[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

L'EMANCIPAZIONE dei POPOLI del MONDO





Con preghiera
di considerazione:




------------------------------------
L'EMANCIPAZIONE dei POPOLI del MONDO
------------------------------------



        ANTEFATTO

Quando i vari PAESI della TERRA divennero democratici, le minoranze che ereditarono dai 
precedenti regimi gli incarichi a vita delle rispettive Funzioni Pubbliche, invece di 
restituirli ai cittadini, così come democrazia richiedeva, continuarono a tenerli per sè. 
Con le sopraggiunte democrazie, queste primarie risorse collettive avrebbero dovuto 
iniziare ad essere partecipate tramite assegnazioni a TEMPO DETERMINATO. I loro 
accaparratori hanno invece approfittato delle posizioni di potere per mantenere gli 
indebiti privilegi d'epoca tirannica.


        ASSUNTO

La democrazia si distingue dalla tirannia nel fatto che ogni ruolo pubblico, tanto in 
AMBITO DECISIONALE quanto in AMBITO FUNZIONALE (nell'apparato scolastico, fiscale, 
giudiziario, etc.) dev'essere periodicamente RESTITUITO al POPOLO. Ogni pubblico 
incarico, dal più umile al più elevato, contiene un certo potere e per questa ragione non 
può essere detenuto a vita. Pena lo scadere nella tirannide. TUTTI noi cittadini siamo 
SOVRANI e PROPRIETARI della Res Publica. Quelli che l'hanno accaparrata a vita l'hanno 
fatto contro il fondamento della democrazia.


        EFFETTI

Per via di un apparato pubblico rimasto tirannico, le società hanno continuato a 
svilupparsi secondo un modello organizzativo distorto e ribaltato. Ad es. 
l'associazionismo ha assorbito un gran numero di fresche energie umane che andavano 
invece indirizzate, ben preparate ed a scadenza, all'interno dei pubblici impieghi. Il 
settore economico privato ha beneficiato di gran denaro pubblico che doveva invece 
servire ad alimentare e far crescere la RES PUBLICA, venendo per contro caricato di pesi 
sociali che competevano la sola basilare economia pubblica.


        CONCLUSIONE

Gli assunti a vita nelle Funzioni Pubbliche dei Paesi democratici sono dei veri e propri 
ABUSIVI e vanno pertanto immediatamente RIMOSSI. Il PUBBLICO IMPIEGO a TEMPO DETERMINATO 
è EQUO e SOLIDALE. Esso realizza quella DEMOCRAZIA OPERATIVA senza la quale la DEMOCRAZIA 
PARLAMENTARE diviene un continuo ciarlare senza progressi. La democratizzazione del 
PUBBLICO IMPIEGO va compiuta con assoluta priorità così da permettere ai cittadini di 
riorganizzare e condurre, direttamente, le pubbliche attività e servizi nel modo che 
ritengono opportuno.

Quanto appena detto non è una mera proposta. Trattasi di presa di coscienza e vera e 
propria SCOPERTA STORICA. I POPOLI della TERRA, proprio divenendo consapevoli di essere 
stati traditi e truffati per decenni dai PREDATORI di POTERI che, una volta divenuti 
DEMOCRATICI, andavano regolarmente CONDIVISI, possono vivere un epocale processo di 
EMANCIPAZIONE che li renderà immediatamente LIBERI. Dai Paesi del Nord Africa a quelli 
d'Europa fino a quelli del Sud America e dell'Oriente, un'unico moto ci animi: liberare e 
far crescere le nostre sacre RES PUBLICHE.


        In modo assolutamente pacifico, legale e civile, questo èsito sìa nostro!


Danilo D'Antonio

Piazza del Municipio
64010 Rocca S. M. (TE)
Italia - Europa

tel. ++39 339 5014947


PUBBLICO IMPIEGO DEMOCRATICO
il diritto che ancora non conoscevamo
http://www.hyperlinker.com/ars/index_it.htm