[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: [Diritti] R: Non ho mai visto un vigile urbano romano passare dalla cassa del bar in cui ha fatto colazione/pranzo. Per la cena non so, non entro nei bar.



E immagino che siamo liberi di commentarli e rispondere. O no?

Il 07/Gen/2015 20:03 "Davide Bertok" <davide at bertok.it> ha scritto:
Questa è una mailing list, a cui vi siete iscritti liberamente e immagino coscientemente, per cui a meno che il moderatore decida che questi messaggi sono inopportuni, anche Lorenzo può inviare comunque ciò che vuole e voi sarete tenuti a riceverli.
Al limite potete sempre impostare un filtro sul suo indirizzo o premere il tasto canc quando vedete qualcosa che non vi interessa no?
Saluti,
Davide

Il 07/01/2015 16.44, m.fabbro at libero.it ha scritto:
per cortesia non desidero ricevere più le sue mail

grazie
mv


----Messaggio originale----
Da: eles515 at live.com
Data: 05/01/2015 11.10
A:
Ogg: [Diritti] Non ho mai visto un vigile urbano romano passare dalla cassa del bar in cui ha fatto colazione/pranzo. Per la cena non so, non entro nei bar.

http://comune-info.net/2015/01/veleno-ovvero-cio-penso-dei-vigili-urbani-romani/

Veleno. Ciò che penso dei vigili urbani

Rotafixa | 4 gennaio 2015 |

di  Rotafixa
[Mi rendo conto che è come sparare su un morto. Ma se potessi, riporterei questo morto in vita per strangolarlo con le mie mani. E mi sono cresciuto come pacifista: perché sono romano di adolescenza sicula, quindi con la coscienza di cosa è veder o saper cos’è morire ammazzati, che fossero trovati i cadaveri o no]
– Non ho mai visto un vigile urbano romano passare dalla cassa del bar in cui ha fatto colazione/pranzo. Per la cena non so, non entro nei bar.
– Le rare volte che mi rivolgo, per disperazione stradale, a una pattuglia di vigili urbani romani, non esiste alternativa: mi prendono per il culo. La mia prima voglia è di prenderli a cazzotti. Non si fa e non mi dovrebbe andare, ma l’istinto è quello.
– Il periodo sopra si ripete con una regolarità imbarazzante. Pluridecennale.
– Pare che la categoria sia sana. Dalle mie osservazioni romane non appare. A ogni azione in cui vengono coinvolti al di là delle cose di strada, risponde un’eguale reazione mazzettesca. A questa regola ho visto, in 51 (meno, diciamo, 13) anni nessuna eccezione. Nessuna, mai. per capire che dico cercate la voce “stecca” sulla pagina romanesca di Wikipedia.
– Uno degli ultimi esempi di mafiosità: a ottobre un corriere in bici fu fatto cadere, volontariamente e con una macchina di servizio, su via Labicana da un ufficiale (non un soldatino) dei vigili, che lo strinse sul cordolo facendolo cadere. 4 punti alla mano sinistra. Le pattuglie dei carabinieri sopraggiunte fecero di tutto per convincere lui, e tutti i sopraggiunti tra cui me, a non sporgere denuncia. La paura di rappresaglia ha avuto il suo peso. L’ufficiale, un circa 60enne, non ha problemi. Il corriere sì.
– Lasciamo per il momento perdere il caso di Capodanno: sta nelle cose. Si ritengono i signori di Roma, e si comportano di conseguenza. Spero che vengano bastonati duramente, ma solo per tutto il pregresso.
– Però vorrei parlare ai miei amici di parte politica e di penna come per esempio Alessandro Gilioli, che (per amore di santità?) difendono quest’immondizia che infesta Roma. Vorrei dire loro che sbagliano a non voler dar fuoco all’idea stessa di vigile urbano romano. Ogni romano, anche i peggiori, sa benissimo che i pizzardoni attuali non hanno alcuna cittadinanza in una civiltà urbana.
– Ora, vorrei specificare meglio: è chiaro che il romano standard (ha la macchina e parcheggia in tripla fila, incazzandosi se qualche volta gli fanno la multarella) ce l’ha col vigile.
Perché io, che non ho alcun mezzo a motore, sono ugualmente infuriato con costoro? La mia risposta è: nella mia esperienza a Roma costoro sono dei parassiti, dei grassatori, dei ricattatori, dei criminali in divisa. Non hanno alcuna parte nel contrasto alle criminalità stradali quotidiane. Pochi si salvano, e nessuno di questi denuncia la massima parte dei comportamenti criminali dei colleghi: secondo un principio generale del diritto penale, essi partecipano al reato. Se ne sono a conoscenza e non reagiscono, sono complici.
Per questo considero il corpo dei vigili urbani romani un organismo da sradicare completamente, o in alternativa da rieducare con metodi anche bruschi.
 
ps: durante il black out del 27 settembre 2003 (coinvolse l’Italia intera), a Roma non si verificò alcun problema e non vennero registrati non dico morti, ma neanche feriti. Questo perché, improvvisamente, tutti fecero attenzione alle loro mosse.  Si chiama autocontrollo. Non c’è bisogno di guardie, se si sta attenti.





Lista Diritti globali
Per iscriversi o cancellarsi dalla lista:
http://www.peacelink.it/mailing_admin.html



Lista Diritti globali
Per iscriversi o cancellarsi dalla lista:
http://www.peacelink.it/mailing_admin.html