[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Diritti] Torino 25 aprile. Ricordo e fiori alla lapide del partigiano anarchico Baroni



Venerdì 25 aprile
ore 14,30
presidio alla lapide al partigiano anarchico Ilio Baroni
in corso Giulio Cesare angolo corso Novara, dove Ilio è morto combattendo i nazifascisti.

Ricordo, deposizione di fiori, musica – banchetti informativi antifascisti e antirazzisti – volantinaggio in quartiere – bicchierata in ricordo delle tante vittime del fascismo di ieri e di oggi.


Ilio Baroni era uno dei tanti anarchici che lottò contro il fascismo sin dalla prima, guadagnandosi carcere e confino.
Operaio anarchico emigrato a Torino dalla Toscana negli anni venti, divenne comandante della VII brigata Sap delle Ferriere.
Le Sap, Squadre di Azione Patriottica, dove lottavano partigiani provenienti da diverse realtà politiche, sabotavano la produzione, diffondevano clandestinamente le idee antifasciste, si preparavano all’insurrezione.
Ilio, nome di battaglia “il Moro”, al comando della squadra di manovra Sap, è protagonista di azioni di guerra in stile gappista.

Il 25 aprile la città è paralizzata dallo sciopero generale, scoppia l’insurrezione, Torino diventa in breve il campo di una battaglia che dura più giorni.
Il 26 aprile Baroni e i suoi attaccano con successo la stazione Dora, quando giunge una richiesta d’aiuto dalla Grandi Motori. Il Moro non esita e, nel mezzo di una battaglia furiosa, cade sotto il fuoco tedesco.
Il giorno dopo la città sarà liberata dai fascisti, ben prima dell’arrivo delle formazioni esterne.
Il 28 aprile i volontari della libertà di tutte le formazioni percorrono le vie di Torino.
Ilio Baroni non vedrà il momento per cui ha lottato duramente tutta la vita…


Anche quest’anno il 25 aprile facciamo la commemorazione alla lapide di Ilio Baroni. La pietra che lo ricorda è nel centro del quartiere operaio di Barriera di Milano, all’angolo tra corso Giulio e corso Novara.
Oggi rimane solo un pezzo di muro con la pietra, il nome, la foto scolorita.
Sino ad una trentina di anni fa quel muro era la spalletta di un ponte su un piccolo canale.
Era una zona di fabbriche ed un borgo di operai. Operai combattivi, gli stessi dell’insurrezione contro la guerra e il carovita del 1917, quelli dell’occupazione delle fabbriche, della resistenza al fascismo, gli anarchici che durante gli anni più bui della dittatura mantennero in piedi un gruppo clandestino, la gente degli scioperi del marzo ’43.
Oggi sono quasi del tutto scomparsi anche i ruderi di quelle fabbriche. Delle ferriere, dove lavorava Baroni, restano solo gli imponenti travoni di acciaio in mezzo ad un improbabile parco urbano tra ipermercati e multisale.
Il cuore del quartiere è cambiato. La Barriera aveva resistito agli anni dell’immigrazione dal sud, facendosi teatro di lotte grandi tra fabbrica, scuola, quartiere, eludendo il rischio della guerra tra poveri e del razzismo per costruire una stagione di lotte, che ormai trascolora nella memoria dei tanti la cui vita ne è stata attraversata.
Oggi vivere qui è più difficile che in passato: non è solo questione dei soldi che mancano, del fitto da pagare e delle bollette che scadono. Il lavoro non c’è: quando c’é è sempre più nero, pericoloso, precario.
C’è un disagio diffuso che non sa più farsi percorso di lotta, c’é latente la rabbia verso i tanti immigrati africani, magrebini, cinesi, romeni, peruviani che ci abitano e l’hanno cambiato. Si fatica a riconoscere in chi è arrivato da lontano e parla un’altra lingua, il compagno di una lotta che è sempre la stessa, perché sempre uguali sono i padroni, perché sempre uguale è lo sfruttamento, sempre uguale.
Un po’ il vento sta cambiando ma per ora è solo una brezza lieve. Una brezza che spira ogni volta che qualcuno resiste, occupa una casa, sfida i controllori sul tram, costruisce legami solidali.
Noi ogni anno ci ritroviamo alla lapide: si parla, si brinda, si chiacchiera con chi passa. Non è solo una commemorazione. E’ la scelta tenace per i tanti di noi che in questo quartiere sono nati e continuano a vivere, di alimentare la lieve brezza che segnala il mutare dei tempi.
Annodiamo i fili della memoria di ieri con le lotte di oggi.

Le lotte per una casa dignitosa, per non morire di lavoro, per aprire spazi di libertà. Lotte per una società di liberi ed eguali, senza padroni, senza governanti, autogestita
Lotte contro tutte le galere, i CIE, gli OPG
Lotte contro l’occupazione militare e l’imposizione violenta di un’opera inutile e dannosa in Val Susa.
Oggi come allora i partigiani sono chiamati banditi, terroristi.
Oggi come allora “terrorista è lo Stato”.
Terrorista è chi bombarda, sfrutta, opprime.  

Chiara, Claudio, Mattia, Niccolò liberi!

-----

Primo Maggio anarchico

Giovedì Primo Maggio l’appuntamento degli anarchici sociali è in piazza Vittorio alla distro dei libri.
Lo spezzone spezzone rosso e nero al corteo, costruito con compagni di Alessandria, Asti, Novara, Biella, sarà aperto dallo striscione “Terrorista è chi bombarda, sfrutta, opprime”.
Un settore del corteo focalizzato sulle lotte contro la guerra, il militarismo, la repressione.
Ormai i confini tra guerra interna e guerra esterna sono sempre più labili. I militari che fanno la guerra in Afganistan sono gli stessi che la fanno a Chiomonte. Le basi della guerra sono accanto alle nostre case, le fabbriche di morte sono un fiore all’occhiello dell’industria piemontese.
Appuntamento ore 8,30 in piazza Vittorio.

Ore 13 - Pranzo e festa del Primo Maggio in corso Palermo 46. Come sempre chi può da molto, chi non può da poco o anche pochissimo.
Il ricavato sarà benefit per le lotte antirazziste, antifasciste, no tav.

Ore 17,30 – Presidio a Eataly – il supermercato del gusto di Oscar Farinetti – dove si lavora tutti i giorni, compreso il Primo Maggio, dove la precarietà la norma, i contratti a tempo indeterminato tutti (finti) partime, dove 800 euro al mese sono lo stipendio media.
Renzi l’avrebbe voluto all’Economia, come modello dell’imprenditoria made in PD, salsa verde, eco business e sfruttamento del buon tempo antico.
Il Job Act è figlio degli scaffali di questo supermercato.
Il Primo Maggio è una giornata di lotta contro la servitù del lavoro, contro la schiavitù che ritorna.
In via Nizza 230/14.

Per info:
Federazione Anarchica Torinese
corso Palermo 46 – riunioni aperte a tutti gli interessati ogni giovedì alle 21
per prenotare il pranzo:
fai_to at inrete.it – 338 6594361

http://anarresinfo.noblogs.org