[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Diritti] La caduta del cielo: il libro straordinario di uno sciamano yanomami




COMUNICATO STAMPA DI SURVIVAL INTERNATIONAL

5 novembre 2013

La caduta del cielo: il libro straordinario di uno sciamano yanomami

La caduta del cielo è un
                    libro unico, scritto dallo sciamano yanomami Davi
                    Kopenawa.
La caduta del cielo è un libro unico, scritto dallo sciamano yanomami Davi Kopenawa.
© Harvard University Press

Nel primo libro mai scritto da uno Yanomami, Davi Kopenawa – sciamano e principale portavoce del suo popolo – descrive la ricchezza culturale, la storia e lo stile di vita degli Yanomami della foresta amazzonica.

“The Falling Sky: Words of a Yanomami Shaman” (La caduta del cielo: parole di uno sciamano yanomami) è il racconto straordinario della vita di Davi Kopenawa, che dirige l’associazione yanomami Hutukara e continua a difendere i diritti della sua tribù in tutto il mondo.

Nel libro, Davi racconta della sua iniziazione da sciamano e dei primi incontri con gli stranieri – tra questi, i cercatori d’oro che inondarono la terra yanomami durante gli anni ‘80 causando la morte, per malattie o violenze, di un Indiano ogni 5. Descrive, inoltre, l’impressione avuta della cultura occidentale durante i suoi viaggi all’estero, per esempio quando uscì per la prima volta dal Brasile per venire in Europa su invito di Survival International.

“La caduta del cielo” è un’appassionata preghiera per il rispetto dei diritti del popolo Yanomami e la salvaguardia della foresta amazzonica.

Guarda un breve video in cui Davi parla della ‘caduta del cielo’.

“Questo libro lancia un messaggio a chi non appartiene al nostro popolo” ha detto Davi. “Vogliamo raccontare al mondo dei nostri sogni sciamanici. Spero che gli altri possano imparare qualcosa dal nostro libro, e pensare alla nostra storia.”

“La caduta del cielo” è anche una risposta al pregiudizio molto diffuso secondo cui gli Yanomami sarebbero “feroci” e “violenti”, un’idea avanzata dal controverso antropologo Napoleon Chagnon.

Il libro di Davi Kopenawa
                    è un'appassionata supplica per il rispetto dei
                    diritti degli Yanomami e la salvaguardia della
                    foresta amazzonica.
Il libro di Davi Kopenawa è un'appassionata supplica per il rispetto dei diritti degli Yanomami e la salvaguardia della foresta amazzonica.
© Fiona Watson/Survival

Il libro è stato scritto in collaborazione con l’antropologo francese Bruce Albert, che lavora con gli Yanomami del Brasile dal 1975. Bruce Albert è Direttore dell’Institut de Recherche pour le développment (IRD) e vice Presidente della sede francese di Survival International.

Nota ai redattori:

- “La caduta del cielo” è stato pubblicato originariamente in francese da PLON (vedi edizione originale). L’edizione inglese è della Harvard University Press ($39.95/ £25.00/ €30.00). 

- Survival sostiene gli Yanomami da decenni e, insieme alla ONG brasiliana Commissione PRO Yanomami (CCY), ha guidato la campagna internazionale per la demarcazione del loro territorio. Il Parco yanomami è stato creato nel 1992, ma il territorio continua a essere invaso dai minatori illegali.



Per leggere la storia online: http://www.survival.it/notizie/9708

Dal 1969 Survival International aiuta i popoli indigeni di tutto il mondo a proteggere le loro vite, le loro terre e i loro fondamentali diritti umani. www.survival.it




Per ulteriori informazioni e immagini, o per utilizzare la foto allegata:

Francesca Casella:
Survival Italia
T (+39) 02 8900671
E ufficiostampa at survival.it

Oppure Alice Bayer (in inglese):
T (+44) (0) 207 6878710
E ab at survivalinternational.org

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Mailing list Dirittiglobali dell'associazione PeaceLink.
Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html
Archivio messaggi: http://lists.peacelink.it/diritti
Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
http://web.peacelink.it/policy.html