[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Diritti] carcere per poveri, ricchi a casa



Tra l'1 gennaio 2009 e il 17 ottobre 2013 sono stati 306 i detenuti suicidi: 103 erano stranieri e 203 italiani; 7 le donne, di cui 4 straniere. A fornire i dati l'Osservatorio permanente sulle morti in carcere. Il più giovane aveva 17 anni, si chiamava Yassine El Baghdadi ed è morto impiccato il 17 novembre 2009 nell'Ipm di Firenze.

Il più anziano aveva 77 anni, si chiamava Francesco Pasquini ed è morto impiccato il 3 febbraio 2013 nel carcere di Lanciano. I detenuti suicidi sono per la maggior parte giovani: 4 avevano meno di 20 anni, 84 un'età compresa tra 21 e 30 anni, 101 un'età compresa tra i 31 e i 40 anni, 68 tra i 41 e i 50 anni, 34 tra i 51 e i 60 anni, 12 tra i 61 e i 70 anni e 3 dai 71 anni in su. 

L'impiccagione è risultato il «metodo» utilizzato con maggiore frequenza per togliersi la vita (222 casi), seguito dall'asfissia con il gas delle bombolette da camping in uso ai detenuti (59 casi). Più rari i casi di avvelenamento con farmaci (16), soffocamento con sacchi di plastica (5) e dissanguamento (4). Tutte e 7 le donne si sono suicidate impiccandosi. 

Le carceri nelle quali si è registrato il maggior numero di suicidi (10) sono anche quelle che soffrono maggiormente il sovraffollamento: Sollicciano (Firenze) e Poggioreale di Napoli.


--
Nota di riservatezza: Questo messaggio potrebbe contenere opinioni personali le quali non costituiscono impegni o posizioni ufficiali a meno che cio' sia diversamente indicato. Il presente messaggio, corredato degli eventuali relativi allegati, contiene informazioni da considerarsi strettamente riservate ai sensi della vigente normativa in materia di protezione dei dati personali, ed e' destinato esclusivamente al destinatario(i) sopra indicato. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato e' avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone diverse dal destinatario e' severamente proibito, ed e' pregato di rinviarlo immediatamente al mittente distruggendone l'originale. Grazie.