[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Diritti] Renzi e la riforma della PA. Finale di partita con il sindacato?



Martedì 24 giugno Giorgio Napolitano ha firmato il testo di riforma della
Pubblica Amministrazione del governo Renzi.
Il decreto consta di 53 articoli.
La riforma comprende l'abolizione della possibilità di restare al lavoro
oltre l'età di pensione con una parziale reintroduzione del blocco del
turn over, ma con sostanziali tagli dell'occupazione generale.
Viene introdotta la mobilità per gli statali (obbligatoria fino a 50
chilometri) e dimezzato il monte ore dei distacchi e permessi sindacali
dal prossimo primo agosto.
Con il pretesto di colpire la burocrazia sindacale, riducendo il numero
dei funzionari pagati dallo Stato, si riducono anche le ore di assemblea e
i permessi, riducendo così la possibilità stessa di sviluppare forme di
organizzazione sindacale non burocratizzate.
Nei fatti Renzi porta a fondo l'attacco al sindacato "amico", quello della
concertazione, dell'ammortizzazione del conflitto, della mediazione al
ribasso sugli interessi dei lavoratori.
Una parabola inevitabile nel percorso che, in vent'anni, ha portato CGIL,
CISL, UIL dalla concertazione alla complicità con le politiche
governative.

Ci voleva un governo di "sinistra" per mettere le basi per un finale di
partita che segna non solo la mutazione di pelle delle maggiori
organizzazioni sindacali, ma altresì il taglio dei privilegi di cui
godono, perché garanti della pace sociale.
Ci sono mestieri che scompaiono quando diventano inutili: questo è il
destino di CGIL, CISL, UIL, un destino che i provvedimenti siglati
Renzi-Madia avvicinano di un passo.
Renzi vuole farla finita con i corpi intermedi della società, con le
organizzazioni che per decenni hanno contribuito a garantire la mediazione
tra interessi diversi e contrapposti. Renzi è stato il primo presidente
del Consiglio a non inaugurare la propria avventura politica con il
rituale incontro con i vertici di Confindustria. Renzi è il populista
perfetto: il suo corpo è il corpo della nazione, ne definisce e ne incarna
gli interessi. In questo quadro non c'é spazio per Squinzi e Camusso, che
stanno imparando a farsene una ragione.
Vale la pena rilevare che Beppe Grillo, il grande populista per
eccellenza, esordì nel ruolo di leader extraparlamentare di un gruppo
neoparlamentare, inviando il suo deus ex machina Casaleggio a rendere
omaggio a Confindustria.

L'info di Blackout ne ha parlato con il leader della minoranza CGIL
Giorgio Cremaschi, all'indomani della nomina della nuova segreteria CGIL,
in cui Susanna Camusso ha giocato il ruolo dell'asso piglia tutto,
assicurando ai suoi fedelissimi il 68% dei posti disponibili.

Oltre l'analisi del decreto legge di riforma della PA, è scaturita una
riflessione che investe il ruolo stesso delle minoranze "critiche" nella
CGIL, ormai a quasi vent'anni dalla stagione dei bulloni, dalla nascita
impetuosa e della lenta parabola discendente sia del sindacalismo di base
sia delle componenti più combattive della CGIL.

Ascolta qui l'intervista a Giorgio Cremaschi:

http://anarresinfo.noblogs.org/2014/06/27/renzi-e-la-riforma-della-pa-finale-di-partita-con-il-sindacato/