[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Diritti] Sviluppo: a chi fa bene davvero? Nuovo film satirico di Survival narrato da Elio




COMUNICATO STAMPA DI SURVIVAL INTERNATIONAL

9 maggio 2014

Sviluppo: a chi fa bene davvero? Nuovo film satirico di Survival narrato da Elio

Il fumetto satirico di
                      Survival 'Arrivano i nostri!' denuncia lo
                      'sviluppo' che distrugge i popoli indigeni del
                      mondo.
Il fumetto satirico di Survival 'Arrivano i nostri!' denuncia lo 'sviluppo' che distrugge i popoli indigeni del mondo.
© Oren Ginzburg/Survival

Si intitola Arrivano i nostri!, vede la partecipazione straordinaria di Elio, ed è un brillante, provocatorio cartone animato diffuso da Survival International per denunciare la distruzione dei popoli indigeni del mondo, spesso operata nel nome dello “sviluppo”.

In soli due minuti, il cartone animato mostra come lo “sviluppo” possa privare popoli indigeni autosufficienti delle loro terre, delle loro risorse e della loro dignità, trasformandoli in mendicanti.

Basato sul fumetto omonimo di Oren Ginzburg, già pubblicato da Survival, il film racconta con illustrazioni brillanti e umorismo tagliente l’arrivo di alcuni “esperti” in una immaginaria comunità della foresta, che rapidamente si ritroverà senza più nulla, ai margini di una baraccopoli.

Messaggio cardine del cortometraggio è quello che i popoli indigeni sanno decidere da soli cos’è meglio per loro stessi, e che l’imposizione di certe forme di sviluppo può finire solo col distruggerli.

“Che razza di progresso è quello che ti fa vivere meno di prima?” ha chiesto il boscimane Roy Sesana a Survival.

Arrivano i Nostri! si ispira a storie reali. In India, in Etiopia, in Canada e in altre parti del mondo, l’imposizione dello “sviluppo” ai popoli indigeni continua ancora oggi, con conseguenze devastanti.

Il governo etiope, per esempio, sta sfrattando e reinsediando a forza oltre 200.000 indigeni della bassa valle dell’Omo, con l’obiettivo dichiarato di dare loro una “vita moderna”. I diritti delle tribù alla consultazione a al libero, prioritario e informato consenso – sanciti dalla Dichiarazione ONU sui popoli indigeni, dalla legge internazionale e anche dalla stessa Costituzione etiope – sono brutalmente ignorati.

“Stiamo aspettando di morire. Siamo disperati” racconta un uomo Mursi. “Quando il governo ci avrà messi tutti in un villaggio, non ci sarà più spazio per le coltivazioni; i miei figli avranno fame e non ci sarà cibo.”

L'Etiopia sta sfrattando
                      con la forza 200.000 indigeni della bassa valle
                      dell'Omo con l’obiettivo dichiarato di dare loro
                      una 'vita moderna'.
L'Etiopia sta sfrattando con la forza 200.000 indigeni della bassa valle dell'Omo con l’obiettivo dichiarato di dare loro una 'vita moderna'.
© Alison M Jones/danitadelimont.com

La Cooperazione italiana mantiene da anni un rapporto privilegiato con l’Etiopia, che recentemente è stata riconfermata come uno dei paesi prioritari per il triennio 2013-2015, con un raddoppio dei fondi stanziati rispetto al triennio precedente.

Survival sta quindi sollecitando i suoi sostenitori a scrivere alla Farnesina per scongiurare qualsiasi forma di complicità nella catastrofe umanitaria che incombe nella Valle dell’Omo, e per chiedere che l’erogazione degli aiuti italiani sia subordinata al rispetto dei diritti dei popoli indigeni e all’interruzione degli sfratti da parte delle autorità etiopi.

“Non è che gli Yanomami rifiutino il progresso o che non vogliano le cose che hanno i Bianchi" spiega Davi Kopenawa. “Vogliamo solo avere la possibilità di scegliere, senza essere costretti a cambiare a tutti i costi, volenti o nolenti.”

“Portare lo ‘sviluppo’ ai popoli tribali contro la loro volontà è un’abitudine antica” ha dichiarato Stephen Corry, direttore generale di Survival. “Risale all’epoca coloniale e giunge fino ai giorni nostri camuffata negli eufemismi del ‘politically correct’. Il suo obiettivo è però sempre lo stesso: permettere a qualcuno di appropriarsi delle terre e delle risorse altrui.”

“I popoli indigeni sono perfettamente in grado di valutare e decidere da soli quale direzione dare al proprio sviluppo” aggiunge Francesca Casella direttrice di Survival Italia. “Interferire nelle loro vite ‘per il loro bene’, senza il loro consenso, è una presunzione razzista e devastante. La storia dimostra ampiamente che chi viene sfrattato e costretto a cambiare stile di vita contro la propria volontà finisce inesorabilmente per soffrire un peggioramento sotto ogni punto di vista: fisico, economico e psicologico. Governi e società non possono accampare alibi”.

Guarda il cartone animato Arrivano i Nostri!, condividilo e diffondilo.
(è possibile condividere il filmato su siti esterni mediante embedding, previa semplice comunicazione a Survival – ufficiostampa at survival.it)

Partecipa all’azione urgente di Survival per fermare lo sfratto delle tribù dell’Omo.



Per leggere la storia online: http://www.survival.it/notizie/10235

Survival International aiuta i popoli indigeni di tutto il mondo a proteggere le loro vite, le loro terre e i loro fondamentali diritti umani. Fondata nel 1969, quest’anno celebra il suo 45° anniversario. www.survival.it




Per ulteriori informazioni e immagini, o per utilizzare la foto allegata:

Francesca Casella:
Survival Italia
T (+39) 02 8900671
E ufficiostampa at survival.it

Oppure Alice Bayer (in inglese):
T (+44) (0) 207 6878710
E ab at survivalinternational.org

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Mailing list Dirittiglobali dell'associazione PeaceLink.
Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html
Archivio messaggi: http://lists.peacelink.it/diritti
Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
http://web.peacelink.it/policy.html