[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

R: Libia: in pericolo il processo di democratizzazione



MA SIETE SCEMI O CI FATE ? 
DEMOCRATIZZAZIONE ... BISOGNA SUPERARE L'ARABIZZAZIONE VOLUTA DAL DITTATORE 
GHEDDAFI... (?!)

Siete come il vietnamiti recentemente scoperti nella giungla o del soldato 
giapponese scoperto sul finire degli anni 60...Ancora lì a ripetere le 
giaculatorie USraeliane e NATO ?
Ma basta no ! Avete sterminato decine di migliaia di persone, avete messo al 
governo dei criminali....e recitate anmcora la litania della 
democratizzazine...
Speriamo che Soros, CIA e Mossad decidano che non gli servite più e vi tolgano 
i fondi europei....


>----Messaggio originale----
>Da: info at gfbv.it
>Data: 14/08/2013 11.32
>A: <dirittiglobali at peacelink.it>, <conflitti at peacelink.it>, <pace@peacelink.
it>, <news at peacelink.it>, <nodo-bz at liste.retelilliput.org>
>Ogg: Libia: in pericolo il processo di democratizzazione
>
>Associazione per i popoli minacciati / Comunicato stampa in 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2013/130814it.html
>
>Libia: in pericolo il processo di democratizzazione
>Maggiore spazio e partecipazione di donne e rappresentanti delle 
>minoranze non arabe all'Assemblea Costituente!
>
>Bolzano, Göttingen, 14 agosto 2013
>
>In seguito alle manifestazioni berbere davanti al Congresso Nazionale 
>Libico a Tripoli, l'Associazione per i Popoli Minacciati (APM) mette in 
>guardia dal pericolo di una mancata democratizzazione della Libia. 
>Secondo l'APM, il paese potrà superare in modo credibile la politica di 
>forzata arabizzazione imposta dall'ex dittatore Gheddafi solo concedendo 
>alle minoranze non arabe dei Berberi, Tuareg e Toubou un'adeguata 
>partecipazione alla vita politica del paese.
>
>Il basso numero di mandati di rappresentanza concesso dal Parlamento 
>libico alle minoranze per l'Assemblea costituente ha fatto infuriare le 
>minoranze del paese e ha creato i presupposti per la manifestazione del 
>13 agosto, durante la quale qualche centinaio di manifestanti ha preso 
>d'assalto e devastato il Parlamento di Tripoli. I manifestanti hanno 
>minacciato il boicottaggio delle votazioni per l'Assemblea costituente e 
>scioperi nell'industria petrolifera.
>
>Lo scorso 16 luglio il Congresso Nazionale Libico ha emanato una legge 
>che concede a Berberi (Masiri), Tuareg e Toubou solamente due mandati 
>per gruppo etnico all'interno dell'assemblea costituente. Oltre ai 
>complessivamente sei mandati riservati ai rappresentanti delle 
>minoranze, il Congresso libico ha concesso solo sei mandati anche alle 
>rappresentanti delle donne nonostante queste costituiscano il 49% della 
>popolazione. Alle proteste del Supremo Consiglio dei Masiri, del Supremo 
>Consiglio dei Tuareg e dell'Assemblea Nazionale dei Toubou si sono 
>quindi aggiunte le proteste delle associazioni e organizzazioni 
>femminili del paese. Gli scioperi indetti nel 2012 da Tuareg e Toubou 
>per chiedere un miglioramento delle condizioni di lavoro nell'industria 
>petrolifera avevano bloccato per diversi giorni la produzione di 
>petrolio nel sud della Libia. Ogni giorno di sciopero comporta per la 
>Libia una perdita di entrate fino a 50 milioni di dollari USA.
>
>Secondo l'APM, la stabilità nel paese può essere raggiunta unicamente 
>attraverso una reale democratizzazione e una vera partecipazione di 
>tutte le realtà libiche alla vita del paese. La stabilità libica è 
>importante anche per i paesi europei che in larga parte importano 
>petrolio dal paese nordafricano e che quindi dovrebbero sostenere 
>l'avvio di un vero processo democratico in Libia.
>
>Vedi anche in gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/2013/130603it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2013/130131it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2012/121219it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2012/120424it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2012/120217it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110907it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110308it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110307it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110301it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110228it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110224it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110223it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110222it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110221it.html | 
>www.gfbv.it/2c-stampa/2011/110217it.html | 
>www.gfbv.it/3dossier/me/libyen1-it.html | 
>www.gfbv.it/3dossier/africa/tuareg1-it.html | 
>www.gfbv.it/3dossier/masiri/masiri.html
>in www: http://it.wikipedia.org/wiki/Tebu | 
>http://it.wikipedia.org/wiki/Berberi | 
>http://it.wikipedia.org/wiki/Libia | www.makabylie.org
>
>-- 
> > Per i diritti umani. In tutto il mondo / Für Menschenrechte. Weltweit
>Associazione per i popoli minacciati / Gesellschaft für bedrohte Völker
>Via Marconi Str. 5 - I-39100 Bolzano / Bozen
>Dr. Mauro di Vieste - Tel/Fax: +39 0471.972240
>Email: info at gfbv.it - www.gfbv.it
>5x1000? C.F./MwSt. 94032570213
>
>--
>Mailing list Dirittiglobali dell'associazione PeaceLink.
>Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
>Archivio messaggi: http://lists.peacelink.it/diritti
>Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
>http://web.peacelink.it/policy.html
>
>