[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

RE: [Diritti] FW: VIETATO PARLARE



non ho mai chiesto di essere iscritto alla mailing list dell'avvenire dei lavoratori
e infatti non la ricevevo
la trovavo solo qua, e mi sembrava una prepotenza, come ho cercato di spiegare varie volte, che si approfittasse della lista SOLO per mandare una cosa che non legge nessuno
mai quelli di adl, che io ricordi, si son degnati di scrivere qualcosa, mai sono intervenuti
credo di non aver offeso nessuno, se qualcosa si vuol sapere sene può sempre parlare in privato
lorenzo
(certi comportamenti a Roma si dicono "buttarla in caciara")



From: aermanoadl at datacomm.ch
To: dirittiglobali at peacelink.it
Date: Mon, 23 Mar 2015 16:09:31 +0100
Subject: AW: [Diritti] FW: VIETATO PARLARE

VIETATO PARLARE?!

 

DA CHE PULPITO!

 

PROTESTIAMO CONTRO IL BULLISMO

DEL SIGNOR  “LORENZO ES”

E CHIEDIAMO LA CANCELLAZIONE DELL’ADL

DA DIRITTI GLOBALI

 

Dopo i ripetuti tentativi di censura del signor Lorenzo che ha fatto pervenire comunicazioni offensive e bulliste alla nostra direzione, abbiamo provveduto alla cancellazione del recapito dirittiglobali at peacelink.it dalla mailing list dell’Avvenire dei lavoratori e chiediamo che il nostro recapito venga cancellato dalla lista diritti globali.

 

Grazie,

distintamente

 

Maria Satta, mailing list

 

L'AVVENIRE DEI LAVORATORI

Casa editrice socialista, fondata nel 1897

c/o Società Cooperativa Italiana Zurigo

Casella 8965 - CH 8036 Zurigo

Direttore: Andrea Ermano

Tel.: +41 (0)44 2012916

 

 

 

 

Von: dirittiglobali-request at peacelink.it [mailto:dirittiglobali-request at peacelink.it] Im Auftrag von lorenzo es
Gesendet: Montag, 23. März 2015 13:54
An: undisclosed-recipients:
Betreff: [Diritti] FW: VIETATO PARLARE

 

 


VIETATO PARLARE

Si ‘perfeziona’ l’unanimità (già in essere) dei mezzi di informazione.

http://www.vietatoparlare.it/si-perfeziona-lunanimita-gia-in-essere-dei-mezzi-di-informazione/

22 marzo 2015 By admin 0

Das Bild wurde vom Absender entfernt. dittatura_del_pensiero_unico

Accordo tra alcune delle più importanti testate giornalistiche europee.
Dire le stesse cose oggi si chiama 'progresso' e 'promozione' dell'identità europea ma è solo un altro passo verso la formazione di una mentalità conforme al potere ed alla sua idea di progresso e libertà.
Si perfeziona l'unanimità dei mezzi di informazione, come se fosse l'unanimità e non il pluralismo il segno della libertà.

di Patrizio Ricci

Das Bild wurde vom Absender entfernt. indexNell'edizione on-line del 10 marzo 2015 la 'Repubblica' informa:

 "sette importanti giornali di sei paesi hanno lanciato la "Leading European Newspaper Alliance" ("LENA") per mettere in comune esperienze giornalistiche e promuovere giornalismo di qualità in Europa.
Soci fondatori sono "Die Welt" per la Germania, "El Pais" per la Spagna, "la Repubblica" per l'Italia, "Le Figaro" per la Francia, "Le Soir" per il Belgio, "Tages-Anzeiger" e "Tribune de Genève" per la Svizzera. Gli editori delle testate hanno nominato Javier Moreno direttore dell'associazione. Moreno è stato direttore di "El Pais" dal 2006 al 2014.

Questo accordo si chiamerà LENA, tra gli obiettivi "c'è quello di consolidare un'opinione pubblica europea grazie ai valori comuni dalla testate socie relativi all'importanza del giornalismo di qualità con l'obiettivo di creare una società aperta e democratica sostenendo un messaggio di progresso economico e di giustizia sociale. L'alleanza vuole anche assicurare un vantaggio tecnologico, commerciale e editoriale ai propri soci e a tal fine selezionerà in questi campi i partner più adatti".

Ovviamente il vantaggio commerciale ed editoriale non coincide con la verità di informazione ma privilegia, ovviamente , gli editori più ricchi.

Da segnalare che dal 2012 già Ansa ha fatto  un accordo di interscambio. Si tratta di una intesa di scambio di notizie e contenuti multimediali con il Qatar campione della menzogna e della falsificazione (vedi anche 'Il Qatar interessato alle TV europee') .

Anche in questo caso l'interscambio procura vantaggi commerciali ma difficilmente crea 'vantaggi' in termini di libertà di giudizio e correttezza di informazione, il Qatar si trova infatti al 115° posto secondo la classifica 2015  della libertà di informazione  'World Press Freedom Index' stilata da Reporters Without Borders.

L'interscambio si estenderà anche per i contenuti editoriali e tra giornalisti che così 'potranno allargare le loro esperienze' . I contenuti (gli stessi) potranno essere anche pubblicati 'simultaneamente' nelle edizioni delle testate associate.

LENA non solo si occuperà di fare informazione ma proporrà anche 'scambio idee' tramite interviste di politici ed esperti, a patto che siano incentrati 'sullo sviluppo dell'europa'. Ma c'è solo un'idea di 'sviluppo' dell'Europa? Ovviamente no…
Da quello che vediamo la linea che si seguirà sarà quella attuale filo-atlantista, incentrata su una visione tecnicistico-economica dell'Unione propagandatrice delle nuove frontiere dei diritti umani.

Parimenti a questa bella 'pensata' si è ritenuto necessario anche normare di zittire gli altri, gli alieni. Mi riferisco alle testate ed i media stranieri della vicina Russia che potrebbero 'corrompere' il gregge incapace di giudizio. Accanto all'accordo tra i  giornali per promuovere il pensiero disarticolato (ma unico) europeo si sta preparando in sede europea un disegno di legge per censurare i contenuti delle testate straniere considerate 'di propaganda' (lo comunica il tedesco Spiegal-online, riferendosi alle decisioni dell'incontro dei ministri degli Esteri UE tenutosi martedì 17 marzo 2015).


 

 


Allegato Rimosso
Allegato Rimosso
Lista Diritti globali Per iscriversi o cancellarsi dalla lista: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html