'opposizione siriana, che  chiede all'occidente aiuti militari contro il regime di Assad. L'urgenza di tali richieste è motivata dal rischio che la città di Al Qusayr, assediata da tempo, torni nelle mani dell'esercito regolare.

Proprio nei giorni scorsi l'Unione europea ha cancellato il bando sull'export di mezzi militari all'opposizione siriana. Secondo alcuni osservatori, tale bando non è mai stato attuato: nei quasi due anni di guerra civile in Siria, diversi Paesi europei hanno venduto armi ad Arabia saudita, Qatar e Abu Dhabi, alleati del Free Syrian Army, maggior forza di opposizione al governo siriano.

Per giustificare la fine ufficiale del bando agli aiuti militari, le diplomazie europee - soprattutto Francia e Gran Bretagna - continuano a denunciare la presenza di migliaia di Hezbollah libanesi in Siria, a sostegno di Assad. Nessuna parola sulle altrettante migliaia di combattenti jihadisti che da tutto il Medio oriente (e anche dall'Europa) vanno a combattere contro l'esercito siriano.

Anche Navi Pillai, Alto commissario Onu per i diritti umani, ha denunciato la Siria per la presenza di "truppe straniere" a Qusayr. Il messaggio finale della Commissione Onu è però simile a quello di mons. Tomasi: "Se la situazione attuale persiste, o si deteriora di più, i massacri interetnici diverranno una certezza, invece che un rischio... Il messaggio da tutti noi deve essere lo stesso: noi non sosterremo questo conflitto con armi, munizioni, politica o religione".

Nel suo intervento, l'osservatore della Santa Sede denuncia che "decine di migliaia di vite sono state distrutte; 1,5 milioni di persone sono state forzate a fuggire all'estero come rifugiati; più di 4 milioni hanno perso la loro casa; e i civili sono divenuti l'obbiettivo delle parti in guerra, in totale disprezzo verso le leggi umanitarie".

Mons. Tomasi ricorda le parole di papa Francesco nel suo messaggio pasquale: "Quanto sangue è stato versato! E quante sofferenze dovranno essere ancora inflitte prima che si riesca a trovare una soluzione politica alla crisi?". Per questo egli domanda che "le armi tacciano" e che si cerchi a tutti i costi una soluzione politica che inizi con negoziati pacifici e porti a un governo partecipato da tutte le rappresentanze civili del Paese.